Skip to main content

Intel Alder Lake, preparatevi a cambiare anche il dissipatore

Immagine promozionale per i processori della serie Intel Core
(Image credit: Intel)

Sembra che Intel Alder Lake richiederà anche dei nuovi dissipatori, secondo Igor’s Lab.

Avevamo già sentito delle indiscrezioni a riguardo, dunque è probabile che i dissipatori esistenti non saranno compatibili con la serie a causa di importanti differenze nel socket LGA 1700. Inoltre, Intel potrebbe anche introdurre un nuovo design V0.

Questo socket, che sostituirà l'attuale versione H5 in uso con LGA 1200, avrà un nuovo sistema di montaggio, con una diversa disposizione dei fori per il montaggio della piastra di sostegno posteriore.

Oltre alla nuova disposizione dei fori passanti (che renderà impossibile l'uso delle attuali staffe per sistemi di raffreddamento a liquido), il nuovo socket V0 introdurrà uno z-stack più basso, che dunque sarà posizionato a un livello inferiore rispetto alle attuali CPU Intel.

Sebbene questa scelta renda Alder Lake più indicata per i notebook sottili, renderà alquanto difficile utilizzare i dissipatori esistenti.

Una notizia che desterà non poca frustrazione fra alcuni utenti, tuttavia non si tratta di un fulmine a ciel sereno. 

A differenza dei design precedenti, le CPU Alder Lake impiegheranno un insieme di core normali e a bassa potenza, in modo analogo alla tecnologia ARM big.LITTLE. I core a bassa potenza saranno più efficienti e in grado di gestire il sistema in stato di inattività o a fronte di carichi leggeri, per una maggiore durata delle batterie.

Inoltre, le CPU dovrebbero supportare DDR5 e PCIe 5.0, e ci aspettiamo di vedere anche le GPU integrate Intel Xe. 

Sembra che anche AMD voglia rivedere i propri socket. Secondo PC Gamer, la nuova serie AM5 passerà dal design PGA a LGA.

Tuttavia, le indiscrezioni suggeriscono anche che il nuovo socket AM5 avrà lo stesso formato di AM4 (40 x 40 mm), dunque in questo caso i dissipatori pre-esistenti dovrebbero essere riutilizzabili senza troppi problemi.

Fonte: PC Gamer