Skip to main content

Secondo iFixit il nuovo MacBook Pro da 16” è migliorato, ma ancora terribile da riparare

(Image credit: iFixit)

iFixit, noto sito web che si occupa di smontare le apparecchiature elettroniche per vedere quanto sono facili (o meno) da riparare, ha analizzato il nuovo modello MacBook Pro da 16 pollici analizzandone sia pregi che difetti.

Innanzitutto, la buona notizia. iFixit ha trovato il nuovo MacBook Pro da 16” incredibilmente aggiornato rispetto al modello precedente, uscito all'inizio di quest'anno.

L'aggiornamento più evidente (a parte lo schermo da 16 pollici e il display IPS Retina con risoluzione 3.072 × 1.920) è costituito dalla nuova tastiera. Basata sulla famosa Magic Keyboard di iMac, la tastiera a forbice del MacBook da 16 pollici sostituisce il modello a farfalla che si è rivelato più soggetto a malfunzionamenti 

Adesso la tastiera del nuovo MacBook Pro non soffrirà più dei problemi causati dai tasti con meccanismo a farfalla che non rispondevano alla minima presenza di polvere o briciole. iFixit ha inoltre scoperto che non c’è una membrana antipolvere per i nuovi interruttori.

Apple aggiunse la membrana sperando di rimediare ai problemi ai quali era soggetta la tastiera Butterfly e la sua assenza sui nuovi modelli può essere vista come un segno di fiducia da parte di Apple che i nuovi switch non avranno gli stessi problemi.

Il team di iFixit ha scoperto che il meccanismo a forbice della nuova tastiera è quasi identico a quelli vecchi trovati nella tastiera iMac Magic, ma più sottile di 0,22 mm. Come sottolineato da iFixit, ciò è probabilmente dovuto al duro lavoro svolto dal team di ingegneri di Apple per garantire che la tastiera rimanesse il più sottile possibile.

iFixit è anche riuscito a scambiare alcuni dei tasti della tastiera Magic dell’iMac con quelli del nuovo MacBook Pro, mostrando quanto le due tastiere siano simili 

Più aggiornamenti 

Mentre studiava il MacBook Pro da 16 pollici, iFixit ha trovato un enorme dissipatore di calore per mantenere freschi i potenti componenti del MacBook Pro da 16 pollici, nonché fori di scarico più grandi, che aiutano a far fuoriuscire più aria calda per mantenere basse le temperature.

I nuovi altoparlanti sono migliori rispetto a quelli del vecchio modello e sono impostati per annullare le vibrazioni reciproche per un suono più pulito. L'array a tre microfoni è strutturato allo stesso modo dei precedenti modelli, ma iFixit ha notato che sembrano "più robusti" (Forse perchè sono di qualità superiore, cosa di cui Apple si è vantata parlando del nuovo MacBook Pro da 16 pollici).

Infine, iFixit ha notato che il nuovo MacBook Pro da 16” ha la batteria più grande mai vista in un MacBook, con un aumento di 4,8 Wh rispetto al vecchio MacBook Pro da 17 pollici e un enorme aumento di 16,2 Wh rispetto al più recente MacBook Pro da 15 pollici.

Come spiega iFixit, Apple sembra essere riuscita ad aumentare le dimensioni della batteria rendendo ogni cella più spessa di 0,8 mm, un trucco appreso durante la progettazione dell'iPhone 11

Scarsa riparabilità 

Sebbene il MacBook Pro da 16 pollici sia più che riuscito sotto molti aspetti, iFixit non è rimasto soddisfatto dalla sua riparabilità, dandogli un punteggio di 1 su 10.

Questo perché Apple ha mantenuto la sua frustrante abitudine di saldare processore, RAM e memoria sulla scheda logica, proteggendo al contempo tastiera, batteria, altoparlanti e Touch Bar con colla e rivetti.

Ciò rende incredibilmente difficile rimuovere i componenti e sostituirli in caso di rottura. Questo può essere visto come una mossa anti-consumatore in quanto significa che se un singolo componente si rompe, il cliente ha bisogno di sostituire gran parte del portatile.

Con Microsoft che sta lavorando per migliorare la riparabilità di alcuni dei suoi dispositivi Surface (con Surface Pro X e Surface Laptop 3 dotati di archiviazione removibile), è un vero peccato che Apple preferisca ancora “spennare” i propri clienti.

Come afferma iFixit nella sua recensione: "Nonostante i nuovi altoparlanti potenti, l'array di microfoni di qualità podcast e lo schermo gigante, non possiamo fare a meno di affermare che Apple può fare di meglio, soprattutto dopo aver visto Microsoft eseguire qualche vera magia ingegneristica per rendere i suoi ultimi portatili più riparabili. Speriamo che la line-up Pro del 2020 faccia passi avanti in tal senso”.