Skip to main content

Linux 5.6: il nuovo kernel aggiunge il supporto per GeForce RTX e altro ancora

(Image credit: Future)

È stato ufficialmente rilasciato il nuovo Linux Kernel 5.6 che implementa importanti funzioni tra cui il supporto per USB4 e le schede grafiche della serie GeForce RTX 2000 (grazie ai driver Nouveau).

Sì, il supporto alle GPU Turing è arrivato con i driver Nouveau open source, insieme all’immagine del firmware proprietario, come riporta Phoronix.com. L’overclocking non è ancora disponibile (le GPU funzioneranno alle frequenza standard) e mancano ulteriori pezzi importanti del puzzle (come il supporto Vulkan con Nouveau). 

Nouveau è un'alternativa ai driver proprietari di Nvidia che, sebbene si trovino ancora in uno stato embrionale, sono molto promettenti per chi gioca su Linux. Linux 5.6 introduce anche un migliore supporto di ripristino per le schede grafiche Navi e le iGPU Renoir (che aiuta a recuperare il driver grafico in caso di errori). 

Connettività di nuova generazione

Lo standard USB 4.0, che è stato inaugurato da Intel, offre velocità di trasferimento dati di 40 Gbps (è basato sulla tecnologia Thunderbolt 3), e i primi dispositivi a supportarlo saranno disponibili nel 2020.

Un'altra mossa degna di nota è l'introduzione del supporto WireGuard, un nuovo protocollo VPN che costituisce un'alternativa a OpenVPN (date un’occhiata alla nostra guida delle migliore reti VPN)

Linux 5.6 supporta anche Amazon Echo e include una serie di altri miglioramenti minori, per non parlare di alcune importanti patch, di cui una introdotta per notebook Asus con CPU AMD Ryzen, che riduce la temperatura del chip.

Phoronix osserva inoltre che la fase di sviluppo di Linux 5.7 è già iniziata, e i lavori sulla nuova versione del kernel dovrebbero continuare senza soffrire rallentamenti causati dalla pandemia da COVID-19

A seguito della pubblicazione del kernel Linux 5.6, Linus Torvalds ha dichiarato: "Lo sviluppo della versione 5.7 dovrebbe seguire i piani prestabiliti, e siamo fiduciosi in merito, anche se con questa pandemia bisognerà tenere conto di eventuali imprevisti".