Skip to main content

iPhone 13 avrà il Touch ID integrato nel display

iPhone 12 Pro
(Image credit: Future)

Da anni ormai gli iPhone non montano più un sensore per le impronte digitali (se escludiamo iPhone SE 2020), a favore della tecnologia Face ID per il riconoscimento facciale. Le cose però potrebbero cambiare con iPhone 13.

Avevamo già sentito qualcosa del genere in precedenza, e ora secondo quanto riportato dal Wall Street Journal due ex-dipendenti Apple hanno confermato che "Apple starebbe lavorando a una tecnologia per il riconoscimento delle impronte digitali che possa essere implementata sui dispositivi insieme alla tecnolologia Face ID".

Secondo tali indiscrezioni non assisteremo quindi a un ritorno del pulsante fisico con Touch ID, ma ci sarà un sensore per le impronte digitali integrato nel display simile a quello che siamo ormai abituati a vedere sui migliori smartphone Android.

Il meglio dei due mondi

L'implementazione di entrambe le tecnologie è senz'altro un'ottima notizia: Face ID è  il miglior sistema di riconoscimento facciale che si può trovare su uno smartphone, e in molti sicuramente non vogliono rinunciare a usarlo. Naturalmente tale sistema risulta fallace in ambienti molto bui, oppure quando si indossa la mascherina e, talvolta, anche gli occhiali da sole. In alcuni casi naturalmente un sistema di sbloccaggio tramite impronta digitale sarebbe preferibile.

Ma quindi, il nuovo iPhone 13 avrà davvero entrambe le funzionalità? Può darsi. Bloomberg a gennaio aveva affermato che la nuova tecnologia era in fase di test, e questa è solo una delle tante indiscrezioni che abbiamo già sentito sul tema negli ultimi tempi.

Spesso le aziende produttrici di smartphone sviluppano diversi prototipi per testare svariate tecnologie. Questo significa che non tutte vedono la luce insieme al prodotto finito che arriva sul mercato.

É quindi troppo presto per sapere con sicurezza cosa deciderà Apple. Potrebbe optare per una tecnologia diversa, o rimandare l'implementazione del nuovo sistema per lo sblocco di un anno, oppure riservarlo per un altro smartphone che uscirà nel prossimo futuro (magari un iPhone 12S).

Via 9to5Mac