Skip to main content

Recensione MacBook Pro 13 pollici (2019)

Stop ai compromessi?

(Image: © Future)

Il nostro verdetto

Il MacBook Pro (13 pollici, 2019) è un aggiornamento minore del modello dell'anno scorso, con un hardware leggermente migliorato. Il design rimane lo stesso, il che è una buona notizia se siete fan dei precedenti MacBook Pro, in caso contrario non troverete nulla di nuovo che possa esortarvi all’acquisto.

Pro

  • Buona qualità costruttiva
  • Design sottile e leggero
  • Prestazioni decenti
  • Ottima durata della batteria

Contro

  • Costoso
  • Non è il portatile più potente
  • Tastiera a farfalla

Delle tre recenti revisioni MacBook rilasciate da Apple nel 2019 (MacBook Pro 13 pollici, MacBook Pro 15 pollici e MacBook Air) il MacBook Pro da 13” è quello che ha subito più cambiamenti sebbene siano poco rilevanti.

Negli anni precedenti, se volevate il MacBook Pro più piccolo rispetto alla versione da 15 pollici, dovevate accontentarvi di alcuni compromessi, tra cui componenti a basso consumo e mancanza della Touch Bar.

Tuttavia, con il MacBook Pro 2019 da 13 pollici, Apple ha inserito componenti hardware superiori e ha equipaggiato ogni modello con la Touch Bar, uno schermo touch secondario posto lungo la parte superiore della tastiera.

Il nuovo MacBook Pro da 13 pollici non sembra più un compromesso eccessivo, ma piuttosto un'alternativa decente per chi desidera un MacBook potente, ma non vuole il modello da 15 pollici.

Questa novità rende l'acquisto di un MacBook Pro più semplice, poiché non è più necessario più scegliere il modello in base alla presenza/assenza della Touch Bar. Se state cercando un MacBook Pro compatto e con grande autonomia, allora il MacBook Pro da 13 pollici (2019) fa al caso vostro.

MacBook Pro (13-inch, 2019)

The new MacBook Pro 13-inch looks very familiar... (Image credit: Future)
Spec Sheet

Ecco la configurazione MacBook Pro da 13 pollici inviata a TechRadar per la recensione:

CPU: Intel Core i5 da 1,4 GHz (quad-core, 8 thread, 8 MB di cache, fino a 3,9 GHz)

Grafica: Intel Iris Plus Graphics 645

RAM: 16 GB (LPDDR3 a 2.133 MHz)

Schermo: display Retina da 13,3 pollici, 2.560 x 1.600 (LED retroilluminato, IPS, luminosità a 500 nits, ampia gamma di colori P3)

Memoria: SSD da 2 TB

Porte: 2x Thunderbolt 3 (USB-C), jack per cuffie da 3,5 mm

Connettività: 802.11ac Wi-Fi, Bluetooth 5.0

Fotocamera: webcam FaceTime HD a 720p

Peso: 1,37 kg

Dimensioni: 30,41 x 21,24 x 1,49 cm; (L x P x A)

Prezzo e disponibilità 

Il prezzo, non è cambiato molto. Il MacBook Pro da 13” è ancora il modello più economico tra i MacBook Pro, ma rimane anche uno dei laptop da 13 pollici più costosi sul mercato.

Come al solito, sono disponibili numerose configurazioni, che si possono personalizzare per ottenere il MacBook Pro più adatto alle vostre esigenze e al vostro budget.

Il MacBook Pro da 13 pollici, di base, viene fornito con un processore Intel Core i5 quad-core di ottava generazione da 1,4 GHz, Intel Iris Plus Graphics 645, memoria LPDDR3 da 8 GB (2133 MHz) e memoria SSD da 128 GB. Costa 1550 euro sull’Apple Store.

C'è un modello di fascia media equipaggiato con lo stesso processore e con la stessa RAM, ma con uno spazio di archiviazione raddoppiato da 256 GB, in vendita a 1350 euro.

Infine, esiste una versione di fascia alta con un più potente processore quad-core di ottava generazione da 2,4 GHz che costa 1800€.

Lo spazio di archiviazione può essere incrementato fino a 512GB, sebbene il prezzo aumenti considerevolmente. Per un MacBook Pro 13” top di gamma il prezzo può lievitare fino a 2350€.

MacBook Pro (13-inch, 2019)

Apple's iconic design remains with the new version (Image credit: Future)

Tutti i modelli sono dotati di display Retina, Touch Bar, Touch ID (per accedere utilizzando l'impronta digitale) e grafica integrata. Il MacBook Pro da 13 pollici è un portatile più economico ma le sue specifiche non possono ancora competere con la versione da 15 pollici. Se state cercando la potenza assoluta, il dispositivo più grande rimane la scelta migliore.

Il più grande concorrente Windows del MacBook Pro da 13” è il superbo Dell XPS 13 e, considerando i prezzi premium di Dell, il prezzo del MacBook Pro di Apple sembra ancora piuttosto conveniente.

Il Dell XPS 13 è disponibile in una varietà di configurazioni, ma un XPS 13 con specifiche simili al MacBook Pro da 13”(processore Intel Core i5-8265U di ottava generazione, 8 GB di RAM e SSD da 256 GB, ma con schermo Full HD) costa 980€ su Amazon.

Se volete optare per il modello con schermo 4K, che batte il display Retina del MacBook Pro , il costo sale a 1350€; praticamente allo stesso prezzo del MacBook Pro da 13 pollici entry-level potete ottenere uno schermo ad alta risoluzione e più spazio di archiviazione.

MacBook Pro (13-inch, 2019)

All 13-inch versions come with Touch Bar and Touch ID (Image credit: Future)

Design

Il design è praticamente identico ai modelli precedenti, tranne per l’aggiunta della Touch Bar. Il display touchscreen di vetro sottile si estende lungo la parte superiore della tastiera, e dispone di pulsanti che si adattano al contesto. 

Un numero crescente di app di terze parti supporta la Touch Bar, il che significa che consentono di visualizzare i propri pulsanti quando vengono utilizzate sul MacBook Pro. Questa funzione può essere veramente utile per aumentare la produttività con determinate applicazioni.

Tuttavia, se pensate che la Touch Bar sia solo una trovata, e ci sono molte persone là fuori che la pensano così, potrete risparmiare un po' di soldi solo optando per un modello più vecchio.

Tutti i modelli di MacBook Pro da 13 pollici 2019 dispongono anche di Touch ID, un piccolo sensore sulla destra della Touch Bar in grado di leggere l'impronta digitale. Touch ID può essere usato per accedere in modo sicuro a macOS, per effettuare acquisti con Apple Pay o inserire rapidamente le password.

Tra i sensori di impronte digitali inclusi nei portatili, abbiamo riscontrato che il Touch ID è uno dei migliori. Mentre alcuni scanner di impronte digitali effettuano diversi tentativi prima di riuscire ad accedere, il Touch ID del MacBook Pro riconosce le impronte digitali in modo rapido e preciso.

Il MacBook Pro 13” 2019 presenta anche il chip di sicurezza T2 di Apple, che garantisce che i dati memorizzati sul portatile siano sicuri e crittografati. È bello vedere queste funzionalità dei MacBook Pro più grandi anche nei modelli da 13 pollici.

ll design del MacBook Pro da 13”) è esattamente lo stesso del modello dell'anno scorso, il che deluderà coloro che speravano in un nuovo look, soprattutto considerando che il modello del 2018 aveva a sua volta lo stesso design della versione 2017.

MacBook Pro (13-inch, 2019)

Ports are still frustratingly limited (Image credit: Future)

Il display Retina si basa su un pannello IPS da 13,3 pollici con una risoluzione di 2.560 x 1.600, e supporta la gamma di colori P3 (essenziale per colori accurati utili a fotografi e creativi digitali) oltre alla tecnologia True Tone (funzione meno essenziale, che modifica efficacemente i colori del display in base alla luce ambientale ). 

Come menzionato nella nostra recensione del modello dell'anno scorso, l'utilità di True Tone dipende dal vostro settore professionale. Se lavorate in campo artistico/creativo, quasi sicuramente la disattiverete. La sua presenza sul MacBook Pro da 13 pollici dovrebbe essere accolta favorevolmente da studenti, scrittori e altri lavoratori che utilizzano il portatile durante gli spostamenti.

Una fotocamera FaceTime HD a 720p si trova sopra lo schermo; le dimensioni sono esattamente le stesse del modello dell'anno scorso con Touch Bar, quindi 30,41 x 21,24 x 1,49 cm e un peso di 1,37 kg.

In questo caso la riluttanza di Apple a modificare i suoi progetti precedenti è benvenuta, poiché il MacBook Pro da 13” rimane un dispositivo incredibilmente sottile e leggero. Come per i modelli precedenti, è disponibile nei colori grigio siderale e argento; nel complesso, il design e la qualità costruttiva sono ottime.

Se siete fan dei dispositivi Apple, questo MacBook Pro vi piacerà. Se i precedenti portatili Apple vi hanno lasciato indifferenti, tuttavia, non troverete motivi che vi convinceranno a passare al modello di quest'anno.

Come le versioni precedenti e il modello da 15 pollici, il MacBook Pro da 13” presenta una connettività limitata: due porte Thunderbolt 3 e un jack audio per collegare gli auricolari.

Se da una parte questa scelta contribuisce a mantenere il design del MacBook Pro sottile e leggero, e Thunderbolt 3 è una porta flessibile che vi consente di collegare una vasta gamma di periferiche moderne, dall’altra, probabilmente, vi obbligherà a usare un adattatore. Questo, tuttavia, comporta una spesa aggiuntiva e influisce negativamente sul design sottile del MacBook Pro . 

Poiché le porte Thunderbolt 3 possono essere utilizzate anche per alimentare il MacBook Pro, le porte disponibili sono ulteriormente limitate quando si carica la batteria.

Trattandosi di un portatile rivolto ai professionisti, ci siamo a lungo lamentati del fatto che i moderni MacBook Pro dispongano solo di porte Thunderbolt 3, poiché i laptop professionali dovrebbero mettere la produttività prima di ogni altra cosa; Apple, tuttavia, è determinata a mantenere le porte limitate. 

Se ciò vi infastidisce, vi consigliamo il Razer Blade Pro 17, che offre una vasta scelta: una porta Ethernet, 2 porte USB 3.2, una porta USB-C HDMI e un lettore di schede SD, il tutto rimanendo incredibilmente sottile.

MacBook Pro (13-inch, 2019)

On the lower-end models, there are only two Thunderbolt 3 ports, leaving the right-hand side with just an audio jack (Image credit: Future)

Un'altra cosa da notare è che le due porte Thunderbolt 3 del MacBook Pro da 13” sono entrambe poste sul lato sinistro del portatile. Questa posizione può essere fastidiosa quando si collega l'alimentatore, a seconda di dove si è seduti, oltre a risultare ingombrante qualora sia necessario collegare più di una periferica.

Tuttavia, se acquisterete il modello di fascia alta del MacBook Pro 2019 da 13”, otterrete quattro porte Thunderbolt 3 in totale (altre due vengono aggiunte sul lato destro).

MacBook Pro (13-inch, 2019)

The keyboard is the same (Image credit: Future)

Lamentele sulla tastiera 

Un’altra caratteristica che Apple ha scelto di mantenere, e che deluderà molte persone, è la tastiera "Butterfly" presente sui precedenti MacBook. I tasti sono stati soggetti a problemi e hanno provocato frequenti lamentele sul malfunzionamento delle tastiere; i detriti (come briciole o polvere) ne provocano facilmente il blocco o ne compromettono il normale scorrimento.

Sebbene Apple abbia modificato il design della tastiera, a livello meccanico rimane essenzialmente la stessa che ha provocato tanti problemi e che potrebbe dissuadere i consumatori dall’acquisto.

Apple, però, include i nuovi modelli di MacBook Pro 2019 nel suo programma di servizio tastiera, grazie al quale le tastiere difettose vengono sostituite gratuitamente, il che suggerisce che Apple non abbia risolto completamente il problema.

È frustrante che Apple continui a utilizzare gli switch Butterfly per la tastiera del MacBook Pro (13 pollici, 2019) considerando la quantità di difetti riscontrati.

Se non altro ora utilizza un materiale diverso per ridurre la probabilità che i tasti si blocchino o non rispondano quando vengono premuti. Speriamo che ciò possa contribuire a ridurre il numero di tastiere difettose e ad alleviare alcune delle paure che potrebbero avere i potenziali clienti.

Il feeling è lo stesso e nonostante le dimensioni ridotte del portatile, la tastiera rimane della stessa grandezza di quella del MacBook Pro da 15 pollici, il che significa che i tasti sono belli, grandi e facili da premere, oltre ad essere retroilluminati.

Se non avete riscontrato problemi con le tastiere dei precedenti MacBook Pro, allora sarete soddisfatti con quella del MacBook Pro (13 pollici, 2019). Tuttavia, se in passato avete sofferto di tastiere difettose, la decisione di Apple di attenersi alla stessa tastiera (anche se con alcune piccole modifiche) potrebbe farvi riconsiderare l’acquisto. Speriamo che i MacBook Pro da 13 pollici per il 2020 siano dotati di una nuova tastiera.