Skip to main content

Apple, ora Photoshop gira nativamente su Mac M1

Apple MacBook Pro 13-inch (M1, 2020)
(Image credit: Future)

Adobe ha annunciato che il proprio software di editing, Photoshop, ora può essere eseguito nativamente su Mac M1 sfruttando la nuova architettura di Apple, che ne migliora le prestazioni.

Alla fine dello scorso anno Apple ha introdotto il nuovo chip M1, basato su architettura ARM, montandolo su alcuni dei suoi prodotti di punta: MacBook Air, MacBook Pro e Mac Mini. Al momento dell'uscita però, erano pochi i software a 64 bit per Mac Intel capaci di girare nativamente sui nuovi dispositivi Apple con architettura ARM.

Da allora gli sviluppatori hanno lavorato per far sì che anche le applicazioni Mac Intel potessero girare nativamente sulla nuova linea di prodotti. Ora, ad esempio, è possibile eseguire Windows 10 su Mac M1 utilizzando il software di virtualizzazione Parallels e presto sarà anche possibile eseguire app Android, poiché anche BlueStacks aggiungerà presto il supporto ai chip basati su ARM.

La possibilità di eseguire Photoshop sugli ultimi Mac farà felici creativi, web designer e altre figure professionali che si affidano alla suite Creative Cloud il proprio lavoro.

Il supporto per chip M1

Un post sul blog di Adobe mostra test interni all'azienda realizzati sui Mac M1, che evidenziano come numerose funzionalità in Photoshop funzionano ora, in media, 1,5 volte più velocemente rispetto ai sistemi di precedente generazione con una configurazione simile.

I test condotti dall'azienda hanno riprodotto diverse casistiche di attività in Photoshop, tra cui l'apertura e il salvataggio di file, l'applicazione di filtri e persino operazioni pesanti come il riempimento in base al contenuto e la selezione del soggetto. Da quanto si apprende, alcune operazioni sono sostanzialmente più veloci con il nuovo chip di Apple.

Rimangono però alcune funzionalità per la quale Adobe non ha terminato di eseguire il porting, tra cui Invita altri utenti a modificare nelle app Creative Cloud e in particolare la Sincronizzazione dei preset. La società ha deciso di rilasciare Photoshop per Mac M1 senza queste funzionalità perché i miglioramenti delle prestazioni generali dell'applicazione sono stati ritenuti notevoli.

Adobe prevede di continuare la propria collaborazione con Apple per ottimizzare ulteriormente le prestazioni di Photoshop e della propria suite di software per grafica e design.