Skip to main content

Bloodborne è su PC, se vi accontentate della grafica stile PS1

A werewolf in the Bloodeborne PC demake
(Image credit: Lilith Walther)

Bloodborne, l’acclamato RPG horror-gotico di FromSoftware, sbarca su PC con un demake fan-made in perfetto stile PlayStation 1. 

BloodbornePSX ricrea parte del noto titolo Soulslike nello stile dei classici giochi per PlayStation, con trame a bassa risoluzione, poligoni sparsi e ambienti a blocchi tipici di un gioco uscito alla fine degli anni Novanta.

Lilith Walther, creatrice del demake e principale programmatrice dello studio indipendente Heartstrings, ha annunciato su Twitter l’uscita di BloodbornePSX (grazie, Polygon) con un trailer che mostra la grafica ridotta e pixelata del gioco. 

Heartstrings ha lavorato al progetto per 13 mesi, per poi rilasciarlo gratuitamente online. La durata effettiva del demake non è ancora chiara, anche se il trailer mostra i combattimenti contro boss come il Chierico Belva e Padre Gascoigne. Stando alla descrizione, nel corso della partita potrete trovare “10 armi da cacciatore uniche”. 

Il gioco prevede anche una selezione di trucchi in-game da usare in caso di difficoltà. La copertina è ispirata alle illustrazioni dei classici giochi per PS1. Potete giocare con mouse e tastiera oppure collegando un gamepad (proprio come nella PS1 originale), ma senza il supporto della levetta analogica. 

 Analisi: una chicca per chi aspetta Bloodborne 2

Il demake di Walther è ottimo. Oltre a riproporre le mosse originali dei due boss disponibili e il combattimento tattico alla mordi e fuggi, il gioco ha l’atmosfera gotica e contorta di Bloodborne, ma compressa in una manciata di poligoni. Proprio come nei primi Resident Evil, che sfruttavano l’arretratezza della grafica per massimizzare l’atmosfera horror, la grafica ridotta di BloodbornePSX aumenta il senso di inquietudine trasmesso dal gioco. 

Un ulteriore motivo per apprezzare il demake è l’attuale mancanza di un vero e proprio seguito di Bloodborne. Dal rilascio del gioco originale nel 2015, FromSoftware si è occupata di diversi progetti, tra cui i due notevoli titoli IP Sekiro: Shadows Die Twice e Elden Ring. In assenza di dichiarazioni ufficiali su un possibile sequel o di voci sulla sua lavorazione, non potevamo chiedere di meglio. 

Ci auguriamo che né Sony né FromSoftware chiudano il progetto per violazione del copyright. Per il momento, non c’è ragione di credere che lo faranno: il demake è stato reso pubblico da diversi mesi ed entrambe le società hanno già permesso a Yarntown (una rivisitazione di Zelda che omaggia Bloodborne) di rimanere in circolazione.