Skip to main content

Surface Pro 7 prezzo, arriva una versione economica?

Surface Pro 7, un leak svela le configurazioni
(Image credit: Microsoft)

Il prossimo 2 ottobre è previsto un evento Microsoft, che potrebbe essere (ma non è per niente sicuro) l'occasione per presentare il nuovo Microsoft Surface Pro 7. Nel frattempo, come sempre, leak e indiscrezioni non fanno che accumularsi. 

Noi di TechRadar crediamo che sia in arrivo un nuovo Surface, anche perché in questa famiglia di dispositivi è ormai tempo di un aggiornamento; anzi si potrebbe dire che comincia a essere un po' tardi. E non lo pensiamo solo noi. 

Secondo WinFuture, per esempio, potremmo vedere presto il prossimo Surface Pro. Un dispositivo le cui varie configurazioni sono emerse su un sito tedesco: 

  • Microsoft Surface Pro 7, Intel Core i3, 4GB RAM, 128GB SSD
  • Microsoft Surface Pro 7, Intel Core i5, 8GB RAM, 128GB SSD
  • Microsoft Surface Pro 7, Intel Core i5, 8GB RAM, 256GB SSD
  • Microsoft Surface Pro 7, Intel Core i7, 16 GB RAM, 256 GB SSD
  • Microsoft Surface Pro 7, Intel Core i7, 16 GB RAM, 512 GB SSD

Pare che siano le configurazioni destinate al mercato Europeo. 

Le configurazioni includono un modello con Intel Core i3, 4GB di RAM e 128GB di archiviazione. Si tratta di una sorpresa, visto che attualmente il Surface Pro 6 parte da Intel Core i5 con 8GB di RAM. 

Sembrerebbe quindi che Microsoft si stia preparando a introdurre un modello entry-level meno costoso. Oggi il Surface Pro 6 di listino costa almeno 1.099 euro (Intel Core i5, 8/256GB), ma in negozi terzi si trova anche la versione 8/128 GB, a partire da circa 750 euro. 

Un nuovo Surface Pro 7 con Intel Core i3 e 4GB di RAM, quindi, potrebbe rappresentare un nuovo punto di riferimento per chi cerca uno tra i migliori notebook 2-in-1, e anche per chi cerca i migliori notebook in assoluto. E in termini generali, un Surface Pro meno costo è una buona notizia per tutto il mondo dei PC. 

Naturalmente è tutta speculazione, ma per fortuna non manca molto al 2 ottobre, data in cui speriamo di saperne di più direttamente da Microsoft.