Skip to main content

Guida autonoma: la Germania blocca la pubblicità ingannevole di Tesla

Tesla Model 3
(Image credit: Tesla)

Poco più di una settimana fa, la prima corte regionale di Monaco ha proibito a Tesla Germany di utilizzare alcune descrizioni del software Autopilot nelle pubblicità, considerate fuorvianti. L’azienda statunitense, o meglio la sua filiale tedesca, non potrà più utilizzare negli spot frasi come "Pieno potenziale di guida autonoma", "Pilota automatico incluso" e “Fino alla fine dell'anno....guida automatica nelle aree urbane” secondo quanto riportato da Wettbewerbszentrale, un ente normativo tedesco indipendente.

Tale ente ha dichiarato in tribunale che le dichiarazioni utilizzate danno l'impressione che le Tesla Model 3, ossia l’auto il cui spot pubblicitario è diventato oggetto di contesa, avrebbero potuto guidare autonomamente entro la fine del 2019. Tuttavia, non essendo queste funzionalità ancora regolamentate in Germania, non dovrebbe essere possibile nemmeno dichiarare che un prodotto è in grado di fare qualcosa che non è classificabile legalmente.

La compagnia ha risposto in sua difesa che l’auto richiede "un guidatore nel pieno della sua attenzione, che ha le mani sul volante ed è pronto a subentrare in qualsiasi momento" e che è piuttosto chiaro che la guida assistita presente nei suoi veicoli non è intesa a sostituire il guidatore dietro al volante. Questo problema è già stato riscontrato in passato, soprattutto negli USA, quando i guidatori, forti dei proclami pubblicati dall'azienda, hanno abbassato la guardia causando incidenti e mettendo a forte rischio la vita dei passeggeri e degli utenti della strada. In più di un caso si sono verificati anche incidenti mortali, addirittura 50, come riportato dalla CNN.

Tesla avrà comunque la possibilità di ricorrere in appello contro la decisione del tribunale di Monaco. Ricordiamo che l’attuale classificazione di guida autonoma prevede 5 livelli di assistenza, con quelli più bassi identificabili come ausili, salendo verso l’ultimo che è la guida autonoma vera e propria, quando l’auto è in grado di guidare da sola senza alcun intervento umano. Attualmente le auto in vendita sul mercato sono tipicamente di livello 2, ossia presentano una “Guida parzialmente automatizzata”, dove la presenza di un guidatore in carne e ossa attento è imprescindibile durante gli spostamenti e ben lontano dal concetto di “auto intelligente”, come sbandierato talvolta dalle aziende.

Fonte: The Register