Skip to main content

Cyberpunk 2077 rimandato un'altra volta

Nuovo rinvio per Cyberpunk 2077
(Image credit: CD Projekt RED)

A sorpresa, ieri pomeriggio CD Projekt RED ha annunciato su Twitter un nuovo rinvio del loro attesissimo Cyberpunk 2077.

La settimana scorsa, lo studio aveva annunciato l'ingresso in fase Gold, ovvero quando il gioco è pronto per essere copiato sui supporti multimediali, senza aver bisogno di ulteriori ritocchi (patch al day one escluse). Inoltre, sempre su Twitter, l'azienda aveva ribadito e confermato che non ci sarebbero stati ulteriori ritardi sulla pubblicazione.

Ieri, la doccia fredda. CD Projekt RED si è affidata a Twitter per comunicare ai suoi fan la brutta notizia.

Lo studio ha spostato la data di uscita di una ventina di giorni per avere il tempo di testare a fondo il gioco su tutte e nove le piattaforme su cui arriverà.

Le reazioni non si sono fatte aspettare: chi ha deciso di annullare il pre-ordine, deluso dall'ennesimo rinvio, chi ha accusato lo studio di aver mentito sulla fase Gold, chi invece lamenta il fatto di aver preso le ferie per godersi il titolo in pace e che ora si trova nella situazione di non poterle più cambiare.

Secondo alcune indiscrezioni, la notizia è stata diffusa contemporaneamente su Twitter e all'interno dello studio stesso. Quindi i dipendenti potrebbero aver saputo del rinvio solo in quel momento. Sono voci di corridoio, ma che circolano con insistenza su Twitter.

Altri fan, invece, sostengono la decisione di CD Projekt RED, che ha sempre affermato che avrebbe fatto uscire il gioco solo quando pronto. Citando le parole di Shigeru Miyamoto, "Un gioco che arriva in ritardo alla fine sarà un buon gioco, mentre uno prodotto di fretta sarà sempre pessimo", molti hanno ribadito che è meglio aspettare ancora un po' e avere in mano un gioco stabile e privo di bug.

Certo, un ulteriore rinvio dopo l'annuncio della fase Gold desta qualche perplessità. È anche vero che una decisione così impopolare e rischiosa deve avere un qualche fondamento. Che l'azienda abbia scoperto qualche falla importante all'ultimo momento su una delle piattaforme di destinazione?

Come sempre, vi terremo aggiornati sugli sviluppi della vicenda, quindi continuate a seguire TechRadard.