Skip to main content

HTC One M8 è il miglior smartphone del decennio

HTC One M8
The HTC One M8 from 2014 (Image credit: HTC)

L'ultimo decennio ha cambiato il volto degli smartphone grazie all'introduzione di nuove e rivoluzionarie tecnologie, nonché la fine di grandi marchi e sistemi operativi. Nel 2010, eravamo entusiasti di HTC Desire e di iPhone 4. Ora parliamo di dispositivi pieghevoli, dell'introduzione del 5G e di alcuni prototipi. Quattordici anni fa è cominciata l'era degli smartphone, e negli ultimi 10 anni i produttori hanno portato questi dispositivi a nuovi livelli. 

Ecco perché stabilire quale sia stato il miglior smartphone del decennio è stato un compito difficile. Abbiamo analizzato gli smartphone dell'ultimo decennio e oltre, e ci siamo confrontati per stilare una lista dei primi cinque dispositivi più impressionanti, influenti e di tendenza degli ultimi 10 anni. Questa classifica è stata redatta da: Gareth Beavis, Redattore capo di TechRadar (ed ex redattore degli smartphone) e James Peckham attuale redattore della sezione smartphone. 

C'è un chiaro vincitore a nostro avviso.

5. OnePlus 3

OnePlus 3

(Image credit: Future)

Il produttore cinese ha scosso il mercato dei dispositivi mobile con il suo top di gamma OnePlus One nel 2014, peccato avesse una disponibilità limitata e fu sostituito da un successore meno rivoluzionario, OnePlus 2. Detto questo, nel 2016 l'azienda ha davvero lasciato il segno con OnePlus 3; è stato il primo prodotto realizzato interamente in metallo, una caratteristica da top di gamma. Vantava un Soc di punta, molta RAM e un ampio display da 5,5 pollici.

Il vero asso nella manica tuttavia era il prezzo. OnePlus 3 costava circa la metà di iPhone 7, Samsung Galaxy S7 Edge, HTC 10 e Sony Xperia X, e ha dimostrato al mondo che non c'è bisogno di pagare uno sproposito per acquistare un dispositivo premium. 

L'imitazione è la più sincera forma di adulazione, e questo è certamente il caso di OnePlus 3; ha stabilito un nuovo standard per gli smartphone premium accessibili, e dalla sua introduzione molti marchi hanno cercato di bissarne il successo: Honor, Xiaomi, Oppo, Alcatel, Realme. Negli ultimi anni, anche i brand più blasonati si sono ispirati a OnePlus: Apple con il suo iPhone XR e Samsung con Galaxy S10e. 

OnePlus 3 ci ha permesso di sognare. Ci ha permesso di credere. Ci ha permesso di possedere un dispositivo premium senza contrarre debiti. E per questo, gliene siamo grati. 

Scritto da John McCann, Phones Editor presso TechRadar 2016-2019

4. iPhone 4

iPhone 4

(Image credit: Apple)

L'iPhone è stato una specie di scherzo tra i "veri" fan della tecnologia  fino a quando non è arrivato questo modello: la scocca posteriore in plastica di Iphone 3G e 3GS, la bassa qualità dello schermo e delle fotocamere lo rendevano un prodotto imperfetto, cosa che comunque non impedì ad Apple di venderne milioni e milioni.. 

Fu  con iPhone 4 che l'azienda conquistò i consumatori. La scoperta di Iphone 4 è stata altrettanto sensazionale, un suo prototipo fu dimenticato in un bar e da lì è storia. Se questo episodio sia stato intenzionale o meno, non lo sapremo mai, ma l'hype che ha generato era fuori scala. 

Perché? Beh, il display Retina aveva una risoluzione più elevata di qualsiasi cosa Apple avesse realizzato fino a quel momento per non parlare della luminosità e dei colori vividi. La fotocamera era stata potenziata e scattava foto più nitide e più velocemente, inoltre visualizzarle sul display era un piacere. Ma non sono queste le ragioni per cui è in questa classifica, bensì per il design. L'aspetto, il bordo in metallo e la scocca posteriore in vetro hanno permesso ad Iphone 4 di conquistare i consumatori, e l'upgrade delle specifiche è stato  un’ulteriore prova del grande lavoro fatto dal colosso di Cupertino su questo prodotto. 

Era il miglior smartphone sul mercato? Diavolo no, c'erano tonnellate di dispositivi più prestanti, ma l'App Store di Apple, il design elegante e l'interfaccia semplice di iPhone 4 lo hanno reso più affascinante agli occhi della critica, e ciò ha permesso all'azienda di gettare le basi per un futuro luminoso. 

Scritto da Gareth Beavis, Phones Editor presso TechRadar 2009-2016

3. Moto G

Moto G

(Image credit: Motorola)

Moto G è di gran lunga lo smartphone meno impressionante di questo elenco, ma ha cambiato per sempre il mercato degli smartphone entry-level. Nel 2013, Motorola non si è distinta per un rivoluzionario device di fascia alta come HTC One M8 o iPhone 5S, ma ha cambiato il segmento entry-level del mercato. 

Il colosso di Chicago ha compiuto uno sforzo considerevole per fornire dispositivi validi e accessibili. Ha aumentato le aspettative sui modelli di fascia bassa che all'epoca erano difficili da consigliare persino a chi volesse risparmiare.

Certo, non aveva una fotocamera posteriore impressionante o una potenza di calcolo fenomenale, ma funzionava davvero bene. Finalmente c'era un modello "economico" che potevamo raccomandare anche a coloro che disponevano di un budget risicato. 

Da lì, l'azienda ha portato la serie Moto G a nuovi livelli introducendo fotocamere all'avanguardia e nuove varianti progettate ad hoc per un determinato pubblico. Ad esempio, Moto G7 Power vanta una straordinaria durata della batteria, circa due giorni. Senza il brand Moto G, quel dispositivo non sarebbe mai venuto alla luce. Moto G non è stato il miglior smartphone dell'ultimo decennio, ma ha contribuito a cambiare il volto di una delle aree più interessanti dell'intero settore della telefonia. 

Scritto da James Peckham, Phones Editor presso TechRadar 2019

2.  Samsung Galaxy S7 Edge

Samsung Galaxy S7 Edge

(Image credit: Future)

È facile dimenticare quanto fosse eccitante Samsung Galaxy S7 Edge. Avevamo visto il debutto della tecnologia dello schermo curvo l'anno prima su Galaxy Note Edge, ma questa era la seconda versione  ed era notevolmente migliorata rispetto al top di gamma dell’epoca, il Galaxy S7. 

Samsung Galaxy S7 Edge si è guadagnato cinque stelle su TechRadar. In effetti, è stata l'ultima recensione di uno smartphone a ricevere la lode, non abbiamo visto nessun'altro modello degno di quel riconoscimento dal suo debutto, nel 2016. Tuttavia, non è stata solo la tecnologia dello schermo curvo a colpirci. Il display era più ampio ed era un modello davvero ben costruito con un bellissimo design in vetro. La batteria aveva una maggiore capacità che ne consentiva l'uso per un'intera giornata, inoltre la fotocamera era una delle migliori dell'anno e di gran lunga la migliore che l'azienda avesse mai introdotto. 

All'epoca, scrivevamo, "desidereremo sempre di più dai nostri smartphone... ma se cercate un dispositivo ben progettato, potente e con utili funzioni per l'uso quotidiano, Galaxy S7 Edge è il modello da scegliere". 

Scritto da James Peckham, Phones Editor presso TechRadar 2019

1. HTC One M8

HTC One M8

(Image credit: HTC)

Ci sono alcuni momenti nella carriera di un esperto di tecnologia in cui si è consapevoli che il prodotto in esame rappresenta il meglio del meglio: HTC One M8 è stato uno di questi. 

HTC, nella prima parte di questo decennio, è stata la principale rivale di Apple, e desiderava imporsi come il miglior brand di smartphone Android. È stata però Samsung a riuscire in questa impresa grazie alle sue ingenti risorse. Detto questo, la gamma HTC "One" è rimasta comunque la scelta consigliata di molti critici per qualche anno. 

Quello "originale" (dimentichiamoci dei modelli One X, S e V che lo hanno preceduto) è stato lanciato nel 2013 e ha dimostrato che il colosso di Taiwan era ancora un marchio da non sottovalutare: il telaio in metallo, la brillante fotocamera in condizioni di scarsa illuminazione e gli altoparlanti BoomSound a diffusione frontale erano rivoluzionari e il sistema operativo Android era sfruttato al meglio. 

A distanza di un anno, molti recensori si domandavano se HTC sarebbe stata in grado di presentare un degno sostituto. Come ci sarebbe riuscita? HTC M8 (a parte il nome ridicolo) era la prova che la perfezione poteva essere migliorata. Lo schermo aggiornato, gli altoparlanti e l'aggiunta di un secondo obiettivo sono stati grandi salti in avanti (quanti dispositivi oggi hanno un solo obiettivo?), ma è stato l’incredibile feedback che trasmetteva nella mano che lo ha reso lo smartphone del decennio, a nostro avviso. 

Certo, non ha stravolto le specifiche del modello precedente, ma si è trattato di un dispositivo rivoluzionario all’epoca: One M8 ha dimostrato che è possibile apportare raffinatezza e miglioramenti sorprendenti in aree chiave, ed è per questo che ci piacerebbe vederne un reboot nel 2020. 

Scritto da Gareth Beavis, Phones Editor presso TechRadar 2009-2016