Skip to main content

Intel Comet Lake-S, ecco i consumi massimi delle CPU in turbo boost

(Image credit: Future)

Intel ha pubblicato i dati relativi ai massimi consumi dei suoi nuovi processori desktop Comet Lake di decima generazione indicando l’arco di tempo nel quale possono operare in tali condizioni (valori TAU).

Il consumo energetico tipico è noto come "PL1" (livello di potenza 1) e di fatto corrisponde al TDP (potenza di progettazione termica), un valore che indica la potenza assorbita dal processore quando esegue calcoli alla frequenza base. Tuttavia, molti consumatori desideravano sapere anche i consumi massimi che tali chip possono raggiungere e Intel ha finalmente chiarito tali dubbi.

Il portale tecnologico tedesco ComputerBase ha infatti pubblicato il consumo massimo dei suddetti chip sotto l’acronimo "PL2" (livello di potenza 2), un valore che viene raggiunto solo in turbo boost.

Intel Core i9-10900K, la CPU più potente della famiglia Comet Lake-S, vanta un PL1 di 125W, ma un PL2 di ben 250W, un valore piuttosto elevato per un processore consumer.

Non siamo del tutto sorpresi, poiché il Core i9-9900K vanta un PL1 (o TDP) di 95W, ma può arrivare fino a 160-180W in alcuni test reali (come dimostrato da Extremetech), circa il doppio del valore di base. Tutte le soluzioni della famiglia Comet Lake-S implementano l’Hyper Threading e vantano frequenze superiori ai chip Coffee Lake Refresh, ergo consumano ancora di più, e sono molti gli esperti che ne hanno verificato i consumi reali. Il noto overclocker Der8auer, per esempio, ha eseguito circa 30 test sull’Intel Core i9-10900K registrando consumi compresi fra i 232W e i 278W. I Core i7-10700K e i5-10600K vantano un TDP di 125W, ma raggiungono rispettivamente i 229W e 182W in PL2. 

Valori Tau 

Intel ha anche rivelato i valori Tau dei suoi nuovi chip di decima generazione, ovvero il periodo di tempo in cui un processore può funzionare alle massime prestazioni o PL2: i Core i9-10900K, i7-10700K e i5-10600K hanno tutti un Tau di 56 secondi.

Va detto però che la scheda madre gioca un ruolo importante nel rendimento delle CPU Comet Lake, poiché i produttori possono configurare a piacimento le impostazioni PL2 e Tau in base alla qualità e alle capacità della motherboard (aumentando troppo questi valori il sistema potrebbe diventare instabile).

Un altro interessante esempio è il Core i9-10900T, una CPU da 10 core/20 thread a basso consumo. Questo modello ha un PL1 di soli 35W, ma può spingersi fino a 123W in PL2, un valore 3,5 volte più alto di quello tipico.