Skip to main content

AMD Radeon RX 5600 XT nuovo BIOS. Batte la RTX 2060 ma occhio ai dettagli

(Image credit: Future)

In occasione della recente manifestazione del CES 2020, AMD ha annunciato la Radeon RX 5600 XT, con l’unico obiettivo di fornire la migliore esperienza possibile in Full HD e battagliare con la rivale Nvidia GTX 1660 Ti

La risposta di Nvidia è stata quella di abbassare il prezzo di GeForce RTX 2060 intorno ai €300 per mettere pressione a AMD. Ed è qui che le cose iniziano a farsi interessanti…

Dalla nostra recensione di AMD Radeon RX 5600 XT, si evince che la GPU offre prestazioni alla pari con RTX 2060, se non addirittura superiori in alcuni test. Tuttavia, in tempi recenti, i vari produttori di schede video custom presenti sul mercato hanno presentato degli aggiornamenti del VBIOS (VGA Basic Input Output System) che hanno ulteriormente aumentato le prestazioni. In parole povere, AMD Radeon RX 5600 XT potrebbe realmente stravolgere gli attuali equilibri di mercato.

Dunque, abbiamo pensato che sarebbe stato saggio tuffarsi nei miglioramenti del comparto prestazionale che hanno seguito l’aggiornamento del VBIOS del modello Sapphire Pulse di Radeon RX 5600 XT che abbiamo recensito, ma anche affrontare un viaggio nel delicato mondo delle schede video aftermarket. Il nostro scopo finale è di aiutarvi a prendere la decisione giusta, in modo che la scheda grafica che acquisterete possa non deludervi.

(Image credit: Future)

Schede grafiche aftermarket

Immaginate di trovarvi su uno store online, che abbiate selezionato la categoria legata all’informatica, che siate sempre stati affascinati dal mondo dei videogiochi e che un sacco di vostri amici vi inciti a realizzare il vostro PC da gaming personale. Ovviamente, una delle componenti hardware più importanti è rappresentata dalla scheda video e chiunque si aspetterebbe di dover scegliere tra i due marchi più rappresentativi di tale settore, Nvidia e AMD. Invece, gaurdando in giro, possiamo leggere anche altri nomi di brand come EVGA, Sapphire, XFX e MSI. 

Tutto ciò potrebbe sembrare fuorviante per coloro che stanno muovendo i primi passi nel mondo dell’hardware. Dunque, è giunto il momento di fare chiarezza.

Sia AMD che Nvidia hanno costruito la propria fama sulla progettazione di GPU (unità di elaborazione grafica), senza dimenticare che la prima è impegnata anche nel settore dei processori. Entrambe le aziende producono le proprie schede video ma, in genere, queste sono destinate soltanto a una parte di pubblico: Nvidia chiama queste GPU con l’appellativo di “Founders Edition” e attualmente riguarda soltanto la serie RTX 2000, mentre AMD ha in commercio soltanto due schede di propria fattura, Radeon RX 5700 e RX 5700 XT. 

AMD e Nvidia affrontano la questione in modo differente. Le schede Nvidia Founders Edition sono dotate di dispositivi di raffreddamento premium e presentano frequenze overcloccate rispetto alle specifiche di base, al contrario di AMD che decide di non affidarsi all’overclock. Si tratta delle versioni che i due produttori inviano alle redazioni di tutto il mondo nel periodo immediatamente successivo all’annuncio di una nuova scheda video. In generale, scegliere questo tipo di GPU garantisce delle prestazioni più che adeguate.

E per quanto riguarda la fascia bassa del mercato?

Per le schede video di fascia inferiore, come AMD RX 5600 XT, entrambi i produttori progettano semplicemente la GPU e forniscono delle linee guida, come i requisiti di alimentazione, la capacità della VRAM ecc., che i produttori aftermarket sono tenuti a seguire. Dunque, sono proprio questi ultimi a avere carta bianca riguardo elementi come il design, la versione del BIOS, eventuali overclock e l’inserimento di RGB. È questo il motivo della presenza sul mercato di tante versioni diverse della stessa GPU.

In genere, quando Nvidia o AMD annunciano una scheda grafica che costi, ad esempio, €300, questo è il prezzo base di partenza. Dunque, potrete trovare delle schede a questa cifra, ma saranno delle versioni molto semplici. Otterrete una velocità di clock di base e una dissipazione del calore che non permetterà un overclock spinto.

Salendo con il budget a disposizione, potrete trovare delle GPU dotate di sistemi di raffreddamento molto potenti (con un massimo di tre ventole) che garantiranno un certo livello di overclock, in modo da ottenere un boost prestazionale ragguardevole.

(Image credit: Future)

Radeon RX 5600 XT sotto la lente d'ingrandimento

Rispondendo all'abbassamento del prezzo di Nvidia GeForce RTX 2060, AMD ha dato il via libera ai produttori aftermarket affinché rilasciassero un nuovo software VBIOS, aumentando i consumi energetici e ottenendo prestazioni superiori rispetto alla concorrenza.

Dunque, è necessario che l’utente operi un aggiornamento manuale del VBIOS, una procedura che non è esente da rischi. Dal canto nostro, abbiamo contattato Sapphire, il produttore della scheda video Radeon RX 5600 XT che abbiamo recensito, il quale ci ha confermato come le schede attualmente in vendita siano tutte aggiornate all’ultima versione di VBIOS. Tuttavia, è sempre possibile che qualche esemplare sia sfuggito alle maglie del processo di aggiornamento, ma è lo stesso produttore a suggerire agli utenti di operare questo importante update a livello software.

Riguardo il modello che è in nostro possesso, Sapphire ci ha rassicurati affermando che “con la schede dotata di doppio BIOS, le possibilità di causare un errore irreparabile sono molto limitate”. Tuttavia, abbiamo chiesto se la garanzia fosse stata ancora valida in caso di errato aggiornamento del BIOS, ma non abbiamo ottenuto delle risposte rassicuranti in tal senso. Infine, l’azienda suggerisce di contattare il proprio supporto clienti in merito a qualsiasi dubbio.

Quindi, sembra che la maggior parte delle schede video Sapphire attualmente in circolazione abbia il VBIOS già aggiornato o, comunque, facilmente aggiornabile. Il tempo verrà in nostro aiuto, in quanto questo problema è soltanto temporaneo; non dimentichiamo poi che la versione Sapphire Pulse non è l’unica Radeon RX 5600 XT presente sul mercato.

Ovviamente, non tutte le schede RX 5600 XT presenti in circolazione saranno in grado di offrire frequenze di clock e prestazioni maggiorate, mandando ancora di più in confusione i consumatori meno esperti. Siamo dell’idea che i neofiti di questo campo non prestino molta attenzione ai temi che abbiamo trattato in precedenza, gettandosi a capofitto sulla scheda che costi meno tra le tante disponibili. 

Non stiamo parlando dello stesso pubblico che vorrebbe acquistare una RTX 2080 Ti, che crediamo sia molto più oculato nel prestare attenzione ad aspetti come la velocità di clock e l’efficienza del sistema di raffreddamento.

A tale scopo, abbiamo contattato AMD per chiarire questo aspetto e chiedere all’azienda se l’intera gamma di RX 5600 XT avrebbe supportato il nuovo VBIOS; AMD ha smentito ciò, affermando che “AMD ha reso disponibile l’aggiornamento VBIOS a tutti i propri partner AIB, ma sta a questi ultimi la decisione di implementarlo sulle proprie versioni di RX 5600 XT, compatibilmente con i piani progettuali intrapresi”. 

Questo non aggiunge nulla alle conoscenze che già avevamo. AMD ha reso disponibile l’aggiornamento a tutti i propri partner AIB o aftermarket, ma questi non sono tenuti obbligatoriamente a eseguirlo sulla propria gamma di RX 5600 XT.

Nei prossimi mesi, probabilmente, la maggioranza delle schede Radeon RX 5600 XT sarà dotata del nuovo VBIOS; tuttavia, è altrettanto probabile che questa soluzione non possa essere presente nelle fasce di prezzo più basse.

Per essere chiari, noi di TechRadar non siamo soliti testare diversi modelli aftermarket di una stessa GPU, semplicemente perché ce ne sono davvero troppi e sarebbe ridondante per la redazione gestire così tante schede grafiche in poco tempo. Come regola generale, per essere sicuri di scegliere una GPU in linea con i nostri dettami, vi consigliamo di optare per il modello specifico che abbiamo testato. Comprendiamo che ce ne siano una marea, quindi, qualora abbiate altri dubbi riguardanti questa o altre schede, sentitevi liberi di contattarci sul nostro account Twitter o via email; saremo lieti di potervi dare una mano.

Ci sono molte redazioni che sono solite recensire schede video e, tra queste, menzioniamo i nostri amici di Tom's Hardware. Vi invitiamo a leggere con attenzione le recensioni dello specifico modello della scheda grafica che volete acquistare, in modo da fugare qualsiasi dubbio.

(Image credit: Future)

Radeon RX 5600 XT: ne vale davvero la pena?

Come accennato in precedenza, abbiamo condotto i nostri test sulla prima versione di RX 5600 XT, quella con il vecchio BIOS, quindi la nostra valutazione è interamente basata su quel modello, che è comunque in grado di fornire ottime prestazioni in 1080p.

Dopo aver cercato di sbrogliare la matassa legata a Radeon RX 5600 XT, siamo tornati sui nostri passi, abbiamo operato un aggiornamento del VBIOS sulla GPU in nostro possesso e abbiamo eseguito nuovamente tutti i test, i cui risultati sono visibili qui di seguito.

Immagine 1 di 12

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 2 di 12

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 3 di 12

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 4 di 12

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 5 di 12

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 6 di 12

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 7 di 12

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 8 di 12

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 9 di 12

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 10 di 12

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 11 di 12

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 12 di 12

(Image credit: Infogram; Future)

Come potete vedere, con il nuovo VBIOS, Sapphire Pulse Radeon RX 5600 XT è saldamente davanti alla rivale RTX 2060 in tutti i test a eccezione di Time Spy Ultra e Middle Earth: Shadow of War (a causa della capacità di memoria VRAM limitata a 6 GB). È importante tenere a mente che il prezzo di Sapphire Pulse Radeon è di una ventina di euro più basso rispetto a quello di RTX 2060 Founders Edition. 

Tra un paio di mesi, quando la maggior parte delle GPU sul mercato potrà sfoggiare il nuovo VBIOS e gli utenti più sbadati non correranno il rischio di dover buttare la propria scheda a causa di un aggiornamento errato, AMD potrebbe sopravanzare Nvidia in questa fascia di mercato. Tuttavia, il Team Green può sempre contare sulla tecnologia del ray tracing, un aspetto su cui il Team Red deve ancora lavorare.

Dunque, se siete affascinati dal ray tracing, il nostro consiglio è lo stesso di quello che potete trovare nella nostra recensione: comprate Nvidia senza pensarci due volte. Ma se siete alla ricerca di prestazioni nude e crude, AMD Radeon RX 5600 XT risulta una scelta che offre un migliore rapporto qualità-prezzo.

Attenzione però, la nostra raccomandazione presenta in allegato un altro avvertimento: fate delle ricerche sul modello di RX 5600 XT che intendete acquistare. Dal canto nostro, possiamo trattare soltanto della versione che abbiamo testato con le nostre mani.

Tutte le varie custom di Radeon RX 5600 XT mantengono la stessa GPU, quindi la sostanza non cambia. In ogni caso, sarete in grado di godere di una discreta esperienza in Full HD, sebbene le schede più costose offrano prestazioni migliori. Dunque, bisogna far attenzione e vi invitiamo nuovamente a contattare il nostro team di TechRadar, qualora abbiate qualche dubbio da risolvere. Vi aiuteremo molto volentieri.

In fin dei conti, il modo in cui AMD ha gestito il lancio di RX 5600 XT non è stato dei più brillanti, e ha generato confusione tra i consumatori. Pubblicare un aggiornamento del BIOS all’ultimo minuto, mettendo a rischio la propria reputazione dinanzi al pubblico, non è sembrata una buona idea. Dopotutto, però, Radeon RX 5600 XT è una signora scheda e offre ottime prestazioni. Chiudiamo quest’articolo ricordandovi di fare sempre delle ricerche approfondite riguardo i vostri prossimi acquisti, che si tratti di una scheda video o altro.