Skip to main content

Recensione soundbar Sonos Arc

La nuova soundbar Sonos Arc riscrive le regole dell’audio surround

sonos arc
Editor's Choice
(Image: © Future)

Il nostro verdetto

Sonos Arc è una soundbar ottimizzata per offrire un audio surround di qualità superiore senza la necessità di dover installare altoparlanti supplementari. Se desiderate un dispositivo audio surround minimalista per la vostra sala cinema casalinga, Sonos Arc è davvero un eccellente sistema audio surround tutto in uno.

Pro

  • Dolby Atmos, TrueHD e Dolby Digital Plus
  • Soundbar all-in-one di fascia media
  • Incredibile audio surround e ottima riproduzione musicale

Contro

  • Non raggiunge tutte le stanze della casa
  • La funzione Trueplay Tuning è compatibile solo con iOS
  • Lo smart assistant è limitato

Sonos ha proposto una nuova soluzione per gli amanti dell'audio surround, ed è interamente contenuta in una singola soundbar che ha chiamato “Arc”. Non sappiamo cosa abbia ispirato il nome del dispositivo, se l'interfaccia HDMI utilizzata, il suono curvo che viene emesso o il fatto che metaforicamente sia come una nave che porta l’audio surround all’interno di una moderna casa minimalista, ma indipendente da questo possiamo affermare che è un’ottimo dispositivo incentrato sull’audio surround.

Sonos Arc si basa sugli ultimi codec audio Dolby TrueHD e Dolby Digital Plus per poter sfruttare al massimo l’audio lossless di qualità superiore presente sugli ultimi dischi Blu-ray e in alcuni dei principali servizi di streaming. Quindi è in grado di offrire un’esperienza audio 3D grazie alla tecnologia Dolby Atmos facendo rimbalzare i suoni sugli oggetti e sulle pareti intorno a voi, dando la sensazione che provengano da ogni lato della stanza.

sonos arc

(Image credit: Future)

Nonostante ciò possa sembrare complicato, l'installazione di Sonos Arc è davvero molto semplice: bastano solo un paio di passaggi sull'app per smartphone, il collegamento di un paio di cavi, ed ecco che il vostro sistema surround all in one è pronto per essere utilizzato.

A Sonos Arc basta solamente una singola stanza con quattro pareti e un soffitto per farvi immergere in un'esperienza surround davvero eccezionale. Gli 11 driver di alta qualità lavorano insieme per ottimizzare la capacità audio, dai potenti bassi dei film alle note delicate e precise della riproduzione musicale. Sonos Arc funziona proprio come un vero dispositivo audio surround multi-speaker.

Potrebbe sorgere qualche dubbio sul funzionamento nelle stanze più grandi, ma l'ecosistema Sonos offre degli altoparlanti aggiuntivi per chiunque desideri rafforzare il proprio sistema audio surround, purché siate disposti a spendere per farlo.

Nel complesso Arc è davvero sorprendente, riesce ad imitare il vero audio 3D pur essendo composto da una semplice e singola unità, motivo per cui il nostro team le conferisce il titolo come migliore soundbar del 2020.

Continuate a leggere la nostra recensione per conoscere tutte le caratteristiche che la differenziano dalle altre soundbar.

Sonos Arc

(Image credit: Future)

Sonos Arc: Prezzo e disponibilità

La soundbar Sonos Arc è stata commercializzata a livello globale a partire dal 10 giugno e su amazon costa circa 900 euro. Nonostante questo diffusore Atmos sia perfettamente in grado di funzionare da solo, potete anche aggiungere il nuovo Sonos Sub (Gen 3) per un pò di bassi extra, venduto su amazon per circa 800 euro, o una coppia di One SL venduti su amazon per circa 200 euro l’uno.

La soundbar è stata progettata per essere posizionata sul tavolino sotto la TV, ma potete anche installarla a muro sotto al display usando un supporto compatibile dal prezzo di 36 euro.

Sonos Arc sostituirà Playbar e Playbase come prodotto di punta proposto da Sonos. Se Arc dovesse rivelarsi fuori dal vostro budget, non preoccupatevi perchè Sonos continuerà comunque a commercializzare Sonos Beam, che viene venduta su amazon per circa 440 euro, ed è ancora un'ottima unità audio.

Sonos Arc

(Image credit: Future)

Design e funzionalità

  • Lunga quanto una TV da 55 pollici
  • Installazione semplice
  • Dolby Atmos richiede delle tecnologie specifiche

In passato sicuramente cercando un dispositivo surround di qualità non avreste considerato nient’altro che un array multi speaker, ma la tecnologia Dolby Atmos è in grado di racchiudere quel fantastico effetto audio 3D in dimensioni nettamente ridotte, e non c'è esempio migliore di Sonos Arc.

Questa singola unità autonoma utilizza essenzialmente solo due ingressi: un cavo di alimentazione e un ingresso HDMI, mentre nonostante ci siano anche una porta Ethernet e un adattatore da digitale ottico a HDMI pronti all'uso, vi consigliamo di utilizzarli solo se strettamente necessario. Sonos nella confezione di Arc non include un telecomando, suggerendo invece agli utenti di collegare la soundbar alla TV tramite Audio Return Channel (ARC) e di utilizzare semplicemente il telecomando della TV o la nuova app per smartphone Sonos S2.

Specifiche

Altoparlanti: 5.0.2, 11 amplificatori di classe D, 8 woofer, 3 tweeter; Dimensioni: 1141,7 x 87 x 115,7 mm, 6,25 kg ; Finitura: nero opaco o bianco; Connessioni: ingresso HDMI (ARC), convertitore da audio digitale ottico a HDMI, Bluetooth, porta Ethernet, 802.11b, g Wi-Fi, Apple AirPlay 2, ricevitore IR; App: Android (no Trueplay), iOS; Subwoofer incluso: No

Anche i colori scelti da Sonos sono molto semplici, Arc è disponibile solo nelle colorazioni bianca o nera. E nonostante alla soundbar Sonos Arc si possano abbinare sia Sonos Sub sia una coppia di altoparlanti One SL per avere bassi più profondi e un vero impianto surround, è stata progettata appositamente per essere comunque un'eccellente soluzione audio utilizzata anche singolarmente.

Poiché Arc dovrebbe far rimbalzare l'audio dal tetto alle pareti della stanza per creare un’esperienza sonora 3D, è interamente ricoperto da delle griglie metalliche per proteggere al meglio tutti gli altoparlanti che la compongono e che sono orientati nelle varie direzioni secondo i criteri della tecnologia Dolby Atmos.

Sonos arc

(Image credit: Future)

La soundbar è alta 8,7 cm, poco di più rispetto alle altre e lo spazio extra favorisce i driver Atmos rivolti verso l'alto. Con 114,17 cm di lunghezza si può facilmente abbinare alla maggior parte delle TV da 55 pollici, offrendo comunque un piacevole effetto estetico anche con televisori più grandi.

C'è un semplice indicatore di stato a LED la cui luminosità viene regolata automaticamente in base alla luce ambientale, con accanto dei piccoli pulsanti capacitivi quasi impercettibili alla vista, utili per avviare la riproduzione o mettere in pausa e gestire il volume. 

Dietro ci sono due fori per montare l'unità a parete, rinforzati appositamente per reggere il suo peso di 6,25 kg, anche se ovviamente i bassi sono molto più corposi quando la soundbar viene posta su di un tavolo.

Per ottimizzare al massimo la resa del dispositivo surround Dolby Atmos, sarà necessario codificare i vostri file multimediali in DolbyTrueHD o Dolby Digital Plus gestendoli tramite l’app e la TV.

Nonostante Arc includa anche un convertitore di segnale da ottico a digitale, la soundbar può essere collegata anche utilizzando un semplice cavo HDMI 2.1, che vi consigliamo di utilizzare per ottenere un suono decisamente migliore. La tecnologia Dolby Atmos non è ancora compatibile con la maggior parte dei dispositivi, date quindi un’occhiata alla nostra lista dei dispositivi compatibili.

Sonos Arc

(Image credit: Future)

Proprio come per tutto l’ecosistema Sonos, il processo per la configurazione di Arc è il più semplice possibile e il tutto è gestibile tramite la nuova app per smartphone Sonos S2, scaricabile dall'App Store Apple.

Inoltre, tramite il Wi-Fi sarà anche possibile connettere Amazon Alexa o Google Assistant. Detto ciò, se avete già un’account Sonos, la configurazione sarà veramente breve e indolore.

Il tocco finale in questa fantastica soundbar è Trueplay, lo strumento di adattamento sonoro proprietario di Sonos che analizza la forma della stanza al fine di bilanciare al meglio l'uscita dell’audio.

Ci siamo resi conto di quanto questa interessante funzionalità di Sonos sia realmente utile già dal rilascio dell’altoparlante portatile Move, migliorando di gran lunga l’esperienza sonora dell’utente. Caratteristica fondamentale che distingue Arc dal resto delle soundbar.

sonos arc

(Image credit: Future)

Tuttavia, esiste un problema di non poco conto, Trueplay è infatti compatibile solo con i dispositivi iOS. Si tratta di un grosso inconveniente per gli utenti che utilizzano dispositivi Android, e Sonos ha chiaramente affermato che a causa dell’elevata differenza tra i due sistemi passerà molto tempo prima che la compatibilità venga estesa.

Ma fortunatamente questa pecca può facilmente essere raggirata prendendo in prestito un dispositivo iOS per eseguire la calibrazione dopo aver scelto la posizione definitiva della soundbar, calibrazione che rimarrà tale fino a quando non verrà spostata. È una soluzione scomoda ma è sempre meglio che acquistare un apposito microfono compatibile.

L'unica area in cui abbiamo riscontrato dei reali problemi riguardava l’integrazione del nostro smart assistant con Sonos Arc. Nonostante Sonos abbia evidenziato più volte che i suoi dispositivi sono compatibili con gli assistenti virtuali di Google e Amazon, hanno invece offerto esperienze limitate e di non facile configurazione.

Un’altra importante limitazione riguarda la non compatibilità con altri altoparlanti Wi-Fi multi-room di terze parti, visto che Sonos ci tiene molto ad incoraggiare gli utenti ad acquistare quelli prodotti da lei. Non ci aspettiamo che questo cambi molto presto.

sonos arc

(Image credit: Future)

Prestazioni

  • Gli 8 woofer e i 3 tweeter offrono un’ottima esperienza multimediale
  • Qualità dell’audio surround incredibile per un unico dispositivo
  • Avere una stanza della giusta forma è fondamentale per questo prodotto

Le capacità di Sonos Arc sono piuttosto sorprendenti. Otto woofer ellittici si combinano perfettamente per offrire una valida risposta generale dei bassi, ottimamente bilanciati con i medi.

La medesima precisione è stata utilizzata anche per calibrare i tre tweeter a cupola che offrono degli alti molto nitidi. Siamo rimasti particolarmente colpiti di come questa singola unità sia in grado di far distinguere perfettamente il suono dei singoli strumenti ascoltando particolari e complesse sessioni musicali.

Questa precisione è possibile soltanto grazie al fatto che Sonos Arc è stata progettata per sfruttare al massimo la tecnologia Dolby Atmos, un codec audio che separa le frequenze e fa rimbalzare i suoni sugli oggetti, in modo che la sorgente sonora diventi l’ambiente stesso. Dopo aver effettuato la configurazione ed aver rilevato la planimetria Arc è davvero fenomenale.

sonos arc

(Image credit: Future)

Dobbiamo però farvi notare che, poiché il sistema utilizza la stanza per diffondere il suono intorno a voi, è possibile che la soundbar abbia una resa differente in un ambiente diverso dal vostro, pertanto il nostro consiglio è di valutare le capacità di riflessione sonora della vostra stanza prima di effettuare l’acquisto.

Abbiamo testato la soundbar in una stanza con il soffitto a volta alta 6 metri, e l’unica parete posta di fronte era fittizia, il che rendeva praticamente impossibile far rimbalzare il suono da dietro.

Perciò nonostante abbiamo apprezzato l’eccellente qualità del suono in orizzontale e verticale, non abbiamo potuto riprodurre la stessa esperienza dell’audio surround di un sistema multi-speaker.

Detto ciò, il posizionamento della singola soundbar era comunque ottimale, tanto da avvicinarsi incredibilmente all’audio surround multi-speaker.

Non abbiamo assolutamente sentito la necessità di aggiungere un Sub alla soundbar, i bassi erano già più che sufficienti per poter apprezzare a pieno le varie esplosioni del film visto per la prova. Viene inoltre integrata una modalità notturna che modifica l'EQ agendo sui bassi, molto utile per chi vive in appartamenti con pareti sottili.

Dovrei comprare Sonos Arc?

Sonos Arc

(Image credit: Future)

Comprate Arc se …

Vi interessa l’esperienza sonora Dolby Atmos

Sonos Arc è uno dei migliori altoparlanti che abbiamo provato finora, una soundbar perfetta per godersi un’ottima esperienza audio surround.

Cercate un impianto audio surround che sia più semplice possibile

Arc è la migliore soundbar sub-less secondo noi, quindi se nel vostro salotto minimalista volete soltanto una TV e una soundbar, allora fa proprio al caso vostro.

Fate già parte dell'ecosistema di dispositivi multiroom Sonos

Per tutti coloro che abbiano già un altoparlante Sonos in casa (o per chi ha intenzione di acquistarne uno), con la soundbar potete creare un ottimo impianto audio multi-room e facile da usare.

Non compratela se …

Non avete accesso a un dispositivo iOS per Trueplay Tuning

Trueplay è fondamentale per un’ottimale configurazione dell’audio 3D su Arc. Nonostante possiate comunque sfruttare la tecnologia Dolby Atmos, vi consigliamo di prendere in prestito il dispositivo iOS di qualche amico per poter ottenere il meglio da Sonos Arc.

La stanza dove pensate di utilizzarla non è adeguata

Poiché Arc sfrutta la forma della vostra stanza per generare l’audio surround, se avete, ad esempio, un divano in mezzo ad una grande stanza e non avete intenzione di acquistare degli altoparlanti One SL da mettere dietro, non potrete godervi l’esperienza surround.