Nvidia RTX 4070 Ti è ufficiale, bella ma costa troppo

Two new Nvidia RTX 4070 Ti GPUs from Palit and Asus on a green background.
(Immagine:: Asus, Palit, Nvidia)

Nvidia ha finalmente presentato in maniera ufficiale la RTX 4070 Ti, una scheda video pronta a fornire potenti prestazioni di gioco in 4K con un prezzo minore rispetto alle altre RTX 4000, ma comunque alto: 919 euro. Uscirà ufficialmente il 5 gennaio. 

Prevedibilmente, questa GPU sembra avere le stesse specifiche della RTX 4080 12GB, il cui lancio era stato annullato. Non è certo una sorpresa visto che Nvidia ha ammesso pubblicamente che la scheda portava il nome sbagliato.

La scheda utilizzerà il die della GPU AD104, che ha 7.680 CUDA Core, 240 Tensor Core  e 60 core di ray-tracing. La scheda conterrà gli stessi VRAM 12GB di GDDR6X che avrebbe utilizzato la RTX 4080 12GB originale, e la GPU avrà un boost clock di 2.610MHz. Questo la pone ben oltre la scheda di punta della generazione precedente, la RTX 3090 Ti.

Per quanto riguarda i requisiti energetici, la RTX 4070 Ti ha un TDP relativamente basso di 285W, il che significa che molti giocatori probabilmente se la caveranno senza dover cambiare l'alimentatore. Le attuali schede Lovelace di Nvidia hanno dimostrato una buona efficienza energetica con carichi meno intensi, cosa che si spera avvenga anche in questo caso.


Nvidia quest'anno ha alzato troppo i prezzi

Screenshot from the Nvidia CES 2023 livestream, featuring the RTX 4070 Ti with specs and pricing.

(Image credit: Nvidia)

Trattandosi di una delle GPU Lovelace di Nvidia, la RTX 4070 Ti sarà dotata di tutti i vantaggi più interessanti della nuova generazione di schede grafiche. L'aspetto più importante è il DLSS 3, tecnologia di upscaling potenziata dall'intelligenza artificiale di Nvidia, che ora può utilizzare la full frame generation per aumentare il frame rate fino al doppio. Nvidia ha voluto mostrare le sue nuove funzionalità durante l'evento livestream del CES.

L'aggiornamento del ray-tracing e delle capacità di deep-learning è un'ottima cosa e il software esistente, come Nvidia Reflex (che riduce la latenza) sarà ancora più performante sul nuovo hardware. Abbassare il costo per avere tutte queste cose va bene, ma 919 euro sono ancora tantissimi. Serve una RTX 4060, e che costi poco!

Ma le cose stanno andando piuttosto male, pensando ai prezzi. Sì perché la RTX 4070 Ti dovrebbe essere una scheda di fascia media, ma 919 euro sono un prezzo di fascia alta. 

La risposta di Nvidia a questo commento, potete scommetterci, sarebbe qualcosa sul genere eh ma costa un sacco in meno rispetto alla 4080, che a sua volta costa meno della 4090. Il che è assolutamente vero, ma il problema è proprio partire dal prezzo ridicolo  - ridicolmente alto -  della RTX 4090.  

Anche perché poi, lo sappiamo, il prezzo reale sarà anche più alto. I modelli custom dei vari produttori, infatti, di certo non costeranno meno di quello reference di Nvidia. Di solito costano di più, e questa volta non sarà diverso. 

La situazione è preoccupante, proprio pensando alla RTX 4060. Quando arriverà, quando costerà questa scheda? Secondo la tendenza attuale, il modello founders potrebbe attestarsi intorno ai 750 euro, con i modelli custom leggermente sotto ai mille. 

Sono cifre semplicemente troppo alte per una scheda grafica di fascia bassa, quel tipo di prodotto che le persone comprano perché vogliono divertirsi con i videogiochi senza impegnarsi troppo. 

Certo, ci sarà sempre qualcuno che se le può permettere, ma se aggiornare o farsi un PC diventa più costoso, ci saranno più persone che decideranno di "accontentarsi" di una console, per spendere meno. E alla lunga è tutto il settore del PC Gaming che ne risente. 

Speriamo che Nvidia lo capisca, e che arrivi una RTX 4060 davvero economica. 

Valerio Porcu è Redattore Capo e Project Manager di Techradar Italia. È da sempre ossessionato dai gadget e dagli oggetti tecnologici che cambiano la nostra vita quotidiana, e dai primi anni 2000 ha deciso di raccontarla. Oggi è un giornalista con anni di esperienza nel settore tecnologico, e ha ancora la voglia di trovare le chiavi di lettura giuste, per capire davvero in che modo la tecnologia può rendere migliore la nostra vita quotidiana.