Recensione Sony A9 III

La mirrorless più veloce che abbiamo mai visto

Sony A9 III camera outside with background foliage, no lens attached
(Image: © Future)

Verdetto

La Sony A9 III è la migliore fotocamera mirrorless del suo genere per determinati casi d'uso, in particolare per la fotografia d'azione ad alta velocità e con flash. È una mossa coraggiosa da parte di Sony, da sempre innovatrice: la terza versione della A9 III è di fatto un modello di prima generazione, perché si tratta di una fotocamera mirrorless completamente nuova con otturatore globale. E per essere un modello di prima generazione è incredibilmente efficace: abbiamo il miglior design di fotocamera di Sony, la raffica più veloce tra le Alpha, l'autofocus più affidabile, il migliore sistema per il flash e nessuna distorsione da otturatore mobile. Non è perfetta: 24MP non sono abbastanza per tutti gli usi e l'otturatore globale ha un impatto negativo sulla qualità dell'immagine, soprattutto in condizioni di scarsa illuminazione, mentre l'uso di schede CFexpress di tipo A - Sony ha scelto di non passare al tipo B - è un collo di bottiglia che impedisce di ottenere le migliori prestazioni possibili. A parte questi punti, l'azzardo di Sony con una tecnologia radicalmente nuova ha dato i suoi frutti: la A9 III è la nuova fotocamera ad alta velocità da battere.

Pro

  • +

    Raffica mostruosa

  • +

    Più versatile che mai per la fotografia con flash

  • +

    Il miglior design di Sony

Contro

  • -

    Gamma ISO limitata

  • -

    Costo elevato

  • -

    Solo video 4K

Perché puoi fidarti di TechRadar I nostri esperti revisori trascorrono ore a testare e confrontare prodotti e servizi in modo che tu possa scegliere il meglio per te. Scopri di più su come testiamo.

Ogni tanto arriva una nuova fotocamera che stravolgte il mondo della fotografia e il lancio della Sony A9 III è stato uno di quei momenti. Ma il clamore intorno alla fotocamera più veloce di sempre è giustificato? Dopo averla usata a lungo per questa recensione approfondita, la risposta a questa domanda è complicata, ma tutto sommato è un solido sì.

Con l'A9 III Sony ha alzato di molto l'asticella delle prestazioni nella fotografia sportiva e naturalistica. Il sensore con "otturatore globale" offre una serie di funzioni leader della categoria ed elimina la distorsione "rolling shutter" nelle foto e nei video che si può ottenere con i sensori elettronici utilizzati in generale per consentire le massime prestazioni nella maggior parte delle altre fotocamere. 

In parole povere, queste tecnologie combinate hanno permesso di ottenere prestazioni mai viste prima, eccessive per la maggior parte delle persone ed entusiasmanti per coloro che possono permettersi i prezzi dell'ammiraglia di Sony: Scatti a raffica a 120 fps e una velocità massima dell'otturatore di 1/80.000 sec con sincronizzazione del flash a qualsiasi velocità dell'otturatore sono le caratteristiche principali di questa mirrorless mostruosa. Il tutto a un costo di ben 7.000€ per il solo corpo macchina.

Fotocamera Sony A9 III all'esterno con uno sfondo di mattoni soleggiato

La Sony A9 III è la prima fotocamera mirrorless full-frame consumer con otturatore globale incorporato nel sensore.  (Image credit: Future)

La A9 III è anche una fotocamera dotata delle migliori innovazioni di Sony che abbiamo già visto in precedenza, in particolare nella A7R V: il processore Bionz XR (la A9 III ne ha due), un chip di messa a fuoco automatica AI per un AF con inseguimento del soggetto leader nel settore, un EVF ad alta risoluzione da 9,44 m con una frequenza di aggiornamento di 120 fps (che mantiene le prestazioni massime anche nello scatto continuo) e un touchscreen orientabile su 4 assi.

Abbiamo anche il miglior design di fotocamera di Sony fino ad oggi. La A9 III ha un fattore di forma simile a quello dei modelli Sony di fascia alta, il che significa che è più piccola delle fotocamere sportive professionali rivali, ma è dotata dell'impugnatura più massiccia mai vista su una Alpha e può essere ulteriormente ingrossata con una nuova impugnatura verticale, da utilizzare quando si utilizzano obiettivi di grandi dimensioni.  

La ripresa a raffica fino a 120 fps non scende a compromessi in termini di prestazioni o qualità dell'immagine della fotocamera (24,6 MP in raw e JPEG con AF a inseguimento continuo ed esposizione automatica) ed è eccellente, anche se a queste velocità la durata è limitata a 1,5 secondi. A meno che Canon o Nikon non riescano a creare una nuova fotocamera con caratteristiche mai viste prima, la A9 III sarà oggetto di invidia nei box stampa dei Giochi Olimpici di Parigi di quest'anno.

Primo piano della ghiera delle modalità di scatto sulla piastra superiore della Sony A9 III

È possibile impostare la modalità High Drive continua su 30fps o 60fps e poi passare istantaneamente a 120fps tenendo premuto un pulsante personalizzato accanto all'obiettivo.  (Image credit: Future)

Detto questo, uno sgradito collo di bottiglia che si deve dall'uso di schede CFexpress di tipo A rovina in parte il primato; queste offrono una velocità di trasferimento dei dati pari solo alla metà di quella delle schede CFexpress di tipo B utilizzate in una fotocamera come la Nikon Z9, il che significa che il buffer impiega un po' di tempo a svuotarsi prima di recuperare le prestazioni massime, quando l'azione che si sta catturando potrebbe essere già terminata - approfondiremo le prestazioni del buffer più avanti in questa recensione.

Con un pulsante personalizzato, Sony rende semplice e veloce l'aumento a 120 fps da una velocità di scatto a raffica di 30 fps o 60 fps. Dopotutto, non tutti gli scenari sportivi e naturalistici necessitano di velocità così elevate, anche se sono certo che i fotografi sportivi professionisti che vogliono catturare quella frazione di secondo di azione olimpica decisiva apprezzeranno l'opzione. Personalmente ritengo che 30 fps siano sufficienti, ma non sono pagato per scattare immagini dai più grandi palcoscenici sportivi del mondo.

Dopo molti test, posso confermare che l'uso del nuovo otturatore globale comporta un compromesso sulla qualità dell'immagine. In parole povere, c'è una riduzione della gamma dinamica e un aumento del rumore rispetto alle fotocamere concorrenti. Chi scatta spesso in condizioni di scarsa illuminazione vorrà abbinare la A9 III a obiettivi professionali con la massima apertura possibile, come l'FE 300 mm F/2,8, per aumentare l'assorbimento della luce.

(Image credit: Future)

Più importante della qualità dell'immagine, tuttavia, è il fatto che la A9 III non subisce alcun effetto rolling shutter nelle foto e nei video d'azione in rapido movimento. Ciò significa anche che non c'è rischio di banding in presenza di luce artificiale. Se a questo  si aggiungono le superbe capacità di messa a fuoco automatica e di scatto a raffica, questa fotocamera per la fotografia e i video sportivi è in grado di congelare l'azione e catturare il momento cruciale a un livello superiore a quello di qualsiasi altra fotocamera odierna.

La A9 III non è adatta a tutti, ma è la migliore fotocamera mirrorless per la fotografia e i video sportivi professionali disponibile sul mercato.

Sony A9 III: data di uscita e prezzo

  • 7.000€ solo corpo macchina
  • La nuova impugnatura verticale VG-C5 costa 450€

Il prezzo di listino della Sony A9 III, solo corpo macchina, è di 7.000€, il che è quanto mi sarei aspettato per una fotocamera Sony di questo livello, anche se si tratta di un aumento notevole rispetto alla Sony A9 II. La fotocamera si colloca decisamente nel campo della fotografia sportiva e naturalistica professionale ed è disponibile da subito, in vista delle Olimpiadi di Parigi che inizieranno a fine luglio. 

La nuova impugnatura verticale opzionale VG-C5, lanciata insieme alla fotocamera, serve a estendere le dimensioni e la durata della batteria e fornire un supporto comodo per scattare con obiettivi grandi e in formato verticale. Sony ha capito che quasi tutti i fotografi che aggiungono la A9 III al loro carrello acquisteranno anche l'impugnatura, e per un periodo di tempo limitato la include gratuitamente con l'acquisto della A9 III - il suo prezzo di listino è di 450€.

  • Prezzo 4/5

Sony A9 III: design

  • Impugnatura più grande e nuova impugnatura verticale opzionale
  • EVF leader del settore
  • Ampia disposizione dei comandi

Essendo una fotocamera progettata principalmente per la fotografia d'azione professionale, la A9 III ha una qualità costruttiva tale da resistere a condizioni difficili e al tempo inclemente. Tuttavia, non è una macchina ingombrante come la Nikon Z9: le fotocamere mirrorless di Sony sono sempre piccole, anche quelle della serie A9. Al contrario, la maggior parte dei teleobiettivi professionali sono grandi, quindi com'è il bilanciamento della A9 III? Piuttosto buono, in realtà. 

Ha il familiare fattore di forma delle mini DSLR di Sony, con la differenza che l'impugnatura è più robusta per una migliore presa. L'ho trovata un'accoppiata decente con l'obiettivo FE 24-70 mm F2.8 GM, uno degli obiettivi che ho avuto a disposizione per la mia prova pratica. Con obiettivi più grandi come l'FE 70-200 mm F4 G OSS che ho avuto a disposizione per questo test, oltre al nuovo FE 300 mm F2.8 che ho avuto modo di provare brevemente, la A9 III trae davvero vantaggio dall'impugnatura verticale opzionale. 

La nuova impugnatura opzionale VG-C5 non solo aggiunge un po' di peso e di altezza per migliorare il bilanciamento con gli obiettivi di grandi dimensioni, ma dispone di diversi controlli a portata di mano per le riprese verticali, replicando il layout della fotocamera per le foto in formato orizzontale, oltre a prolungare la durata della batteria. Con l'obiettivo FE 300 mm F2,8, che pesa 1.470g si ottiene un ottimo equilibrio tra fotocamera (con impugnatura) e obiettivo. 

In questa categoria, preferisco l'approccio progettuale di Sony a quello di Canon e Nikon: un corpo piccolo che può essere ingrossato con un'impugnatura per teleobiettivi seri, piuttosto che un corpo grande che non può essere rimpicciolito.

Abbiamo lo stesso EVF leader del settore presente sulla A7R V: l'unità da 9,44 m di punti ha una frequenza di aggiornamento di 120 fps, senza blackout durante lo scatto continuo, e si comporta davvero in modo impeccabile, mantenendo le massime prestazioni indipendentemente dalla modalità di scatto. I modelli precedenti con l'EVF da 9,44 m di punti hanno registrato un calo di risoluzione durante le riprese a raffica. 

Anche il touchscreen è una particolarità della A7R V: uno schermo variangolare a doppio asse che può essere posizionato in qualsiasi angolazione e completamente ripiegato per proteggerlo quando non viene utilizzato. Mi piace il fatto che lo schermo possa essere allontanato dal corpo macchina, il che significa che la visuale non è ostacolata dal mirino. Anche la funzione touch è decente, con controlli come l'attivazione dell'AF tracciante, oltre a un menu rapido che può essere visualizzato trascinando dall'angolo dello schermo. 

Anche il layout di controllo è completo, con pulsanti personalizzabili che possono attivare funzioni come i 120 fps con una semplice pressione, più ghiere di controllo di quante se ne possano agitare e un joystick impugnabile per navigare nei menu, nei punti AF e simili. Non mi piace però la varietà di regolazione delle ghiere. Uno ha un blocco a scatto, un altro non ha alcun blocco, mentre il selettore della modalità di esposizione richiede di tenere premuto il blocco centrale per poterlo ruotare. Ci sono quasi troppe cose intorno al corpo macchina e ci vuole un po' di tempo prima che la navigazione tra i controlli diventi una seconda natura.

I rigidi sportelli delle porte possono essere aperti singolarmente per rivelare prese HDMI, Ethernet, sincronizzazione flash, cuffie e microfono, oltre a una porta USB-C attraverso la quale è possibile caricare la batteria NP-FZ100 della fotocamera, l'eccellente batteria di Sony utilizzata in tutti i modelli. Tutto sommato, la A9 III è la migliore fotocamera della serie Alpha in termini di design.

  • Design e maneggevolezza: 5/5

Sony A9 III: caratteristiche e prestazioni

  • La prima fotocamera full-frame con otturatore globale
  • Sony afferma che è 8 volte più veloce della A9 II
  • 120 fps per raffiche fino a 1,5 secondi
  • Velocità di sincronizzazione del flash a qualsiasi velocità dell'otturatore, limitata solo dal vostro flash
  • Il miglior autofocus di Sony di sempre

Le fotocamere Sony sono generalmente ricche di funzioni, ma poiché questa è la prima mirrorless con otturatore globale, inizieremo da qui. Si tratta di un tipo di sensore costoso che in passato si trovava solo nelle fotocamere cinematografiche di fascia alta e che è stato a lungo indicato per la vociferata Canon EOS R1, una potenziale rivale della A9 III. Perché tanto clamore per questo tipo di sensore?

In sintesi: legge ogni pixel simultaneamente anziché riga per riga, come fanno gli altri tipi di sensore quando utilizzano l'otturatore elettronico (anziché quello meccanico). Attualmente, il sensore sovrapposto delle Nikon Z8 e Z9 con otturatore elettronico vanta la più rapida velocità di lettura del sensore (riga per riga) di 1/250 sec.

È difficile trovare distorsioni nelle immagini della Z9, ma in generale c'è il rischio di un cosiddetto "rolling shutter" quando si usa l'otturatore elettronico - un effetto "jello". Nella maggior parte delle fotocamere DSLR e mirrorless è possibile utilizzare un otturatore meccanico per ottenere foto prive di distorsione, ma la velocità meccanica dell'otturatore è limitata: la velocità massima è di 16 fps nella Canon EOS 1D X Mark III. 

L'otturatore globale è il meglio di entrambi i mondi: nessuna distorsione e nessun limite reale alla velocità di scatto a raffica, fino a 120 fps. 

Sequenza di ripresa a raffica di un atleta olimpico che salta un ostacolo sulla pista da corsa di notte

Sequenza di riprese a raffica di un atleta olimpico che salta un ostacolo sulla pista di notte con la modalità high drive continua della Sony A9 III (Image credit: Future)

Questo è l'aspetto più interessante della A9 III per l'acquisizione di azioni ad alta velocità: è possibile muovere rapidamente la fotocamera per seguire il soggetto in foto o video, o congelare soggetti in movimento particolarmente rapido come uno swing di golf, senza notare alcuna distorsione. Inoltre, la velocità minima dell'otturatore è la più alta di sempre, fino a 1/80.000 sec, anche se attualmente è ridotta a 1/16.000 sec in modalità di scatto a raffica. È il sogno dei fotografi d'azione. 

L'ultimo processore Bionz XR di Sony è in gioco qui, solo che ci sono due processori gemelli che, secondo Sony, aumentano la velocità della A9 III di 8 volte rispetto alla A9 II. Questo è necessario per un lavoro ad alta velocità e per funzioni come la pre-cattura fino a un secondo. Abbiamo visto la pre-capture in altri sistemi di Panasonic, ma è un'altra novità per le mirrorless di Sony; la pre-capture può registrare sequenze fino a un secondo prima di premere completamente l'otturatore, un altro trucco utile per catturare momenti decisivi. 

Bluetit su un ramo solitario di un albero, ripreso con la ripresa a raffica a 120 fps della Sony A9 III

Questo video di cince blu su un ramo solitario è una raffica continua a 30 fps in tempo reale. Ripreso a 120fps, può essere rallentato di 4 volte. (Image credit: Future)

Un otturatore globale, inoltre, non ha un vero limite di velocità dell'otturatore quando si sincronizza con un flash esterno, se non quello del flash stesso. Ciò significa che la A9 III può in teoria sincronizzarsi con il flash a qualsiasi velocità dell'otturatore, laddove altri sistemi sono limitati a un massimo di 1/250 sec - ad esempio, la velocità massima di sincronizzazione del flash della Z9 è di appena 1/200 sec. 

Per coloro che amano la fotografia con il flash, in particolare, la A9 III apre un'altra sfera di possibilità creative, congelando in modo pulito l'azione veloce senza sfocature di movimento. Inoltre, rende i ritratti con il flash un gioco da ragazzi. L'esempio (sotto) è stato scattato a 1/2000 di secondo con l'obiettivo FE 70-200mm F4 G OSS alla massima apertura di f/4, con il Sony HVL F46RM alla massima potenza posizionato in un softbox e attivato in remoto con il radiocomando wireless Sony FA WRC1M. Non ho dovuto ridurre l'apertura a f/11 per ottenere un'esposizione accurata perché non ero limitato a 1/250 sec. Non ho dovuto pensare a soluzioni come un filtro ND per incrementare l'apertura; ho potuto semplicemente scattare il ritratto con le impostazioni di esposizione che desideravo.  

Ritratto con flash, alba dorata e sfondo del lago

Ritratto realizzato con la Sony A9 III e l'obiettivo FE 70-200mm F4 G OSS II. Impostazioni della fotocamera 1/2000sec, f/4, ISO 250. Flash Sony HVL F46RM a piena potenza posizionato in un softbox e attivato in remoto con il radiocomando wireless Sony FA WRC1M. (Image credit: Future)

Non preoccuparsi del limite di velocità dell'otturatore, poter utilizzare qualsiasi apertura: queste sono le caratteristiche della A9 III che cambiano la fotografia con il flash. Pensavo che accoppiare la A9 III con un flash per ottenere una velocità così elevata sarebbe stato un po' un campo minato e che fosse necessario giocare un po' con le impostazioni, ma in realtà non è così complicato. In poche parole, la A9 III è stata la fotocamera più versatile che abbia mai usato per il flash e non ci penserei due volte a noleggiarla per i ritratti in location. 

Caratteristiche impressionanti come i 120 fps sono una cosa sulla carta, ma come si rendono nel mondo reale? In primo luogo, le schede di memoria si riempiranno molto rapidamente e si creerà un flusso di lavoro scoraggiante per l'organizzazione e l'editing delle immagini, quindi i 120 fps dovrebbero essere usati solo con parsimonia. Fortunatamente, Sony semplifica il più possibile le cose grazie a un pulsante personalizzato che porta immediatamente la A9 III a questa velocità superveloce, partendo da una velocità predefinita più modesta: ho impostato la velocità massima continua a 30 fps e ho usato il pulsante per un'iniezione di 120 fps nei momenti cruciali. 

In genere sono riuscito a ottenere circa 190-200 fotogrammi (raw e JPEG) alla velocità massima di 120 fps, in altre parole circa 1,5 secondi di ripresa, prima che la fotocamera rallentasse. Chiaramente questa modalità principale è solo per i momenti decisivi. A 30 fps ho ottenuto in genere circa 275 fotogrammi (raw e JPEG) prima che la fotocamera rallentasse, per un totale di circa nove secondi. 

Primo piano dello sportello aperto della scheda di memoria della Sony A9 III

I doppi slot per schede possono contenere schede di memoria CFexpress di tipo A o SD. La CFexpress di tipo B è molto più veloce e possiamo sperare che Sony adotti supporti più veloci nelle future fotocamere ad alta velocità.  (Image credit: Future)

Utilizzando una scheda SD per le sequenze sopra citate, ci sono voluti circa 30 secondi perché il buffer si svuotasse e la fotocamera tornasse a funzionare pienamente, mentre utilizzando una scheda CFexpress di tipo A il tempo è stato un po' meno della metà. Questi tempi di attesa sono un po' deludenti, dato che una scheda CFexpress di tipo B - utilizzata dalla Nikon Z9 - è di nuovo almeno due volte più veloce. L'implementazione di una riprogettazione per accettare il tipo B invece del tipo A avrebbe reso la A9 III completamente formidabile. A parte il buffer, la velocità di scatto a raffica e la durata sono ineguagliabili.

Anche la pre-cattura è ottima. Forse non è il caso di impostarla a 1 secondo, soprattutto con la velocità dei fotogrammi che riempie la scheda, e 0,5 secondi sono probabilmente sufficienti per garantire la cattura di un'azione che si svolge all'improvviso. L'ho trovato particolarmente utile per la fotografia di uccelli, dove i soggetti si muovono in modo rapido e irregolare.

La messa a fuoco è eccellente anche con fps elevati

La messa a fuoco è eccellente anche con fps elevati (Image credit: Future)

Oltre alle sue superbe capacità di scatto a raffica, la A9 III ha il sistema di messa a fuoco automatica più capace di qualsiasi altra fotocamera attuale. È necessario scegliere la modalità giusta per il soggetto, ma impostando una modalità come "Area di messa a fuoco: Expand Spot" con un'appropriata messa a fuoco automatica a inseguimento del soggetto, la percentuale di immagini nitide che la A9 III può ottenere nelle sequenze d'azione è ineguagliabile.

La A9 III dispone anche di nuove modalità AF di rilevamento dei soggetti, tra cui uccelli e insetti, che hanno funzionato entrambe decentemente bene nei miei test con l'obiettivo 70-200 mm F4. Abbiamo ancora le modalità di rilevamento degli esseri umani e degli animali, che ora sono più efficaci che mai grazie al chip di messa a fuoco automatica "AI" che consente alla A9 III di riconoscere i soggetti in ogni tipo di orientamento: busto, testa, occhi e così via.

Inoltre, è presente l'efficacissima stabilizzazione dell'immagine all'interno del corpo macchina di Sony. Oltre a consentire l'uso di velocità dell'otturatore più basse per la fotografia (che non sono molto utili per congelare l'azione), è così efficace che è possibile ottenere video palmari fluidi come un gimbal, soprattutto quando si utilizzano le modalità Active e Dynamic Active.

  • Caratteristiche e prestazioni: 5/5

Sony A9 III: qualità delle immagini e dei video

  • Stessa risoluzione di 24,6 MP della A9 II
  • Video 4K 60p dall'intera larghezza del sensore (sovracampionamento)
  • ISO 250-25.600
  • Più rumore e meno gamma dinamica in condizioni di scarsa illuminazione rispetto ai concorrenti

Sony ha mantenuto la risoluzione del sensore della A9 III a 24,6 MP, proprio come nella A9 II. Si tratta di una risoluzione perfettamente accettabile per il pubblico a cui è destinata, ovvero i fotografi sportivi e naturalisti, e di una chiara differenza rispetto alla A1 (e al suo potenziale successore), che ha circa il doppio dei pixel. Alcuni potrebbero desiderare più pixel e maggiori possibilità di ritaglio - l'A1 ha 50MP - ma ciò comprometterebbe la velocità della A9 III. 

Naturalmente si tratta di un tipo di sensore diverso, con otturatore globale, ed è dotato di una gamma di sensibilità ISO 250-25.600 insolita che non può essere paragonata a quella della A9 II e della A1. Queste fotocamere hanno un ISO di base di 100, un'impostazione che offre una migliore gamma dinamica e una migliore gestione del rumore rispetto all'ISO 250 di base della A9 III. Pertanto, se la luce è buona e lo scenario di ripresa merita un ISO di base, come la fotografia di paesaggio, la qualità dell'immagine della A9 II e della A1 è superiore.

L'uso di un otturatore globale ha avuto un impatto negativo sulla gamma dinamica e sulla gestione del rumore della A9 III, anche se di poco. Tuttavia, dobbiamo anche ricordare chi è l'utente previsto della A9 III: la maggior parte delle persone non acquisterà la A9 III se non per scenari ad alta velocità, utilizzando tempi di posa elevati per congelare l'azione. In questa realtà, non sareste comunque in grado di scattare a meno di 250 ISO, e quindi la gamma ISO limitata all'estremità bassa è un punto piuttosto irrilevante per la fotografia sportiva e naturalistica professionale. 

La preoccupazione maggiore è rappresentata dall'aumento del rumore e dalla riduzione della gamma dinamica alle impostazioni ISO elevate di cui si ha regolarmente bisogno quando si selezionano velocità dell'otturatore particolarmente elevate e quando si scatta in condizioni di scarsa illuminazione. Dopotutto, molti eventi sportivi si tengono di notte sotto i riflettori, e la qualità delle immagini della A9 III non è altrettanto pulita rispetto a quella delle fotocamere rivali: ad esempio, c'è più rumore nelle ombre. 

Per impostazione predefinita, le fotocamere Sony applicano una riduzione del rumore piuttosto aggressiva alle immagini JPEG e, se si scatta solo in JPEG, è possibile che non si verifichino alcuni dei problemi sopra menzionati. 

Sebbene la riduzione della gamma dinamica e l'aumento del rumore rappresentino una riduzione della qualità dell'immagine, è necessario contestualizzare il problema. La A9 III è in grado di congelare l'azione senza distorsioni e di mettere a fuoco con una nitidezza mai vista prima. E sono queste caratteristiche di qualità dell'immagine che sono più importanti per la fotografia d'azione e i video, dove la A9 III ottiene il massimo dei voti. In parole povere, la A9 III è la fotocamera per la fotografia sportiva più capace che ci sia.  

I video 4K fino a 60fps sono sovracampionati da 6K, ovvero l'intera larghezza del sensore da 24,6MP. È inoltre possibile creare brevi video al rallentatore a 6K utilizzando la modalità di scatto a raffica a 120 fps della A9 III e unendo i file in post-produzione. 

Queste velocità di scatto massime equivalgono a un video in slow-motion 4x, se riprodotto a 30fps: la A9 III è così veloce che è possibile creare video in slow-motion da foto da 24,6MP, equivalenti a 6K.

Le fotocamere concorrenti, come la Z9, sono in grado di girare video in 8K a risoluzione più elevata. Tuttavia, ciò che è più interessante della risoluzione e della frequenza dei fotogrammi è il modo in cui l'otturatore globale della A9 III elimina il rolling shutter nei video. Nei video della A9 III si nota una piacevole qualità del movimento, soprattutto per i soggetti in movimento e per le riprese a mano libera in rapido movimento. Anche la stabilizzazione dell'immagine all'interno del corpo macchina per i video è eccellente e rende possibile la realizzazione di filmati senza l'ausilio di un gimbal. 

  • Qualità delle immagini e dei video: 4/5

Sony A9 III: tabella punteggi

Swipe to scroll horizontally
Sony A9 III
AttributiNoteValutazione
PrezzoUn prezzo elevato facile da comprendere visto le specifiche di questa fotocamera4 / 5
DesignIl miglior design di fotocamera mai realizzato da Sony.5 / 5
Caratteristiche e prestazioniLa mirrorless migliore del momento per la fotografia sportiva5 / 5
Qualità dell'immagineÈ in grado di bloccare e mettere a fuoco con precisione le azioni in rapido movimento, ma è più rumorosa delle rivali in condizioni di scarsa illuminazione. 4 / 5

Dovreste acquistare la Sony A9 III?

(Image credit: Future)

Compratela se...

Volete congelare l'azione
L'otturatore globale della A9 III è la base della sua impareggiabile velocità, con scatti a raffica a 120 fps.

Siete appassionati di avifauna
L'otturatore globale elimina l'effetto rolling shutter che può rovinare le immagini di soggetti in rapido movimento, come i volatili, mentre il miglior autofocus di Sony garantisce una messa a fuoco accurata anche negli scenari più complessi.

Volete una fotocamera modulare
Sony adotta un approccio diverso rispetto alla Z9 di Nikon e alla EOS R3 di Canon con la sua fotocamera sportiva professionale rivale, utilizzando un design compatto che può essere ampliato, insieme alla durata della batteria, tramite un'impugnatura verticale. È possibile mantenerla piccola quando si scatta con obiettivi piccoli, oppure utilizzare l'impugnatura per un migliore equilibrio con i grandi teleobiettivi tipicamente utilizzati per lo sport. 

Non compratela se...

Volete prestazioni top in notturna
Nelle riprese in scenari poco luminosi, la gamma dinamica e il rumore della A9 III non sono all'altezza delle fotocamere full-frame rivali, e questo è un vero peccato, soprattutto in condizioni di scarsa illuminazione. Il lato positivo di questo aspetto è che è più probabile che i soggetti in rapido movimento siano a fuoco e senza distorsione, il che nella maggior parte degli scenari sarà più importante.

30fps sono più che sufficienti
Le fotocamere concorrenti possono anche scattare a 30 fps con autofocus ed esposizione automatica completi. Se vi sembra sufficiente, i vantaggi aggiuntivi offerti dall'otturatore globale della A9 III potrebbero non valere la pena, visti gli svantaggi.

Volete immagini ad alta risoluzione
Se avete bisogno di immagini di grandi dimensioni ci sono alternative migliori, come le Nikon Z8 e Z9, o la Sony A7R V. Per la maggior parte dei fotografi d'azione, tuttavia, 24MP sono sufficienti. 

Sony A9 III: considera anche

Sony A9 III camera outside with background foliage, no lens attached

(Image credit: Future)

Se la nostra recensione della Sony A9 III vi ha fatto pensare ad altre opzioni, ecco altre due fotocamere da considerare...

Image

Nikon Z9
La Z9 di Nikon ha probabilmente più cose in comune con la A1 di Sony che con la A9 III; tuttavia è un altro modello a cui si rivolgeranno i fotografi professionisti di sport e natura. Ha un sensore impilato da 45,7 MP a più alta risoluzione con otturatore solo elettronico, video 8K, un corpo di grandi dimensioni per gli standard odierni con una qualità costruttiva estremamente robusta, oltre a un'impressionante durata della batteria. Entrambi i modelli hanno eccellenti prestazioni di autofocus, ma la A9 III ha capacità di scatto a raffica e velocità di sincronizzazione del flash più elevate, oltre a un EVF a più alta risoluzione.

Recensione: <a href="https://global.techradar.com/it-it/reviews/nikon-z9-recensione" data-link-merchant="global.techradar.com"">Nikon Z9

Image

Canon EOS R3
La Sony A9 III e la Canon EOS R3 condividono molte specifiche, tra cui il sensore full-frame da 24 MP, il potente autofocus e il prezzo elevato. Tuttavia, ci sono anche molte cose che le differenziano. L'A9 III ha una velocità di scatto a raffica più elevata (fino a 120 fps rispetto ai 30 fps della EOS R3) e, naturalmente, l'otturatore globale rispetto alla tecnologia del sensore impilato della R3. Dal punto di vista del design, la EOS R3 è più massiccia, grazie anche alla batteria integrata più grande, mentre la A9 III è modulare e per bilanciarla meglio con gli obiettivi più grandi è necessaria l'impugnatura verticale opzionale. 

Recensione: <a href="https://global.techradar.com/it-it/reviews/canon-eos-r3-recensione" data-link-merchant="global.techradar.com"">Canon EOS R3

Come ho testato la Sony A9 III

  • Accesso anticipato al modello di pre-produzione nel novembre 2023
  • Tanti scenari d'azione, tra cui la fauna selvatica e lo sport
  • Ritratti fotografici con flash remoto con l'HVL-F46RM di Sony

Ho utilizzato per la prima volta la A9 III nel novembre 2023 in occasione del suo evento di presentazione. Durante l'evento ho ripreso una serie di sport, tra cui salto in lungo, ostacoli, salto in alto, ginnastica e pugilato, abbinando la A9 III a diversi obiettivi, tra cui l'FE 300 mm F2.8 GM OSS, l'FE 70-200 mm F2.8 GM e l'FE 24-70 mm F2.8 GM. 

Tre mesi dopo il suo annuncio ho ricevuto una versione completa della A9 III, che ho utilizzato per oltre un mese con l'FE 70-200 mm F4 G OSS e l'FE 24-50 mm F2,8 G, durante il quale ho potuto scattare numerose foto di animali selvatici e sport, oltre a ritratti con un flash controllato a distanza. 

Durante il mio lungo periodo di utilizzo della A9 III ho usato tutte le modalità di scatto a raffica, compresa quella principale a 120 fps, supportata dalle più recenti modalità di autofocus.

Timothy Coleman
Cameras editor

Tim is the Cameras editor at TechRadar. He has enjoyed more than 15 years in the photo video industry with most of those in the world of tech journalism. During his time as Deputy Technical Editor with Amateur Photographer, as a freelancer and consequently editor at Tech Radar, Tim has developed a deeply technical knowledge and practical experience with cameras, educating others through news, reviews and features. He’s also worked in video production for Studio 44 with clients including Canon, and volunteers his spare time to consult a non-profit, diverse stories team based in Nairobi. Tim is curious, a keen creative, avid footballer and runner, and moderate flat white drinker who has lived in Kenya and believes we have much to enjoy and learn from each other. 


Con il supporto di