Skip to main content

Alphabet, controllante di Google, starebbe pensando di acquisire Fitbit

Fitbit
(Image credit: Future)

La società capogruppo di Google, Alphabet Inc., a quanto sembra, ha presentato un'offerta formale per l'acquisto di Fitbit, secondo Reuters (opens in new tab).

Il fatto che sia stata presentata un'offerta, comunque, non vuol dire che un'acquisizione sia dietro l'angolo. Citando Reuters, "non ci sono certezze che le trattative in atto tra Google e Fitbit si concludano con un accordo". 

Visto da quanto ormai aspettiamo l'arrivo di Pixel Watch, non è una sopresa che l'azienda californiana sia interessata anche al mercato dei prodotti tecnologici per il fitness. Tra l'altro Google è presente in questo mercato a livello software grazie al suo WebOS. Va detto che Fitbit ha un suo sistema operativo proprietario per i suoi dispositivi, ma, magari, a seguito di un'acquisizione, le cose potrebbero cambiare.  

L'acquisizione si inserirebbe nella stessa strategia che ha spinto Google a rivolgersi ad HTC per un supporto nello sviluppo degli smartphone Pixel, che poi ha portato all'acquizione del team Pixel i HTC per 1,1 miliardi di dollari a inizio 2018 in modo da avere tutto in-house. Insomma, come si può vedere, Google non ha problemi a spendere quando deve acquisire le giuste competenze a livello hardware. 

L'indiscrezione di Reuters è la prima voce riguardo a questa possibile mossa di Big G e non si dice nulla sullo stato delle trattative e sulla probabilità di successo delle stesse. In ogni caso, noi seguiremo questa vicenda da vicino per essere pronti a darvi tutte le ultime novità. 

Via Yahoo News (opens in new tab)

David is now a mobile reporter at Cnet. Formerly Mobile Editor, US for TechRadar, he covered phones, tablets, and wearables. He still thinks the iPhone 4 is the best-looking smartphone ever made. He's most interested in technology, gaming and culture – and where they overlap and change our lives. His current beat explores how our on-the-go existence is affected by new gadgets, carrier coverage expansions, and corporate strategy shifts.