Skip to main content

Portatili gaming esagerati con i nuovi processori Intel

Intel 12 HX
(Image credit: Intel)

Intel ha annunciato ufficialmente l'arrivo dei processori di 12esima generazione della linea HX. Vale a dire la nuova generazione di CPU progettato per le workstation mobile e i portatili gaming più potenti. I nuovi processori vanno a completare la gamma Intel Gen 12 mobile, dove troviamo anche i processori P e U. 

L'azienda sottolinea come i nuovi processori siano sviluppato con un approccio "da desktop", e possano quindi portare prestazioni di altissimo livello anche sui computer portatili, garantendo a creator e professionisti tutta la potenza di cui hanno bisogno, anche in mobilità.  

I processori Intel 12th HX hanno fino a 16 core (8 perfomance + 8 ad alta efficienza) e 24 thread, con un TDP di riferimento di solo 55 watt, ma un assorbimento massimo (teorico) di 157 watt. 

L'esponente di punta della nuova famiglia è l'Intel Core i9 12900-HX. Un processore che, secondo i dati della stessa Intel, supera il precedente Core i9-12900HK, con un +64% nelle prestazioni multicore. Il concorrente diretto, Ryzen R9-6900HX, non riesce a uguagliare le prestazioni. Vediamo uno scenario simile con i benchmark prestazionali, con miglioramenti fino all'81%.

Gli altri processori della linea sono Core i7-12850HX, Core i7-12800HX, Core i7-12650HX, Core i5-12600HX e Core i5-12450HX.

Intel ha fatto sapere che ci sono almeno dieci modelli in arrivo entro la fine del 2022, da diversi produttori, tra cui HP, Dell e Lenovo.

Immagine 1 di 5

Intel 12 HX

(Image credit: Intel)
Immagine 2 di 5

Intel 12 HX

(Image credit: Intel)
Immagine 3 di 5

Intel 12 HX

(Image credit: Intel)
Immagine 4 di 5

Intel 12 HX

(Image credit: Intel)
Immagine 5 di 5

Intel 12 HX

(Image credit: Intel)

Forse non è una cosa tanto sensata

Intel 12 HX

(Image credit: Intel)

Secondo Intel i nuovi processori sono ideali anche per i migliori portatili gaming, anche se forse, crediamo, il Core i9-12900HX è persino esagerato per questa categoria di prodotto.

Sicuramente siamo più che entuasiasti all'idea di portatili in grado di fare cose meravigliose, come eseguire un rendering 3D in background mentre si lavora su altro modello 3D.

O, ancora, l'idea di un portatile che mi fa giocare in 4K ad alti FPS, è semplicemente fantastica. 

Sì però non è una cosa molto credibile. Lo sanno in casa Intel, lo sanno in casa AMD, e lo sanno i produttori di portatili: per arrivare a prestazioni del genere devi spingere il processore fino al massimo, e in questo caso parliamo di 157 watt di potenza. E poi c'è la scheda video, e tutto il resto dell'hardware. 

Sul serio, un portatile che deve dissipare più di 200 watt? Una cosa del genere non esiste, e di sicuro non si può mettere in commercio un portatile alto dieci centimetri e che pesa dieci chili, giusto? 

Peccato, perché i portatili gaming e le workstation mobile sono già in grado di fare grandi cose. Non c'è alcun bisogno di sparare alto solo per poter dire "millemila core e millemila gigahertz"; visto che poi, nella realtà, quei numeri non li vedremo. E allora, perché parlarne? 

Non sarebbe male se, per una volta, si mettese un freno a certe dichiarazioni.  

Valerio Porcu è Redattore Capo e Project Manager di TechRadar Italia.