Skip to main content

Windows 11, la schermata blu della morte diventa nera

Windows 11 BSoD
(Image credit: Shutterstock)

Fin dalla sua introduzione su Windows 3.0 nel 1990 il celebre Blue Screen of Death, la schermata di errore caratterizzata dal testo bianco su sfondo blu, è stato l'incubo di milioni di utenti.

A quando pare però, con Windows 11 potremo dire addio al cosiddetto BSoD, anche se solo parzialmente.

Come riporta the Verge, sembra che Windows 11 abbia sostituito la celebre schermata di errore blu con una nera, da cui il nome Black Screen of Death. In sostanza non dovrebbe cambiare niente (è rimasta anche la faccina triste) se non il colore della schermata.

A questo punto, la domanda che sorge spontanea è: perché? Se si tratta semplicemente di un cambiamento estetico, c'era davvero bisogno di passare al nero? 

Anche se il Blue Screen of Death non è mai stato collegato a emozioni positive, è (quasi) sempre risultato utile a far comprendere agli utenti l'entità del problema. Il rischio è che una tipica schermata nera possa avere un effetto opposto proprio per la sua "normalità", portando gli utenti a sottovalutare il problema.

Tempo di voltare pagina

Una delle ragioni principali di questo cambiamento può essere ricercata nella volontà manifestata da Microsoft di differenziare a tutti i costi Windows 11 da Windows 10. Come ben sappiamo, l'azienda di Redmond ha lavorato duramente per dare a Windows 11 un nuovo look, e modificare un aspetto iconico come la nota schermata blu ne è un'ulteriore conferma.

Ovviamente, Microsoft si augura che i Black Screen of Death siano un evento remoto e poco ricorrente.

Per ora, durante i nostri test con la versione di prova di Windows 11, ci siamo compiaciuti della stabilità del sistema nonostante sia ancora una beta.

Se questa caratteristica rimarrà intatta anche nelle versioni finali il nuovo Black Screen of Death potrebbe diventare un'evenienza più unica che rara, facendo dimenticare una volta per tutte la tanto temuta schermata blu.