Skip to main content

iPhone 13, crolla la produzione per la carenza di chip

iPhone 13 Pro
(Image credit: TechRadar)

Le spedizioni di iPhone 13 potrebbero subire un altro colpo a causa della carenza di chip: sembra che Apple abbia tagliato la produzione di 10 milioni di unità per la mancanza di componenti.

La crisi è stata provocata dalla pandemia di COVID-19 e ha avuto conseguenze sulla disponibilità di PS5, auto e altri smartphone, nonché degli iPhone. Apple prevedeva di produrre 90 milioni di unità, inclusi iPhone 13 mini, iPhone 13 Pro e iPhone 13 Pro Max, ma i fornitori, come Broadcom e Texas Instruments, faticano a consegnare i componenti, secondo Bloomberg (opens in new tab).

Quali conseguenze per Apple?

Il taglio di 10 milioni di unità potrebbe ridurre i ricavi di Apple. Considerando i dati di vendita dell'anno scorso, la perdita potrebbe arrivare a 7,2 miliardi di dollari.

A fine 2020, le vendite di iPhone ammontavano a 65 miliardi di dollari. Secondo IDC, Apple ha venduto 90,1 milioni di unità in quel periodo, come riportato da CNBC (opens in new tab)

Se Apple avesse venduto 10 milioni di iPhone in meno a quel tempo, un calcolo veloce e approssimativo riporterebbe una perdita di 7,2 miliardi. È una stima approssimativa e non tiene conto dell'effettivo comportamento dei consumatori. 

C'è da dire che le vendite per il 2021 si attestano su valori positivi, con aumenti che vanno dal 18% (primo trimestre 2021 vs 2020) al 50% (terzo trimestre 2020 vs 2021), dunque resta da vedere quale impatto avrà il taglio sulle festività. Dobbiamo attendere il report sui ricavi del quarto trimestre 2021, il 28 ottobre 2021.

Marco Doria
Senior editor

Senior Editor and Professional Translator. Boardgaming enthusiast, Tech-lover.