Skip to main content

Google lancia Nearby Sharing, l'alternativa Android ad AirDrop

(Image credit: Google)

Google finalmente ha iniziato a distribuire Nearby Sharing, la tanto attesa funzione di condivisione di contenuti e file per dispositivi Android. Al momento la beta è disponibile per pochi utenti selezionati, dopo una fase di test.

Google ha confermato ad Android Police (opens in new tab) che Nearby Sharing è stata abilitata tramite l'ultima beta dei Play Services (opens in new tab) per un numero limitato di utenti, quindi la funzione non è visibile a tutti.

La funzione, molto simile ad AirDrop, permetterà agli utenti Android di passarsi i file velocemente, connettendo i dispositivi via Bluetooth semplicemente premendo un pulsante. I riferimenti a Nearby Sharing sono stati individuati nella beta 20.26.12 di Google Play Services, sotto forma di un'app nel menu di condivisione.

Se selezionata, quest'app vi reindirizzerà su una pagina in cui gli utenti possono attivare la funzione, accedendo alle impostazioni per modificare il nome e la visibilità. A questo punto inizierà la ricerca dei dispositivi compatibili nelle vicinanze, e una volta selezionato un contatto e accettato la richiesta di condivisione si aprirà una piccola finestra sullo smartphone del destinatario. 

I file supportati al momento includono documenti, immagini e link. Android Police afferma che i file si apriranno in automatico a trasferimento avvenuto.

Come già detto, il servizio è disponibile per pochi utenti al momento, ma Google ha confermato che la funzione sarà presto disponibile su tutti i dispositivi con Android 6.0+ e sarà supportata da piattaforme come Windows, Mac e Chrome OS.

Senior Content Editor and Copywriter adept in managing content creation and publication at TechRadar Italia.