Skip to main content

Android 13, gli aggiornamenti si faranno solo in background

Google Pixel 6 Pro
(Immagine:: Future / Google)

Google ha sempre avuto un approccio abbastanza aperto per quanto riguarda gli aggiornamenti degli smartphone Android, lasciando agli utenti la libertà di aggiornare quando vogliono, senza subissarli di notifiche, al contrario di quanto invece accade sugli iPhone con iOS.

L'azienda aveva anche introdotto, già diversi anni fa, la possibilità di eseguire il download dell'aggiornamento in background, consentendo nel frattempo di continuare a utilizzare lo smartphone. Stando a quanto condiviso dall'insider Mishaal Rahman, pare che Google abbia ora intenzione di rendere obbligatoria questa funzionalità a partire da Android 13, atteso per il rilascio a breve.

Lo scopo è quello di assicurare una maggior comodità di aggiornamento in tutti gli smartphone Android. Alcuni dispositivi infatti, tra cui stranamente rientrano anche i Google Pixel, hanno deciso non implementare tale funzionalità, costringendo così a non poter utilizzare il proprio telefono durante la procedura di download.

Ciò dovrebbe anche invogliare maggiormente gli utenti ad aggiornare i propri telefoni: il fatto che lo smartphone sia inutilizzabile durante il download di un aggiornamento, scoraggia buona parte dell'utenza nell'installare la versione più recente facendo si che molti utenti utilizzino a lungo versioni obsolete, andando così anche incontro a bug e rischi per la sicurezza.

Android 13

(Image credit: Google)

Apple, prendi appunti!

Ci chiediamo come mai questa funzionalità non sia stata implementata anche da Apple, considerato quanto invasive sono le notifiche relative agli aggiornamenti di iOS sugli iPhone. L'azienda di Cupertino potrebbe prendere spunto e applicare un approccio simile sui suoi telefoni, evitando di assillare gli utenti.

Nonostante sia possibile programmare il download e l'installazione durante la notte, capita spesso che l'aggiornamento non viene in realtà poi installato, il che è abbastanza fastidioso se pensiamo a quanto tempo serve di solito attendere per il completamento dell'operazione.

Se da un lato l'azienda vuol assicurarsi che tutti gli utenti installino la nuova versione, c'è sicuramente un modo più comodo e meno fastidioso per garantire ciò, e la soluzione da tempo disponibile su Android sembra la più ideale.

Redattore TechRadar