Skip to main content

Google Pixel 7 Pro: il processore non tiene il passo con la concorrenza

Google Pixel 7 e Pixel 7 Pro
Google Pixel 7 e Pixel 7 Pro (Immagine:: Google)

Il 6 ottobre è vicino e non manca molto all’annuncio, da parte di Google, dei nuovi smartphone Pixel 7 e Pixel 7 Pro. Tuttavia, l’azienda è stata preceduta da un leak dello sviluppatore Android Kuba Wojciechowski, tramite 9to5Google, riguardante le prestazioni del nuovo processore.

Da un primo sguardo al benchmark Geekbench, le componenti di Pixel 7 Pro non farebbero mangiare la polvere al precedente Pixel 6: l’incremento delle prestazioni sembrerebbe infatti essere di solo il 10%. Risultati migliori sono stati ottenuti in merito alle capacità grafiche, che segnano un miglioramento del 20%.

Operazioni come il gaming e l’editing di foto verranno rese più agevoli su Pixel 7 Pro, ma non vi è ancora certezza su quanto riportato da Wojciechowski.

Google Pixel 7 Pro: non solo processore

Leak di un render di Google Pixel 7 Pro

(Image credit: Fast Technology)

Un miglioramento del 10% rispetto a Pixel 6 comporta prestazioni inferiori alla concorrenza, ma le capacità di elaborazione non sono l’unico tratto distintivo di uno smartphone, soprattutto quando si considera l’uso comune.

Ciò su cui Google sembra puntare è l’autonomia e Pixel 7 dovrebbe offrire una maggiore durata, ma anche prestazioni migliori. L’architettura è 4nm (nanometri), contro i 5 della generazione precedente, e consentirà di gestire meglio il surriscaldamento del dispositivo, andandolo a diminuire.

La TPU (Tensor Processing Unit) presenterà dei miglioramenti e le operazioni basate sull’AI, come il riconoscimento vocale e il Magic Eraser, ne gioveranno in termini di efficienza e velocità. Fino a quando non sarà possibile testare i prodotti in maniera esaustiva, non è lecito spingersi oltre con le considerazioni sul processore. 

Come abbiamo visto nel caso di Apple con iPhone 14 e 14 Plus, il processore appartiene alla generazione precedente ma l’esperienza è migliorata grazie all’introduzione di altre componenti.