La Nintendo Switch 4K non esiste, ma c'è un'alternativa

Nintendo Switch (OLED)
(Immagine:: Nintendo)

Nintendo Switch OLED è una tra le console più desiderate del momento, e anche una delle più difficili da comprare. Come io modello precedente, quando si tratta di giocare collegati al TV del salotto, la risoluzione è bassa.

Niente Nitendo Switch 4K, ma esiste un accessorio esterno che può mitigare il problema. Si chiama mBasic ed è un piccolo adattatore che si collega via HDMI tra la console e il televisore.

Ciò che fa mClassic è l'upscaling, cioè un'azione di cui in genere si occupa il televisore. Se avete un TV 4K (com'è probabile), allora il televisore dovrà "creare" i pixel mancanti, partendo dal segnale di Nintendo Switch. mClassic è in vendita sul sito del produttore (Si apre in una nuova scheda), e la spedizione in Italia è disponibile. 

È una cosa che i migliori TV fanno piuttosto bene, ma con mClassic si può avere un ulteriore miglioramento. 

Il risultato potrebbe variare a seconda del televisore: se ne avete uno di fascia alta, che è già valido in upscaling, potreste non notare differenza con mClassic. Se invece avete un TV di fascia media, allora giocare con Nintendo Switch potrebbe diventare un'esperienza molto molto diversa.  

Sarebbe fantastico se Nintendo facesse una nuova Switch con hardware più potente, o almeno una funzione di upscaling integrata - magari la stessa cosa che fa mClassic, o qualcosa di leggermente migliore se possibile. 

Tuttavia pare che il colosso giapponese non sia interessato. Possiamo star certi che presto arriverà una nuova console, e che si chiami Switch 2, Switch Pro o in qualsiasi altro modo, sarà in grado di gestire il 4K. Però manca qualcosa per la generazione attuale, peccato. 

Valerio Porcu è Redattore Capo e Project Manager di Techradar Italia. È da sempre ossessionato dai gadget e dagli oggetti tecnologici che cambiano la nostra vita quotidiana, e dai primi anni 2000 ha deciso di raccontarla. Oggi è un giornalista con anni di esperienza nel settore tecnologico, e ha ancora la voglia di trovare le chiavi di lettura giuste, per capire davvero in che modo la tecnologia può rendere migliore la nostra vita quotidiana.