Skip to main content

Xiaomi Mi 9 T ufficiale, una bomba nella fascia media

Xiaomi Mi9T
Xiaomi Mi9T (Image credit: TechRadar)

Xiaomi ha presentato ufficialmente il nuovissimo Xiaomi Mi 9T, telefono che è sostanzialmente la versione europea del Redmi K20, e che di fatto rappresenta un’incredibile novità nella fascia media. 

Con un prezzo altamente competitivo, infatti, il nuovo Xiaomi Mi 9T ha tutte le carte in regola per dominare la fascia di prezzo intorno ai 300 euro. Questo grazie a specifiche che, in rapporto al prezzo, sono semplicemente strabilianti. 

Il processore all’interno dello Xiaomi Mi 9T è un Qualcomm Snapdragon 713, un SoC di fascia media che ha già dato ampia prova di sé in altri prodotti. Sarà abbinato a 6 o 8 GB di RAM, e rispettivamente a 64 o 128 GB di archiviazione. 

Immagine 1 di 7

Xiaomi Mi 9T

Xiaomi Mi 9T

Image Credit: TechRadar

Immagine 2 di 7

Xiaomi Mi 9T

Xiaomi Mi 9T

Image Credit: TechRadar

Immagine 3 di 7

Xiaomi Mi 9T

Xiaomi Mi 9T

Image Credit: TechRadar

Immagine 4 di 7

Xiaomi Mi 9T

Xiaomi Mi 9T (Image credit: TechRadar)

Image Credit: TechRadar

Immagine 5 di 7

Xiaomi Mi 9T

Xiaomi Mi 9T

Image Credit: TechRadar

Immagine 6 di 7

Xiaomi Mi 9T

Xiaomi Mi 9T (Image credit: TechRadar)

Image Credit: TechRadar

Immagine 7 di 7

Xiaomi Mi 9T

Xiaomi Mi 9T

Xiaomi Mi 9T


 Fotocamera e specifiche da top di gamma 

Lo Xiaomi MI 9T monta una tripla fotocamera con sensore principale da 48MP f/1.75, teleobiettivo da 8Mp f/2.4 e supergrandangolo da 13 MP f/2.4. Forse non è una fotocamera bella quanto quella dello Xiaomi Mi 9, ma sicuramente ci si avvicina. 

La fotocamera frontale invece è a scomparsa, con un sensore da 20 MP e apertura f/2.2. Xiaomi assicura una resistenza pari a 300mila cicli di apertura e chiusura, più che sufficienti anche per chi tiene un telefono tre o quattro anni. La fotocamera frontale è “decorata” con dei LED rossi. Una scelta che potrebbe non piacervi, ma ci si può convivere. 

Da top di gamma è anche lo schermo AMOLED da 6,39” con risoluzione FHD+ (2340x1080), che offre tantissimo spazio per la visione di film e serie TV, per giocare e per fare qualsiasi altra cosa. È uno schermo HDR, quindi pronto per i migliori contenuti di Netflix e Amazon Prime Video. L’uso di una fotocamera popup permette un design all-screen, quindi senza notch né altre interruzioni. 

Come tutti i telefoni di queste dimensioni, naturalmente, risulterà un po’ difficile da maneggiare per chi ha le mani piccole, o è abituato a telefoni più compatti. 

Il design è completato dalla presa jack per le cuffie, in alto, e il sensore di impronte digitali sotto allo schermo. Xiaomi è riuscita a rendere l’area sensibile piuttosto grande, circa tutto il terzo inferiore dello schermo stesso, il che dovrebbe aumentare l’ergonomia. Presente all’appello anche lo sblocco tramite riconoscimento facciale. 

La batteria è da ben 4.000 mAh, e supporta la carica rapida da 18W tramite il connettore USB-C. Il caricatore veloce è incluso nella confezione, mentre è assente la ricarica wireless

Che cosa manca?

Abbiamo già detto che non è presente la ricarica wireless, un dettaglio che per molti sarà sicuramente tollerabile. Così come la mancanza di certificazione IP68 - vale a dire che non è impermeabile. Sono caratteristiche tipiche dei top di gamma, e al prezzo dello Xiaomi Mi 9T si tratta di “mancanze” del tutto accettabili. 

Un prezzo strepitoso 

Lo Xiaomi Mi 9T sarà in commercio dal 19 giugno a 329 euro per la versione da 6/64 GB, che diventano 399 per quella 8/128. Un prezzo incredibilmente competitivo, ma Xiaomi non si accontenta, e il primo giorno proporrà questo smartphone con un ulteriore sconto di 30 euro, tramite Amazon e il proprio negozio online. 

Significa che il 19 giugno potrete avere questo smartphone all’incredibile prezzo di 299 euro. Un’occasione più unica che rara, e se avete intenzione di cambiare smartphone probabilmente vi conviene prenderla al volo. 

Il nuovo Xiaomi Mi 9T, dunque, si colloca tra il Mi 9 SE e il Mi Standard, offrendo qualcosa in più rispetto alla versione SE e qualcosa in meno rispetto al top di gamma Xiaomi, che resta comunque all’interno della fascia media (per prezzo). L’azienda cinese, dunque, è riuscita a diversificare l’offerta, portando diversi modelli di qualità a diversi prezzi, in modo da soddisfare quante più persone possibile.