Skip to main content

Netflix alla conquista dei Golden Globes 2020 con 34 nomination

The Irishman
(Image credit: Netflix)

Come è noto, Netflix non è più idoneo alla partecipazione come concorrente al Festival di Cannes, tuttavia il servizio di streaming ha incassato ben 34 nomination ai Golden Globes del prossimo anno, sia per la categoria dei film che per i programmi televisivi. 

Nella categoria dedicata al miglior film drammatico, tre candidature su cinque sono state conquistate da Netflix, con The Irishman, Storia di un matrimonio e I due papi, mentre le restanti vanno all’epico film di guerra 1917 della Universal e al rivoluzionario Joker della Warner.

Dei film di Netflix che hanno ricevuto una nomination, solo The Irishman concorre al premio come miglior regista, in questo caso Martin Scorsese. Il film ha ricevuto altre nomination: per Al Pacino e Joe Pesci come migliori attori non protagonisti per un film drammatico, nonché per la migliore sceneggiatura cinematografica, a cura di Steven Zaillian.

L’esilarante commedia Dolemite Is My Name ottiene una nomination per migliore attore nella categoria Musical o commedia, grazie al suo protagonista Eddie Murphy, insieme alla nomination come miglior film per la stessa categoria.

 Lo streaming inizia a guadagnarsi il dovuto rispetto 

Netflix ottiene anche alcune nomination per Storia di un matrimonio, film acclamato dalla critica con Noah Baumbach che concorre al premio per la miglior sceneggiatura, non riuscendo però a rientrare nella categoria del miglior regista.

Anche i protagonisti del film, Scarlett Johansson e Adam Driver, hanno ricevuto una nomination come miglior attore/attrice per la categoria dei film drammatici, mentre Laura Dern concorre come miglior attrice non protagonista e Randy Newman ha ricevuto una nomination per la miglior colonna sonora originale.

Come dichiarato da NPR, Netflix ha ottenuto oltre il doppio delle nomination rispetto a Sony Pictures, che si classifica al secondo posto. Tuttavia, non si tratta dell’unico servizio di streaming a ricevere un certo riconoscimento: Amazon è stata lodata per La fantastica signora Maisel e Fleabag, sia per i protagonisti che per le serie nel loro complesso anche Annette Benning (The Report) ed Emma Thompson (E poi c’è Katherine) hanno ricevuto delle nomination.

Sebbene si tratti di un servizio piuttosto recente, Apple TV Plus si è distinta con la sua prima nomination ai Golden Globes per la miglior serie televisiva drammatica, insieme a The Crown di Netflix. Di seguito, l’elenco completo delle nomination ai Golden Globes 2020. 

 

Migliore interpretazione di un attore in una serie televisiva: musical o commedia

Michael Douglas ("Il metodo Kominsky")

Bill Hader ("Barry")

Ben Platt ("The Politician")

Paul Rudd ("Living with Yourself")

Ramy Youssef ("Ramy")

Migliore interpretazione di un’attrice in una serie televisiva: musical o commedia

Christina Applegate ("Dead to Me - Amiche per la morte")

Rachel Brosnahan ("La fantastica signora Maisel")

Kirsten Dunst ("On Becoming a God in Central Florida")

Natasha Lyonne ("Russian Doll")

Phoebe Waller-Bridge ("Fleabag")

Migliore interpretazione di un attore in una serie televisiva drammatica

Brian Cox ("Succession")

Kit Harington ("Il Trono di Spade")

Rami Malek ("Mr. Robot")

Tobias Menzies ("The Crown")

Billy Porter ("Pose")

Migliore interpretazione di un’attrice in una serie televisiva drammatica

Jennifer Aniston ("The Morning Show")

Olivia Colman ("The Crown")

Jodie Comer ("Killing Eve")

Nicole Kidman ("Big Little Lies - Piccole grandi bugie")

Reese Witherspoon ("Big Little Lies - Piccole grandi bugie")

Migliore interpretazione di un attore in una miniserie o un film TV

Christopher Abbott ("Catch-22")

Sacha Baron Cohen ("The Spy")

Russell Crowe ("The Loudest Voice - Sesso e Potere")

Jared Harris ("Chernobyl")

Sam Rockwell ("Fosse/Verdon")

Migliore interpretazione di un’attrice in una miniserie o un film TV

Kaitlyn Dever ("Unbelievable")

Joey King ("The Act")

Helen Mirren ("Caterina la Grande")

Merritt Wever ("Unbelievable")

Michelle Williams ("Fosse/Verdon")

Miglior miniserie o film TV

"Catch-22″

"Chernobyl"

"Fosse/Verdon"

“The Loudest Voice - Sesso e Potere”

"Unbelievable"

Miglior interpretazione di un’attrice non protagonista in una serie, una miniserie o un film TV

Patricia Arquette ("The Act")

Helena Bonham Carter ("The Crown")

Toni Collette

Meryl Streep ("Big Little Lies - Piccole grandi bugie")

Emily Watson ("Chernobyl")

Miglior interpretazione di un attore non protagonista in una serie, una miniserie o un film TV

Alan Arkin ("Il metodo Kominsky")

Kieran Culkin ("Succession")

Andrew Scott ("Fleabag")

Stellan Skarsgård ("Chernobyl")

Henry Winkler ("Barry")

Miglior serie televisiva drammatica

"Big Little Lies - Piccole grandi bugie"

"The Crown"

"Killing Eve"

"The Morning Show"

"Succession"

Miglior serie televisiva: musical o commedia

"Barry"

"Fleabag"

"Il metodo Kominsky"

"La fantastica signora Maisel"

"The Politician"

Miglior film: musical o commedia

"C’era una volta a... Hollywood"

"Jojo Rabbit"

"Cena con delitto - Knives Out"

"Rocketman"

"Dolemite Is My Name"

Miglior film drammatico

"The Irishman"

"Storia di un matrimonio"

"1917"

"Joker"

"I due papi"

Miglior film straniero

"The Farewell - Una bugia buona"

"Dolor y gloria"

"Ritratto di una donna in fiamme"

"Parasite"

"I miserabili"

Miglior sceneggiatura: film

Noah Baumbach ("Storia di un matrimonio)

Bong Joon-ho and Han Jin-won ("Parasite")

Anthony McCarten ("I due papi")

Quentin Tarantino ("C’era una volta a... Hollywood")

Steven Zaillian ("The Irishman")

Miglior brano originale: film

"Beautiful Ghosts" ("Cats")

"(I'm Gonna) Love Me Again" ("Rocketman")

"Into the Unknown" ("Frozen II - Il segreto di Arendelle")

"Spirit" ("Il re leone")

"Stand Up" ("Harriet")

Miglior attore non protagonista

Tom Hanks ("Un amico straordinario")

Anthony Hopkins ("I due papi")

Al Pacino ("The Irishman")

Joe Pesci ("The Irishman")

Brad Pitt ("C’era una volta a... Hollywood")

Miglior attrice non protagonista

Kathy Bates ("Richard Jewell")

Annette Bening ("The Report")

Laura Dern ("Storia di un matrimonio")

Jennifer Lopez ("Le ragazze di Wall Street - Business is Business")

Margot Robbie ("Bombshell")

Miglior attore: musical o commedia

Daniel Craig ("Cena con delitto - Knives Out")

Roman Griffin Davis ("Jojo Rabbit")

Leonardo DiCaprio ("C’era una volta a... Hollywood")

Taron Egerton ("Rocketman")

Eddie Murphy ("Dolemite Is My Name")

Miglior film di animazione

"Frozen II - Il segreto di Arendelle"

"Dragon Trainer - Il mondo nascosto"

"Missing Link"

"Toy Story 4"

"Il re leone"

Miglior attore drammatico

Christian Bale ("Le Mans ‘66 - La grande sfida")

Antonio Banderas ("Dolor y gloria")

Adam Driver ("Storia di un matrimonio")

Joaquin Phoenix ("Joker")

Jonathan Pryce ("I due papi")

Miglior attrice drammatica

Cynthia Erivo ("Harriet")

Scarlett Johansson ("Storia di un matrimonio")

Saoirse Ronan ("Piccole donne")

Charlize Theron ("Bombshell")

Renée Zellweger ("Judy")

Miglior attrice: musical o commedia

Awkwafina ("The Farewell - Una bugia buona")

Ana de Armas ("Cena con delitto - Knives Out")

Cate Blanchett ("Che fine ha fatto Bernadette?")

Beanie Feldstein ("La rivincita delle sfigate")

Emma Thompson ("E poi c’è Katherine")

Miglior attore: musical o commedia

Daniel Craig ("Cena con delitto - Knives Out")

Roman Griffin Davis ("Jojo Rabbit")

Leonardo Dicaprio ("C’era una volta a... Hollywood")

Taron Egerton ("Rocketman")

Eddie Murphy ("Dolemite is My Name")

Miglior regista cinematografico

Bong Joon-ho ("Parasite")

Sam Mendes ("1917")

Todd Phillips ("Joker")

Martin Scorsese ("The Irishman")

Quentin Tarantino ("C’era una volta a... Hollywood")