Skip to main content

Amazon, dipendenti rischiano il posto di lavoro per aver criticato l’azienda

Amazon
(Image credit: engadget)

"Non saremo messi a tacere" ha dichiarato un gruppo di dipendenti di Amazon in un coraggioso sfogo per protestare contro l’azienda e la sua politica di comunicazione esterna. Centinaia di dipendenti, 364 per l’esattezza, hanno rilasciato dichiarazioni pubbliche per criticare il sostegno del colosso dell'e-commerce all’industria del petrolio e del gas. Lo hanno fatto anche se consapevoli di rischiare il posto di lavoro.

Nel settembre dell'anno scorso l’azienda aveva cambiato le proprie regole sulla comunicazione esterna dopo che il gruppo di dipendenti denominato Amazon Employees For Climate Justice aveva rivelato di non essere d’accordo con alcune politiche della società in materia ambientale e di voler sostenere il Global Climate Strike guidato da movimenti di giovani in tutto il mondo. 

Jeff Bezos aveva ascoltato e poi annunciato che Amazon si sarebbe impegnata per fare affidamento esclusivamente sulle energie rinnovabili entro il 2030 e per avere emissioni nette di carbonio pari a zero entro il 2040. Poco dopo, tuttavia, il colosso del commercio online aveva introdotto nuove regole per vietare ai dipendenti di criticare pubblicamente le attività dell'azienda senza previa approvazione dalla direzione.

All'inizio di questo mese, Amazon ha comunicato ad almeno due dipendenti che potrebbero essere licenziati per aver attaccato pubblicamente le politiche ambientali dell'azienda. Sono stati infatti accusati di violare la politica di comunicazione esterna perché avrebbero fornito informazioni al Washington Post su come il business del cloud computing di Amazon finisca per supportare compagnie petrolifere e del gas. 

I membri del gruppo Amazon Employees For Climate Justice hanno chiesto ai loro colleghi di parlare a sostegno dei dipendenti che rischiano di perdere il posto di lavoro e di protestare contro le regole di comunicazione dell'azienda. Ecco cosa hanno scritto nella lettera:

"Non fraintendiamoci: alcune politiche di comunicazione hanno molto senso (vale a dire per progetti riservati), ma consentire a una società di zittirci sulle sue responsabilità nell’emergenza climatica significa andare ben oltre semplici politiche di comunicazione aziendale. Ci chiedono, in buona sostanza, di mettere da parte la nostra umanità e integrità di persone per poter essere dipendenti. E non si tratta solo di clima: riguarda anche la mancata possibilità di parlare di altre questioni come il razzismo e il sessismo nella tecnologia, il trattamento dei magazzinieri, le donazioni ai politici anti-LGBTQ e complicità con ICE".

Amazon afferma che i dipendenti sono liberi di parlare di questi problemi con i colleghi e di poter esprimere le loro opinioni durante le riunioni e a pranzo con i dirigenti. Tuttavia l’azienda sembra intenzionata a far rispettare le sue politiche di comunicazione esterna. Il portavoce Jaci Anderson ha dichiarato alla CNBC:

"Tutti i dipendenti sono invitati a impegnarsi in modo costruttivo con uno dei tanti team all'interno di Amazon che lavorano sulla sostenibilità e su altri argomenti, ma ci teniamo ad applicare la nostra politica di comunicazione esterna e non consentiremo ai dipendenti di denigrare pubblicamente la società o il duro lavoro dei loro colleghi che stanno sviluppando soluzioni a questi difficili problemi".