Skip to main content

iPhone, Touch ID potrebbe tornare ma non con iPhone 11

(Image credit: TechRadar)

Un brevetto emerso lo scorso maggio ha svelato che Apple sta lavorando a un sensore di impronte integrato nello schermo, che renderebbe possibile il ritorno di Touch ID. Difficilmente però la cosa riguarderà l'iPhone 11

Lo stimato analista Ming-Chi Kuo (in una nota per gli investitori pubblicata da MacRumors) crede infatti che Apple introdurrà la nuova tecnologia nel 2021. 

Kuo basa la propria previsione su una serie di brevetti che avrebbe potuto vedere, ma come sempre è opportuno accogliere previsioni di questo tipo con un minimo di cautela. 

Secondo la nota di Kuo, "in termini di tecnologia (del sensore integrato nello schermo, NdR), prevediamo che quattro elementi critici miglioreranno significativamente nell'arco di 12-18 mesi, compreso lo spessore del modulo, l'area sensibile, il consumo energetico e la laminatura". 

"Crediamo dunque che Apple presenterà il nuovo iPhone con il sensore per le impronte sia con Face ID, per migliorare sicurezza e comodità dell'accesso biometrico". 

Se le tempistiche proposte da Kuo sono affidabili, significa non vedremo il ritorno di Touch ID sull'iPhone 11, e forse nemmeno sull'iPhone 12, nel 2020. 

Ancora due anni

Uno dei brevetti in questione descrive una funzione chiamate "immagini acustiche", una specie di sonar grazie a cui si potrebbe posare il dito ovunque sullo schermo per attivare la lettura dell'impronta. 

È un sistema diverso da quello che troviamo oggi su molti smartphone Android con il lettore sotto allo schermo, dove bisogna posizionare il dito un un'area determinata dello schermo (più o meno grande secondo il modello). 

In ogni caso, se Apple dovesse tornare a fare un iPhone con Touch ID, insieme a Face ID, sicuramente usare lo smartphone sarebbe più piacevole e comodo per tutti. In ogni caso, il riconoscimento facciale di Apple funziona molto bene, e per molto probabilmente non farebbe alcuna differenza. 

C'è sempre la possibilità che Apple decida di andare avanti con il solo riconoscimento facciale, come accade sull'iPhone XS e e gli altri modelli attuali. Almeno per i top di gamma, mentre potrebbe optare per Touch ID sulle varianti meno costose, cioè gli eredi dell'iPhone XR.

Quest'ultima è l'ipotesi ventilata in passato da un sito di informazioni cinese, citato da The Global Times), che avrebbe ottenuto informazioni direttamente all'interno delle fabbriche. 

Resta dunque la possibilità che gli iPhone "economici" in futuro abbiano il sensore di impronte sotto lo schermo, ma non aspettatevi di vedere il sensore con tecnologia acustica con il prossimo iPhone, che sarà presentato a settembre.

Via The Next Web