Skip to main content

AMD Zen 3: un aggiornamento del kernel di Linux rivela le nuove CPU Ryzen

(Image credit: AMD)

Alcuni riferimenti a Zen 3, l'architettura dei processori desktop AMD Ryzen di quarta generazione , sono comparsi nel kernel di Linux, suggerendo che questi chip potrebbero arrivare prima di quanto pensiamo.

Le nuove versioni del kernel di Linux vengono spesso passate al setaccio man mano che affiorano, alla ricerca di preziosi indizi che possano fornire informazioni, ad esempio, su hardware non ancora rilasciato, e questa volta è Komachi_Ensaka (un prolifico leaker) ad aver scovato alcuni dettagli sui processori AMD “Family 19h” condividendoli su Twitter.

Come sottolinea Techspot, che ha riportato il tweet, Family 19h fa riferimento alla microarchitettura Zen 3. Zen 2 - l'architettura sulla quale sono costruite le attuali CPU Ryzen di terza generazione - è la Famiglia 17h. 

Il fatto che si tratti di una nuova famiglia è la conferma di ciò che abbiamo sentito dire in precedenza: Zen 3 è un'architettura completamente nuova e, in quanto tale, dovrebbe assicurare un notevole incremento delle prestazioni rispetto alla generazione precedente. Infatti, alcune voci di corridoio sostengono che i processori desktop Ryzen 4000 dovrebbero attestare un incremento della performance pari al 20% rispetto agli attuali prodotti Ryzen 3000.

Se queste informazioni sono veritiere Intel potrebbe trovarsi in una posizione davvero difficile, soprattutto se i suoi processori desktop Comet Lake di nuova generazione tarderanno ad uscire -  a causa dei problemi di surriscaldamento dovuti all’elevato consumo energetico  se le voci che circolano sono corrette. E sicuramente qualche problema deve esserci - ci si aspettava che queste CPU venissero quantomeno presentate in anteprima al CES, ma non sono state nemmeno menzionate. 

L’atteggiamento aggressivo di AMD 

La presenza di Zen 3 nel kernel di Linux non significa per forza che il rilascio dei chip Ryzen di quarta generazione sia dietro l'angolo, ma ci fa pensare che forse il momento giusto per il lancio sul mercato di questi processori potrebbe arrivare verso la metà dell’anno, o subito dopo. E se l’uscita di Comet Lake dovesse slittare fino a maggio, come si ipotizza attualmente, questi chip Intel potrebbero trovarsi a dover fronteggiare quasi immediatamente la prossima generazione di processori Ryzen.

L'amministratore delegato di AMD, Lisa Su, ha recentemente confermato che Zen 3 uscirà sicuramente nel 2020, e che l'azienda avrà un atteggiamento "molto aggressivo" nel perseguire lo sviluppo della sua roadmap di CPU, suggerendo ancora una volta che potremmo vedere i chip desktop Ryzen 4000 prima della seconda metà dell'anno.

Naturalmente, al momento stiamo parlando di pure speculazioni sui tempi di lancio, ma Intel ha senza dubbio il fiato sul collo e non è solo “ il calore delle sue CPU” a creare problemi. L'azienda ha già perso abbastanza terreno nel campo dei processori desktop a favore di AMD , sicuramente non per motivi legati allo slittamento di un prodotto.

Via PC GamesN