Skip to main content

Android, scompariranno le insistenti notifiche sugli aggiornamenti delle app

Google Play Store
(Image credit: Shutterstock)

Google sta cambiando il modo in cui il vostro smartphone Android aggiorna le app. Anziché avvisarvi con una notifica ogni volta che un aggiornamento è stato scaricato e installato, il Google Play Store gestirà il tutto in background senza infastidirvi inutilmente.

Queste notifiche contengono raramente informazioni veramente utili (quali il contenuto dell’aggiornamento) e per questo verranno eliminate.

Si tratta di una soluzione semplice ad un problema poco rilevante ma comunque fastidioso, in quanto spesso questo tipo di notifiche risultano ridondanti, specialmente quando gli aggiornamenti automatici vengono effettuati tutti insieme, dopo essere stati tenuti in standby per un po’.

Questo cambiamento è stato inizialmente riportato da Android Police il mese scorso, quando alcuni utenti Android avevano segnalato su Reddit di aver smesso di ricevere le notifiche relative agli aggiornamenti delle app.

Google si è affrettata a chiarire che si tratta di una nuova caratteristica e non di un bug. In futuro ci aspettiamo quindi una diminuzione drastica delle notifiche dal Play Store.

Fuori dal giro

Nonostante molti utenti accoglieranno di buon grado questo cambiamento, non tutti ne sono entusiasti, su Reddit infatti sono numerose le lamentele relative a questa scelta di Google.

“È sconcertante - sostiene un utente - Non c’è alcun reale beneficio per l’utente nel non sapere effettivamente quale applicazione sia stata aggiornata. Non c’è alcun reale beneficio neanche per gli sviluppatori, in quanto dimostrare di essere attivi e costanti negli aggiornamenti delle app è una molto importante per chi si occupa dello sviluppo.”

Se preferite essere sempre al corrente di quali app ricevono un aggiornamento automatico, è possibile ripristinare le notifiche sul Google Play Store, nella sezione “Notifiche” basta attivare la sezione “Aggiornamenti automatici”.

È anche possibile disattivare direttamente gli aggiornamenti automatici, permettendovi quindi di analizzarli singolarmente prima di scaricarli e installarli.