Skip to main content

Asus ZenFone 7 arriverà a breve con un design già visto

The Asus ZenFone 6. (Image credit: Future)

A poche settimane dal lancio del ROG Phone 3, Asus ci mostra un'anteprima della sua serie premium ZenFone 7. Il canale YouTube dell'azienda di Taiwan ha condiviso un video dell'evento programmato che indica che il lancio avverrà mercoledì 26 agosto. Abbiamo anche visto Asus mostrare il nuovo modello su Twitter, grazie all'account Twitter Asus tedesco che ha aggiunto l’hashtag "flip your world" ("flip Deine Welt"). Questo ci fa pensare che lo ZenFone 7 adotterà lo stesso design con fotocamera ribaltabile dello ZenFone 6 che lo ha preceduto. Il rispettato leaker Roland Quandt ha affermato su Twitter che uno dei modelli sarà venduto per 549 euro, in particolare quello con 8 GB di RAM e 256 GB di spazio di archiviazione.

Quandt ha anche dato seguito ad alcune delle voci già sentite, ossia che lo ZenFone 7 sarà dotato del SoC Snapdragon 865 e avrà una batteria da 5.000 mAh. Il leaker ha anche menzionato un modello con 6 GB di RAM e 128 GB di spazio di archiviazione, al prezzo di 499 euro.

Da quello che abbiamo visto finora nella breve campagna pubblicitaria di Asus, sembra che lo ZenFone 7 manterrà in gran parte il design dell'anno scorso: quindi la fotocamera ribaltabile richiudibile e il design senza tacca.

Sulla base di documenti normativi individuati di recente, ZenFone 7 monterà un display da 6,7 pollici più grande di quello dello ZenFone 6, anche se Asus ha diminuito ulteriormente le cornici e il dispositivo dovrebbe mantenere all’incirca le stesse dimensioni del precedente modello. Sono state anche fatte alcune speculazioni su versioni più potenti del dispositivo: potrebbero essere quindi disponibili uno o più modelli ZenFone 7 con 16 GB di RAM e 512 GB di spazio di archiviazione. Il 26 di agosto avverrà la presentazione ufficiale della serie ed allora si sapranno esattamente le caratteristiche di quest’ultima edizione dello ZenFone.

La distribuzione dei prodotti partirà da Taiwan, ma è plausibile che le altre regioni asiatiche e l’Europa seguiranno a breve.