Skip to main content

Recensione Intel Core i7-9700K

Processore Intel di fascia alta

Intel Core i7-9700K
(Image: © Future)

Il nostro verdetto

Intel Core i7-9700K è un processore molto interessante. È la prima volta dopo anni che un chip Core i7 non è provvisto di tecnologia hyper threading, ma le straordinarie prestazioni single-core ne fanno una scelta eccellente per i giocatori, e non solo.

Pro

  • Prestazioni eccellenti
  • Buona resistenza termica
  • Ottimo nei processi single core

Contro

  • Non possiede l’hyper threading
  • Rimane indietro con i carichi multi thread

Intel Core i9-9900 KS sarà anche il nuovo processore di punta di casa Intel nel segmento CPU mainstream, ma il nuovo Intel Core i7-9700 K è il chip più interessante di tutto il parco Intel. Per prima cosa, Intel Core i7-9700 K non utilizza l'hyper-threading,  scelta a dir poco controversa dato che la concorrenza non ha problemi ad inserirlo nei propri processori  (vedi AMD con  Ryzen 7 2700X).

Intel, già in passato, ha rimosso l’hyper threading da alcuni modelli della serie i3 e i5, ma i processori della serie Core i7 sono generalmente destinati ad un pubblico più esigente che ha bisogno di molta potenza di calcolo. Tuttavia, dopo aver testato il nuovo Core i7 sprovvisto per l'appunto di questa tecnologia, ci siamo resi conto che riesce comunque a gestire senza problemi grossi carichi e si comporta bene in tutte le situazioni.

-Intel Core i7-9700K su Idelo IT a €315

Intel ha già abbandonato l'hyper-threading sui suoi processori di fascia bassa, ma qui stiamo parlando di un processore di fascia alta, destinato a creativi e videogiocatori.  Nonostante i nostri giudizi affrettati su questo nuovo Coffee Lake ci siamo dovuti ricredere;i7-9700K si è rivelato un processore dalle prestazioni sorprendenti.

Intel Core i7-9700K

(Image credit: Future)

Prezzo e disponibilità 

Intel Core i7-9700 K, purtroppo, non è arrivato sul mercato allo stesso prezzo dell'Intel Core i7-8700 K, che inizialmente si trovava a circa 340 €. Questo nuovo processore Coffee Lake di fascia alta ha un prezzo notevolmente più alto di circa 390 €. Tuttavia, ora che è passato un po’ di tempo e AMD ha rilasciato un processore notevolmente più potente, il Ryzen 7 3700X, è possibile trovare il 9700K ad un prezzo sensibilmente minore.  

Immagine 1 di 10

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 2 di 10

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 3 di 10

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 4 di 10

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 5 di 10

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 6 di 10

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 7 di 10

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 8 di 10

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 9 di 10

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 10 di 10

(Image credit: Infogram; Future)

Caratteristiche tecniche

Dotato di 8 core e 8 thread, l’Intel Core i7-9700 K è diverso rispetto al suo predecessore. A differenza dell’Intel Core i7-8700 K del 2017, questo nuovo chip ha due core in più e quattro thread in meno.

Intel Core i7-9700 K ha una frequenza di base di 3,6 GHz e può incrementare uno dei suoi core fino ad un massimo di 4,9 GHz. Comparativamente, Intel Core i7-8700 K ha una frequenza di base superiore ai 3,7 GHz, ma non si può spingere oltre i 4,7 Ghz.

Per raffreddare i suoi ultimi chip di nona generazione, Intel sta optando per un dissipatore passivo integrato saldato sulla scocca (IHS). Questa tecnologia, che Intel non usava più dai processori Sandy Bridge Core di seconda generazione, è stata introdotta per riuscire a resistere a livelli di overclock più alti senza rischiare di compromettere la cpu.

Per le ultime generazioni di chip, Intel ha scelto un materiale di interfaccia termica (TIM o pasta termica) per trasferire il calore tra le varie parti del processore e IHS. Sfortunatamente, questo cambiamento nel processo di produzione ha portato ad una temperatura più alta in fase di esecuzione, scelta che ha fatto infuriare molti utenti appassionati ed esperti overclocker.

Intel dichiara che questa nuova saldatura placcata in oro che sostituisce il TIM sarà un mezzo di trasferimento di calore molto più efficiente. Tuttavia, durante i nostri test, le temperature sono risultate simili a quelle ottenute con l'8700K, sebbene con un consumo e prestazioni più elevati, probabilmente grazie agli effetti positivi del suddetto TIM.

Immagine 1 di 4

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 2 di 4

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 3 di 4

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 4 di 4

(Image credit: Infogram; Future)
Test system specs

Processore: Intel Core i7-9700K
Scheda Madre: Z390 Aorus Pro Wifi
RAM: HyperX Predator RGB 32GB @ 3,000MHz
Scheda Grafica: Nvidia GeForce GTX 1080 Ti
Alimentatore: Phanteks RevoltX 1200
Case: Praxis Wetbench
SSD: Samsung 860 Evo 250GB
Dissipatore: NZXT Kraken X62

Prestazioni 

Anche se l’Intel Core i7-9700 K è privo di hyper threading, riesce comunque a battere il modello precedente 8700 K, grazie ad un TDP (Thermal Design Power) più elevato, ottenendo prestazioni migliori sui singoli core. Tuttavia il nuovo processore Intel non riesce a tener testa alle recenti CPU di AMD, in particolare se si desidera elaborare grossi carichi di lavoro in multi thread.

Ad esempio, su Cinebench R15, il 9700 K è riuscito ad ottenere 203 punti nel test single core, rispetto ai 193 del 8700 K. Questo si traduce anche in delle prestazioni di gioco decisamente migliori, con il 9700 K che ha ottenuto 125 frame al secondo (fps) nella “Terra di Mezzo Shadow of War” a 1080p contro i 121 fps del 8700 K.
Non è un miglioramento drastico, ma considerando l’assenza dell’ hyper threading e con un clock massimo minore si tratta comunque di un miglioramento apprezzabile.

Le vere differenze in termini di prestazioni in gioco sono più sostanziali quando confrontiamo l’Intel Core i7 9700 K con l’AMD Ryzen 7 2700X. Nello stesso test di “Shadow of War”, il processore AMD riesce a raggiungere solo 117 fps. Anche i risultati della CPU AMD sono molto buoni e soddisfacenti e nessuno si lamenterà di ben 120 fps, ma è chiaro che Intel è ancora il re se si parla di prestazioni in gioco.

Tuttavia se siete dei grafici o creativi, AMD offre la soluzione migliore. Nel test multi thread di Cinebench, il 9700 K ha raggiunto un punteggio di 1.463 punti rispetto ai 1.798 del 2700X, anche se nel test HandBrake Intel avanza leggermente con 66 fps rispetto ai 61 di AMD.

In conclusione, dopo che molti utenti si sono spaventati per via dell’assenza dell’hyper threading e di un possibile conseguente calo di potenza, possiamo dirvi con tutta sincerità che la potenza non manca, anzi; se siete dei videogiocatori o avete bisogno di una buona potenza di calcolo, l’Intel Core i7-9700 K è uno dei migliori processori in circolazione.

Intel Core i7-9700K

(Image credit: Future)

Verdetto finale 

Nonostante sia solo un'altra iterazione del processore a 14 nanometri di Intel,  Core i7-9700 K è ancora una colonna portante dei processori di fascia alta. Nei giochi, le prestazioni a thread singolo saranno più che sufficienti anche per gli anni futuri, garantendovi una configurazione duratura nel tempo.

Sebbene Intel abbia abbandonato il supporto dell'hyper threading sul 9700 K, le prestazioni multi thread sono più che sufficienti per la maggior parte delle applicazioni. Solo gli utenti che richiedono tanta potenza e lavorano con modellazioni 3D e programmi di grafica molto pesanti potrebbero trovarsi in difficoltà. In ogni caso, per chi ha bisogno di potenza extra c’è l'Intel Core i9-9900 K in grado di soddisfare tutte le esigenze.