Skip to main content

MacBook Pro 13 forse in arrivo con CPU Intel Ice Lake

MacBook Pro (13-inch, 2019)
(Image credit: Future)

Sembra che Apple abbia in programma di produrre una versione aggiornata del MacBook Pro da 13 pollici nel 2020, il che sarebbe anche ora, in quanto i processori Intel Core di ottava generazione stanno iniziando a invecchiare, soprattutto su un notebook di fascia alta.

Un benchmark su 3DMark Time Spy, recentemente fatto trapelare  da @_rogame su Twitter, mostra un nuovo MacBook Pro da 13 pollici che vanta miglioramenti delle prestazioni rispetto alla configurazione con i migliori componenti del 2019. In passato, il leaker aveva scoperto un benchmark su Geekbench 4 del MacBook Pro da 16 pollici prima che uscisse, caratterizzato da una scheda grafica Radeon 5500M, quindi l’indiscrezione potrebbe essere affidabile.

Questo inedito MacBook Pro da 13 pollici è dotato di un processore Intel Core i7-1068NG7 con un clock di base da 2,3 GHz, Turbo Boost fino a 4,1 GHz e un TDP di 28 W. Stando a un tweet precedente, vanta anche 32 GB di RAM e 2 TB di memoria (SSD).

Vale la pena notare che il Core 'i7-1068NG7 potrebbe essere una variante dell'i7-1068G7, che il sito Wccftech elogia come il chip mobile più performante della famiglia Ice Lake U. 

Miglioramento generale 

Se questa indiscrezione dovesse risultare vera, il nuovo MacBook Pro da 13 pollici potrebbe avere un sostanzioso aumento di potenza.

Il benchmark ha confrontato il modello inedito con processore i7 con un MacBook Pro da 13 pollici del 2019, caratterizzato da un Intel Core i5-8279U di ottava generazione con un clock base di 2,4 GHz, turbo boost a 4,1 GHz e un TDP di 28 W. La versione aggiornata è risultata migliore del 12% nei test della CPU e di  circa 29% nelle prestazioni grafiche. 

Non è chiaro se il modello inedito abbia la stessa grafica Iris Plus 655 o una GPU di nuova generazione più potente. Tuttavia, la presenza di 32 GB di RAM potrebbe indicare che ci saranno  più scelte per il MacBook Pro 2020 da 13 pollici in termini di RAM. Attualmente, è possibile passare da 8 a a 16 GB. Questa è una grande notizia per le persone che hanno bisogno di più potenza, ma vogliono qualcosa di più portatile del MacBook Pro da 16 pollici, per quanto impressionante possa essere.

Bisogna però notare che il modello con processore i5 è la seconda configurazione più potente  del 2019, quindi ci chiediamo perché questo benchmark non confronti   l'i7 di decima generazione con l’attuale modello più potente, che ha  un chip di ottava generazione. È qualcosa a cui pensare, soprattutto se le voci su un MacBook Pro da 14 pollici dovessero rivelarsi vere, con cornici adeguatamente sottili e un telaio leggermente più grande.

Speriamo almeno che il MacBook Pro entry-level del 2020 non abbia quei tremendi  switch  a farfalla, ma che adotti invece quelli a forbice, che sono di gran lunga i migliori che abbiamo visto su un MacBook.

Se dovessimo seguire i recenti documenti CEE di Apple e il fatto che il MacBook Pro da 13 pollici del 2019 sia stato aggiornato a luglio 2019, è probabile che vedremo presto il modello 2020.