Skip to main content

Windows 11, la taskbar cambia (in meglio)

Windows 11 running on a laptop
(Immagine:: TechRadar)

Windows 11 forse non è ancora il sistema operativo Microsoft più amato, ma funzione a continua ad arricchirsi di novità - tutte cose che a un certo punto ritroveremo in Windows 12

Una di queste novità riguarda la taskbar, cioè la barra delle applicazioni, ed è già in fase di test per gli utenti Windows Insider che sono passati alla build 25163. Si tratta di un nuovo pulsante, con il tipico aspetto dei tre puntini in verticale, che compare in fondo alla barra stessa. Premendolo, si visualizzano le applicazioni che non ci stanno nello spazio normale. 

Naturalmente, per riempire così tanto la barra delle applicazioni servono davvero decine di applicazioni. 

Personalmente, non posso immaginare una situazione in cui mi serve avere tanti programmi aperti allo stesso tempo, o addirittura bloccati sulla barra delle app. E io sono uno che non usa il menu avvio e nemmeno il desktop. Mi affido esclusivamente alla taskbar, e sul mio schermo 1080p non ho abbastanza app da riempirla fino in fondo (ma quasi, in effetti). 

Windows 11 taskbar overflow

(Image credit: Microsoft)

La nuova funzione della barra delle applicazioni dovrebbe quindi piacere a chi usa tante applicazioni diverse, e vuole averle sempre tutte a portata di mano. 

Il nuovo pulsante mostra una specie di contenitore per le app aggiuntive, che funziona come la taskbar normale. Cliccando su un'icona si passa alla relativa app, e la finestra precedente si chiude. Piuttosto semplice. 

Contestualmente Microsoft ha rivisto anche la funzione "Nearby Sharing", che è più o meno l'equivalente in Windows di Apple Air Drop, ma senza la comodità di un protocollo condiviso anche da smartphone e tablet. 

Darren is a freelancer writing news and features for TechRadar (and occasionally T3) across a broad range of computing topics including CPUs, GPUs, various other hardware, VPNs, antivirus and more. He has written about tech for the best part of three decades, and writes books in his spare time (his debut novel - 'I Know What You Did Last Supper' - was published by Hachette UK in 2013).