È in arrivo un nuovo Chromecast con Google TV: ecco cosa vogliamo vedere

Chromecast with Google TV on top of a pile of books on a table
Chromecast with Google TV (HD) from 2022 (Immagine:: Google)

Pare che Google stia sviluppando una nuova Chromecast, un dispositivo per lo streaming da collegare al TV che andrà a sostituire il Chromecast con Google TV del 2020. Il nuovo modello se esiste, non sarà infatti (o difficilmente potrà esserlo) un aggiornamento del modello economico (con risoluzione HD) uscito nel 2022. 

L'idea di un nuovo Chromecast arriva dal codice trovato da 9to5Google nell'ultima versione di anteprima dell'app Google Home. Il rapporto afferma che ci sono riferimenti a un dispositivo Google TV mai visto prima chiamato YTC, aggiungendo che una parte del codice conferma direttamente che il prodotto è effettivamente un dispositivo Chromecast piuttosto che un altro hardware. Inoltre, questa affermazione è apparentemente supportata dai nomi in codice di entrambi i precedenti Chromecast con Google TV, che erano YTV e YTB.

Sfortunatamente, il codice non rivela di cosa sarà capace il nuovo Chromecast. Sicuramente ci aspettiamo di vedere qualche miglioramento, e abbiamo già qualche idea a riguardo. 

Cosa vogliamo vedere da un nuovo Chromecast

Oltre al ritorno al 4K, ci sono diversi aggiornamenti che speriamo di vedere apportati da Google con il suo prossimo Chromecast, il primo dei quali è un aumento dello spazio di archiviazione del dispositivo.

Le chiavette per lo streaming non hanno bisogno di molto spazio di archiviazione, ma devono pur ospitare il sistema operativo e i dati necessari per far funzionare le applicazioni di streaming preferite. Con l'arrivo di altri servizi di streaming, che inonderanno il mercato con un numero sempre maggiore di programmi televisivi imperdibili, le chiavette di streaming avranno bisogno di più spazio di archiviazione per poter ospitare un'ampia libreria di applicazioni.

Il Chromecast attuale a 4GB di spazio in totale, troppo pochi per avere tante app di streaming installate e funzionanti. Il nuovo modello dovrebbe avere almeno 8GB, ma un valore ideale sarebbe 16GB. 

Chromecast with Google TV plugged into a TV's HDMI port

Il Chromecast con Google TV è buono, ma potrebbe essere migliore (Image credit: Future)

Speriamo anche che Google aumenti la potenza del suo Chromecast. Per quanto il modello 2020 funzionasse bene sin dal primo giorno, oggi sentiamo il bisogno di un software più veloce e reattivo, alla pari con quello dei migliori televisori. Sicuramente la Amazon Fire TV Stick 4K è più veloce - ed è stata anche aggiornatadi recente. 

A proposito di software, vogliamo che Google migliori anche la funzione di ricerca tramite assistente vocale. Sebbene l'Assistente Google funzioni spesso come previsto, alcune domande possono restituire risultati contorti o addirittura imprecisi, limitando in qualche modo la sua utilità.

Sicuramente Google dovrebbe fare un telecomando migliore. Il design del telecomando attuale non è molto ergonomico, soprattutto per chi ha mani grandi. Soprattutto però è un oggetto molto fragile, troppo facile da rompere. E lo sportello del vano per le pile si apre troppo facilmente. Vorremmo che Google modificasse questi aspetti del telecomando, e poi sarebbe fantastico se ci mettesse anche la retroilluminazione.  

Per ora, però, non ci resta che aspettare e speculare su ciò che Google ha in serbo per noi. Sebbene questa fuga di notizie suggerisca che il dispositivo sia abbastanza vicino al lancio da dover essere testato con l'ultima build dell'app Home di Google, non abbiamo sentito altro al riguardo. Speriamo di saperne di più al più presto. 

Valerio Porcu è Redattore Capo e Project Manager di Techradar Italia. È da sempre ossessionato dai gadget e dagli oggetti tecnologici che cambiano la nostra vita quotidiana, e dai primi anni 2000 ha deciso di raccontarla. Oggi è un giornalista con anni di esperienza nel settore tecnologico, e ha ancora la voglia di trovare le chiavi di lettura giuste, per capire davvero in che modo la tecnologia può rendere migliore la nostra vita quotidiana.

Con il supporto di