Skip to main content

Intel vuole riconquistare la guida del mercato desktop da AMD

(Image credit: Shutterstock)

Sembra che Intel ne abbia abbastanza del recente successo di AMD coadiuvato dal nodo a 7 nm. 

Il CEO Bob Swan ha confermato in una recente conferenza sugli utili che Intel sta "investendo per riconquistare la leadership del processo produttivo in futuro" e che prevede di lanciare i suoi primi prodotti a 7nm dal terzo trimestre del 2021. 

Intel ha distribuito processori a 10nm (mobile) e 14nm (desktop e server) mentre AMD ha già colpito il mercato con prodotti a 7 nm del calibro di Ryzen 9 3900X.

In passato, Intel ammise di non poter raggiungere i 7 nm di TSMC usati da AMD fino al 2021, sebbene abbia dichiarato che il suo processo a 10 nm è paragonabile al processo a 7 nm. 

Potrebbe essere così, ma sembra che Intel non voglia consentire ad AMD di mantenere la leadership tecnologica. 

Swan ha anche rivelato che tornerà a un ciclo di sviluppo di due anni, simile al modello tick-tock utilizzato dal 2007 al 2016. Il modello tick-tock comporta un primo impegno sullo sviluppo della microarchitettura (tock), che dopo 12/18 mesi è seguito da una riduzione del processo produttivo (tick) su un architettura matura. 

Questo modello ha aiutato Intel a mantenere la leadership fino al 2016, anno in cui si è passati al modello "Processo, architettura, ottimizzazione", che essenzialmente ha aggiunto una terza fase, l'ottimizzazione.

Le 2 incognite di Intel: approvigionamento delle CPU e sviluppo del processo a 10nm

La società non abbandonerà il processo a 10 nm e ne aumenterà la produzione. Swan ha fatto questi commenti all'assemblea sugli utili finanziari di Intel del terzo trimestre 2019, che ha definito "il miglior trimestre nella storia della nostra azienda", con 19,2 miliardi di entrate. 

Il nuovo modello di business incentrato sui dati che si concentra su server, cloud e sull'Internet of Things è uno degli artefici dei risultati record. Il business tradizionale di Intel incentrato sui PC ha avuto qualche difficoltà, con ricavi per PC in calo del 5% su base annua, più o meno secondo le attese. 

Come la società si aspettava, la domanda dei suoi nuovi processori Ice Lake a 10 nm ha contribuito a compensare tale calo - con 30 nuovi progetti per il mercato entro la fine del 2019. Ciò si spera avrà un impatto positivo sui risultati del quarto trimestre. 

Durante la conferenza sugli utili, è stato anche rivelato che Intel sta ancora lottando con problemi di approvvigionamento per i prodotti a 14 nm. Intel spera di soddisfare le richieste entro il 2020 aumentando la sua capacità a 14 nm.

“Stiamo lavorando duramente per riconquistare l'equilibrio tra domanda e offerta. Ma prevediamo difficoltà anche nel quarto trimestre", ha ammesso Swan.

Via TechSpot