Skip to main content

Xiaomi Band 7 recensione

Xiaomi Band arriva alla settima generazione e conferma le qualità che abbiamo sempre apprezzato di questo marchio.

Xiaomi Smart Band 7
(Image: © Xiaomi)

Verdetto

Xiaomi Band 7, a prima vista, non si discosta troppo dal modello precedente. Però monta uno schermo più grande, da 1,62", lasciando invariato il cinturino, che ancora una volta risulta facilissimo da sostituire. Aumenta leggermente anche il peso, ma per fortuna anche l'autonomia, sebbene l'always-on display, altra novità, contribuisce ad accorciarla un po'. In generale, un ottimo prodotto, sebbene il prezzo sia aumentato rispetto al passato, rendendolo un gradino sopra la fascia economica.

Pros

  • +

    Display più ampio e luminoso

  • +

    Always-on Display

Cons

  • -

    Mancano GPS e NFC

  • -

    Costo più elevato rispetto ai modelli precedenti

Introduzione

Xiaomi Band 7, commercializzato come Xiaomi Smart Band 7, continua la tradizione di Xiaomi, che propone prodotti di una certa qualità, a prezzi più bassi rispetto alla concorrenza.

Nel caso della settima generazione Band, però, notiamo un lieve aumento di prezzo, giustificato probabilmente dallo schermo più grande, infatti si passa da 1,53" del Band 6 a 1,62" sullo Xiaomi Smart Band 7, che introduce per la prima volta anche l'Always-on Display.

Un modello, più voluminoso, dunque, che a un peso leggermente maggiore sopperisce con un'autonomia migliore, che però cala con la nuova funzione del display sempre attivo.

Ancora una volta, Xiaomi ripropone l'iconica striscia da polso in silicone, in vari colori molto sgargianti e facilmente intercambiabili.

Xiaomi Band 7

(Image credit: Xiaomi)

Disponibilità e prezzo

Xiaomi Smart Band 7 è già disponibile per l'acquisto sul sito ufficiale di Xiaomi (opens in new tab) al prezzo di €59,99, 10 euro in più rispetto al prezzo di lancio del suo predecessore. Come dicevamo, questo aumento è probabilmente giustificato dallo schermo e dalla batteria più grandi, in ogni caso Band 7 si colloca un gradino in su sulla scala dei fitness tracker economici.

Display

Xiaomi Band 7 presenta un display leggermente più ampio, con una luminosità di picco di 500 nit, ciò garantisce un'ottima leggibilità, come da tradizione Xiaomi.

La funzione always-on display vi mostrerà sempre l'orario, dunque non dovrete più ruotare il polso per vedere che ore sono. Lo stile dei numeri che vedrete dipenderà dal quadrante scelto. Ne avrete a disposizione circa 100, molto diversi in termini di design e tono, dai più seriosi ai più sportivi, passando per alcuni più spiritosi e divertenti. Insomma, ce n'è per tutti i gusti.

L'always-on display fa la sua prima apparizione sulla serie Band di Xiaomi e, nonostante sia una feature interessante, riduce un po' la durata della batteria.

Design

Le differenze in termini di design fra Xiaomi Mi Smart Band 6 e Xiaomi Band 7 sono quasi nulle: stessa forma del quadrante, stesso braccialetto in silicone intercambiabile.

Quello che cambia, come dicevamo, è il display più grande, con un peso che va a 13,5 grammi rispetto ai 12,8 del modello precedente e la batteria più capiente.

Xiaomi Band 7

(Image credit: Xiaomi)

Non cambia nemmeno la scelta cromatica: il modello base viene venduto con una fascetta in silicone di color nero. Ottimo per chi ama non dare troppo nell'occhio durante le sessioni di allenamento.

Facendo un giro sulla rete, però, si trovano già diverse fascette di ricambio di vari colori sgargianti, dal giallo al verde, sia originali che di terze parti. C'è proprio l'imbarazzo della scelta.

Esperienza utente

Xiaomi Band 7 non apporta grandissime novità dal punto di vista funzionale: offre tutto quello che ci si aspetta da un fitness tracker di questa categoria: monitoraggio del sonno, livello di ossigeno nel sangue, battito cardiaco, stress e così via.

Anche il Band 7 ci avviserà se siamo troppo sedentari e conterà per noi i passi e le calorie. Niente di nuovo sotto il sole.

Sullo schermo del Band 7 potrete leggere le notifiche dal vostro smartphone, e vedere chi vi sta chiamando.

Purtroppo, però, Xiaomi Smart Band 7 non monta il chip NFC, pertanto non potrete effettuare i pagamenti digitali, quantomeno in Italia. Infatti il modello cinese dispone di tale chip. Non capiamo il perché di questa distinzione, a meno che non si tratti del solito problema della carenza di componenti.

Un'altra mancanza è quella del GPS, pertanto dovrete dipendere sempre dal telefono per monitorare distanze percorse e velocità. Non è un difetto gravissimo, in ogni caso, dato che è rarissimo trovare il modulo GPS in prodotti di questa fascia di prezzo.

Xiaomi Smart Band 7

(Image credit: Xiaomi)

Fitness tracking

Nello specifico, chi è interessato a monitorare le proprie attività di fitness, Xiaomi Band 7 offre il monitoraggio di 110 tipi diversi di allenamento, incluso il controllo del consumo di ossigeno, ottimo per chi prende molto sul serio le proprie sessioni.

Band 7 resiste all'acqua fino a 5 ATM e riesce a monitorare quattro modalità diverse di allenamento nell'ambito del nuoto. Naturalmente, la resistenza a 5 AMT significa che le guarnizioni del fitness tracker resistono fino a questa pressione, di conseguenza, non è consigliabile indossare il Band 7 se si fa pratica con i tuffi, ad esempio.

Il monitoraggio dei parametri salutari, soprattutto nell'ambito del sonno, risulta preciso e affidabile, a differenza del monitoraggio delle attività fisiche, un "difetto" comune a diversi fitness tracker, però le letture sono coerenti fra di loro, quindi avrete una misura dei vostri progressi.

Software

Come sempre, l'app di accompagnamento di Xiaomi Smart Band 7 è Mi Fitness, che con gli ultimi update è stata un po' rivista dalle basi.

A fronte di una buona facilità d'uso, però, l'app presenta qualche piccolo problema, che vedremo subito.

In generale, ci troviamo davanti alla classica suddivisione in schede, da una home con vari parametri connessi alla salute a colpo d'occhio. Nonostante sia comoda e facile da leggere, non può essere personalizzata, se non nascondendo alcuni parametri. Però le schede restano immutabili anche nel loro ordine di visualizzazione. Questo significa che dovrete scorrerle tutte fino a trovare quella ceh vi interessa, peccato.

Anche qui troveremo l'indicatore PAI, ovvero una valutazione generica di quanto movimento fate giorno dopo giorno a cui si accompagnano delle notifiche e degli obiettivi volti a tenere alta la motivazione e continuare ad allenarsi.

Alcune funzioni, poi, come attivare o disattivare l'always-on display o cambiare luminosità sono relegate esclusivamente al wearable Xiaomi, che potrebbe essere scomodo vista la differenza tra lo schermo del Band 7 e quello di un qualsiasi smartphone nella media.

Non sono difetti mastodontici, ma se Xiaomi decidesse di intervenire con un prossimo aggiornamento dell'app, sarebbe cosa più che gradita.

Batteria

Secondo Xiaomi, che tra una ricarica e l'altra ci sono ben 14 giorni di utilizzo per Band 7. Quello che però non viene specificato è che questa autonomia la si raggiunge tenendo i livelli di utilizzo al minimo: niente always-on display, nessun allenamento e niente monitoraggio dei parametri di salute.

In condizioni di utilizzo normale, invece, la durata si attesta intorno ai 5 giorni, che  potrebbero scendere a 4 con allenamenti intensivi e l'uso costante della funzione always-on display.

Ci piacerebbe che le aziende, in generale, fossero più trasparenti nel comunicare la data effettiva di un prodotto, ma in ogni caso, 4 o 5 giorni di autonomia sono un buon dato.

Compratelo se...

Dovete sostituire un fitness tracker molto vecchio

L'aumento di prezzo è notevole, e in giro trovate molti prodotti con le stesse funzionalità a 10-20 euro meno. Però se provenite da un prodotto datato, Xiaomi Band 7 vi saprà soddisfare.

Volete uno schermo ampio

Xiaomi ha introdotto il miglior display disponibile per questa fascia di prodotti, offrendo un’ottima visualizzazione dei dati, anche rispetto ai dispositivi ben più costosi.

Vi piace l'always-on display

Non tutti i fitness tracker ce l'hanno e a volte, soprattutto i prodotti più economici, tendono a "non leggere" la rotazione del polso. Con questa funzione, potrete guardare subito l'ora, invece.

Non compratelo se...

Venite dal Band 6

Le differenze sono davvero troppo poche per giustificare il salto dal Band 6 al Band 7.

Volete NFC e GPS

Ci sono vari modelli che offrono il chip NFC, un po' meno quelli con il modulo GPS, soprattutto in questa fascia di prezzo. Ma se li volete a tutti i costi, guardate altrove.

Volete molta autonomia

Quattro o cinque giorni di autonomia sono OK, ma se tendete a dimenticarvi di ricaricare i vostri device, forse è il caso di guardare un prodotto più longevo.

Marco Doria
Marco Doria

Senior Editor and Professional Translator. Boardgaming enthusiast, Tech-lover.