Skip to main content

Arriva iOS 15, ma non per tutti gli iPhone

iPhone 6S
iPhone 6S (Image credit: Future)

L'anno scorso, un'indiscrezione suggeriva che l'atteso aggiornamento a iOS 15 del 2021 avrebbe escluso diversi modelli di iPhone. Adesso, una nuova fonte sembra confermare le voci.

Se entrambe le notizie sono corrette,  iPhone 6s, iPhone 6s Plus e l'originale iPhone SE saranno i modelli a non ricevere l'ultima versione del software. Ciò suggerisce che  la serie iPhone 7 e i modelli successivi saranno inclusi nell'aggiornamento a iOS 15.

Queste nuove informazioni arrivano da una notizia pubblicata sul sito web francese iPhoneSoft. Sebbene sia il primo leak che intercettiamo da questa fonte, il sito web dichiara di aver captato l'indiscrezione da fonti interne Apple.

Gli smartphone elencati corrispondono ai modelli di iPhone di cui avevamo già sentito parlare relativamente all'esclusione da iOS 15. Tuttavia, non vengono i citati i modelli di iPad segnalati nel 2020 da un'altra fonte.

In ogni caso, iPad mini 4, iPad Air 2 e iPad 5 (il modello del 2017) potrebbero perdere l'aggiornamento a iPadOS 15, un derivato del software di iOS 15, ed è possibile che gli iPad siano solo stati omessi sul nuovo elenco.

Quali sono le conseguenze per gli iPhone più vecchi?

Se possedete uno di questi modelli, non significa che non potrete più utilizzare il vostro smartphone o tablet. In sostanza, non avrete accesso alle nuove funzioni e alle principali modifiche di sicurezza apportate al software Apple.

L'azienda tende a mantenere aggiornati i dispositivi a lungo. Infatti l'iPhone 6s avrà ormai quasi sei anni all'arrivo di iOS 15, tuttavia ciò non consola chi preferisce tenersi il vecchio smartphone, dato che sarà costretto a rinunciare agli aggiornamenti.

Apple svela spesso le novità software in occasione del WWDC di giugno e l'anno scorso l'azienda ha optato per un evento virtuale per poter fare comunque i propri annunci. Ciò che ci aspetta per l'evento del 2021 non è ancora chiaro, ma sicuramente avremo novità da parte di Apple sul software dei suoi cellulari intorno alla metà dell'anno.

Fonte: 9To5Mac