Recensione Google Pixel 7 Pro

Eccellente sotto ogni punto di vista

Google Pixel 7 Pro
(Image: © Future / Philip Berne)

Verdetto

Google Pixel 7 Pro non ha nulla da invidiare ai migliori smartphone Apple e Samsung. Design eccellente, scatti di qualità e personalità. Google ha puntato in alto e mantenuto la promessa, anche se alcune funzionalità non sono eccezionali come ci si aspettava (mentre altre ancora devono essere implementate). Le funzioni presenti sono fatte a regola d’arte e Pixel 7 introduce miglioramenti dove non si pensava fossero necessari.

Pro

  • +

    Intuitivo

  • +

    La modalità Foto nitida si applica anche a foto scattate con altri dispositivi

  • +

    Interfaccia reattiva

Contro

  • -

    Meno funzioni rispetto ai modelli concorrenti

  • -

    Autonomia e velocità di ricarica migliorabili

  • -

    Modalità Macro Focus non impressionante

Perché puoi fidarti di TechRadar I nostri esperti revisori trascorrono ore a testare e confrontare prodotti e servizi in modo che tu possa scegliere il meglio per te. Scopri di più su come testiamo.

Quando Google ha annunciato il Pixel 7 Pro, ha affermato che sarebbe stato il miglior smartphone sul mercato. La nostra guida ai migliori smartphone è dominata dal Samsung Galaxy S22 Ultra e iPhone 14 Pro. Riuscirà Google ad imporsi sulla concorrenza e a ritagliarsi il suo spazio? La risposta è sì, ma non nel modo in cui ci si aspetterebbe.

La qualità degli scatti effettuati con Pixel 7 Pro, sia di giorno che di notte, è altissima, ma non finisce qui. Le capacità di editing del nuovo modello si adattano anche a foto scattate con altri dispositivi. Questa funzione è stata resa possibile dal nuovo processore Tensor G2, di cui è dotato anche il Pixel 7. La tecnologia Real Tone, come il nome suggerisce, migliora la tonalità delle foto e ne arricchisce i dettagli. 

Google Pixel 7 Pro

(Image credit: Future / Philip Berne)

Pixel 7 Pro riconosce gli input vocali con facilità e precisione, rendendo più efficiente l’assistente Google. Inoltre, è in grado di effettuare traduzioni in tempo reale. 

Le maggiori capacità di elaborazione grafica del processore Tensor G2 si riflettono sulla fluidità dell’interfaccia di Android 13, un sistema operativo la cui nuova versione è ancora più intuitiva e reattiva.

Mentre Samsung aggiunge continuamente nuove funzionalità e Apple cerca di semplificare le cose, Google si concentra sulle basi e sulla quotidianità.

Google Pixel 7 Pro: prezzo e disponibilità

  • A partire da 899€ 
  • Più economico di iPhone 14 Pro e Galaxy S22 Ultra 
  • Disponibile dal 13 ottobre 

Google Pixel 7 Pro

(Image credit: Future / Philip Berne)

Google Pixel 7 Pro, insieme a Pixel 7 e Pixel Watch, è stato annunciato il 6 ottobre, data in cui sono scattati i preordini, prima della disponibilità ufficiale dal 13 ottobre.

Il prezzo di partenza è di 899€ con memoria da 128GB, mentre la variante con 256GB non è attualmente disponibile in Italia, ma ci si può aggiungere alla lista d’attesa direttamente dal sito ufficiale. 

Rispetto a Galaxy S22 Ultra, Pixel 7 Pro non offre accessori come il pennino e non ha cinque fotocamere come il concorrente coreano, ma non raggiunge neanche lontanamente i 1.279€ del top di gamma Samsung.

Google è solita rinnovare l’offerta nel corso dell’anno e già si vocifera di un possibile Pixel 7 Ultra con un set di fotocamere più ampio.

  • Convenienza: 4.5 / 5 

Google Pixel 7 Pro: design

  • Fotocamere esaltate dalla banda posteriore 
  • Colorazioni grigio verde, bianco ghiaccio e nero ossidiana 
  • Display con angoli arrotondati 

Google Pixel 7 Pro

(Image credit: Future / Philip Berne)

Il design di Google Pixel 7 si distingue dalla concorrenza. La banda che ospita le fotocamere sul retro dona bilanciamento e simmetria alla struttura, ma la rifinitura si sporca facilmente con le impronte digitali, in particolare la versione nera. 

La certificazione IP68 garantisce l’impermeabilità dello smartphone fino ad un metro di profondità e il Corning Gorilla Glass protegge lo schermo dai graffi, come il mercato degli smartphone premium ci ha abituato. La parte inferiore ospita una porta USB-C per la ricarica a 30W e gli speaker. Assente una porta per cuffie.

La portabilità, a causa dell’ampio display da 6,7’’ e del vetro che compone la cover, può risultare scomoda e il dispositivo scivoloso. Google vende una custodia protettiva, per  21,99€. 

Google Pixel 7 Pro

(Image credit: Future / Philip Berne)

Pixel 7 Pro non raggiunge il livello di raffinatezza di iPhone 14 Pro, con linee sinuose che accompagnano il perimetro del display. Allo stesso modo, non raggiunge la compostezza di Galaxy S22 Ultra, che riesce ad includere il pennino senza sacrificare la compattezza. 

La progettazione dei futuri modelli, a nostro avviso, dovrebbe includere qualche colorazione più accesa, non limitarsi solo alle scelte più  sobrie. Il grigio verde è ottimo, ma non regge il confronto con il verde cedro di Pixel 7. Il bianco ghiaccio e il nero ossidiana sono troppo luminosi, come tasti di un pianoforte..

  • Design: 4 / 5 

Google Pixel 7 Pro: display

  • 6,7’’ LTPO OLED  
  • Densità di pixel superiore alla concorrenza 
  • 120Hz 

Google Pixel 7 Pro

(Image credit: Future / Philip Berne)

Il display di Pixel 7 Pro è di facile lettura e ottimo per le fotografie anche in pieno giorno. La tecnologia OLED LTPO è simile a quella utilizzata per iPhone 14 Pro e la risoluzione di 3120 x 1440 lo rende di ottima qualità. La densità di pixel di 512ppi è superiore a Samsung Galaxy S22 Ultra (500ppi) e iPhone 14 Pro (460ppi).

La frequenza di aggiornamento è adattiva e può variare da 10Hz a 120Hz. Scorrere tra applicazioni, menu e altre funzioni è agevole e immediato.

Il contrasto dei colori e gli effetti particellari valorizzano il gaming e il livello di dettaglio permette di scovare ogni piccola imperfezione nelle fotografie scattate con dispositivi meno recenti.

Il lettore di impronte digitali è sorprendentemente veloce e accurato, tanto che pareggia le prestazioni con il riconoscimento facciale. 

  • Display: 4.5 / 5 

Google Pixel 7 Pro: fotocamere

  • Grandangolo 50MP, ultra-grandangolo 12MP e teleobiettivo da 48MP con zoom ottico 5x 
  • Macro Focus e Super Zoom migliorati dal processore Tensor G2 
  • Ottime capacità di elaborazione 

Google Pixel 7 Pro

(Image credit: Future / Philip Berne)

Le foto scattate con Pixel 7 Pro hanno una qualità eccezionale. Gli scatti hanno la giusta esposizione e lo sfondo non viene favorito a discapito del soggetto. Le immagini sono dettagliate e dinamiche e talvolta superiori a quelle di un iPhone. Inoltre, la fotocamera è facilmente accessibile con una doppia pressione sul tasto accensione/spegnimento. 

Google Pixel 7 Pro ha uno dei migliori set di fotocamere sul mercato. Tuttavia, la funzione Macro Focus e Super Zoom non sono all’altezza delle aspettative generate da Google, mentre altre, come la Foto nitida e la Night Sight, le superano abbondantemente. 

Il Macro Focus non è all’altezza di quanto promesso e, sebbene gli scatti siano dettagliati e vividi, non si avvicina ad una vera e propria lente macro. Il Super Zoom a 5x è migliore del 3x di iPhone 14 Pro, ma nulla di paragonabile al 10x di Galaxy S22 Ultra.

Tuttavia, Pixel 7 Pro regge bene il confronto con le concorrenza per la fotografia e la funzione Scatto migliore aiuta a selezionare le foto meglio riuscite tra una serie di scatti. 

Rispetto a Galaxy S22 Ultra, Pixel 7 Pro è più intuitivo. Gli slider manuali aiutano a gestire la saturazione e la luminosità dei colori senza eccessive complicazioni.

L’applicazione fotocamera non consente di eliminare le modalità che non si usano e non è presente un comando vocale per attivarla, a differenza del modello di Samsung.

Google Pixel 7 Pro

(Image credit: Future / Philip Berne)

L’intelligenza artificiale, vanto di Google, offre funzionalità come il Real Tone che è in grado di valutare il colore della pelle per riprodurlo al meglio, valorizzandone le peculiarità. Inoltre, la funzione Volti familiari adatta lo scatto per riprodurre al meglio i soggetti della foto.  

  • Fotocamere: 4.5 / 5 

Google Pixel 7 Pro: software

  • Android 13 è un sistema operativo maturo e completo 
  • Eccellente funzione Foto nitida  
  • Chiamate nitide in arrivo con i prossimi aggiornamenti 

Google Pixel 7 Pro

(Image credit: Future / Philip Berne)

Google Pixel 7 Pro usa Android 13, con la personalizzazione nota come Pixel Launcher, che è praticamente una versione “pulita” di Android, disponibile solo per i Pixel.  Offre un’interfaccia intuitiva di facile navigazione, soprattutto se si usano gli strumenti di ricerca Google. Accedere alla barra di ricerca o chiamare l’assistente vocale non è mai stato così facile, al punto che non è necessario creare cartelle o raggruppamenti di app.

Il colore delle icone e dei menu si adatta al wallpaper scelto e i widget della schermata home sono più adattabili e meno confusionari. La maturità di Android si nota dalle barre di scorrimento e dalla facilità di gestione dei vari comandi. 

Google Pixel 7 Pro

(Image credit: Future / Philip Berne)

Paragonato a quello di Apple, il pannello di controllo di Google non è organizzato in maniera ottimale e alcune funzioni, come la sottotitolazione del materiale audiovisivo, restano nascoste. Inoltre, sovente accade che si attivi la modalità condivisione batteria al posto del risparmio energetico.

La funzione Foto nitida è una delle migliori di Pixel 7 Pro e permette di aumentare la qualità delle immagini presenti nella libreria Google Photo, indipendentemente dal dispositivo con cui sono state scattate. I migliori risultati si ottengono con immagini provenienti da smartphone meno recenti, piuttosto che con screenshot o simili. 

Google Pixel 7 Pro

(Image credit: Future / Philip Berne)

La funzione Foto nitida è resa possibile dal processore Tensor G2, quindi non arriverà sui modelli più vecchi. Tuttavia, potrebbe essere resa disponibile via Cloud in futuro ma, al momento, non vi sono certezze a riguardo.

Molte funzionalità, come le chiamate nitide, verranno introdotte tramite futuri aggiornamenti. Le chiamate risultano quindi meno disturbate dai rumori di fondo e l’aggiornamento sarà effettuato anche su Pixel 6 e Pixel 6 Pro

Google Pixel 7 Pro

(Image credit: Future / Philip Berne)

Il supporto per Android 13 su Pixel 7 e 7 Pro verrà mantenuto per 3 anni, mentre gli aggiornamenti relativi alla sicurezza proseguiranno per i prossimi 5 anni. Rispetto ad Apple, che ha garantito aggiornamenti per il sistema operativo di iPhone 8 per 5 anni, Google sembra essere un passo indietro. 

  • Software: 5 / 5 

Google Pixel 7 Pro: prestazioni e specifiche

  • Grafica migliorata dal processore Tensor G2 
  • Interfaccia facile da navigare 
  • RAM da 12GB indipendentemente dalla memoria interna 

Google Pixel 7 Pro

(Image credit: Future / Philip Berne)

Sebbene le specifiche siano inferiori ai migliori smartphone Android, come OnePlus 10 Pro, il nuovo processore Tensor G2 offre una grafica sorprendente.

L’integrazione tra il sistema operativo e l’hardware consente a Pixel 7 Pro di pareggiare le prestazioni con altri prodotti e l’interfaccia è estremamente reattiva. Le applicazioni si avviano velocemente e la reattività viene mantenuta anche quando si digita sulla tastiera. 

Indipendentemente dalla memoria interna scelta, Pixel 7 Pro offre una RAM da 12GB, con  ottime prestazioni. Le capacità di multitasking non competono con Samsung, ma si possono aprire facilmente più app in contemporanea e passare da una all’altra senza difficoltà.

La connettività è all’avanguardia ed è possibile usufruire della rete 5G e del Wi-Fi 6e

  • Prestazioni: 4.5 / 5 

Google Pixel 7 Pro: autonomia

  • Autonomia giornaliera 
  • Velocità di ricarica nella media 
  • Ricarica wireless 

Google Pixel 7 Pro

(Image credit: Future / Philip Berne)

Pixel 7 Pro garantisce un’autonomia giornaliera e, dopo un uso non intensivo, la batteria resta ad un solido 10-20%. La risoluzione del display è impostata a 1080p e la luminosità adattiva garantisce un buon risparmio energetico.

In 30 minuti di ricarica si raggiunge il 50% di batteria e il 100% in un’ora. Come per il Pixel 7, il caricatore da 30W va acquistato separatamente. 

Google Pixel 7 Pro

(Image credit: Future / Philip Berne)

La modalità risparmio energetico estremo, gradita aggiunta all’usuale modalità risparmio energetico, garantisce fino a 72 ore di autonomia e permette di scegliere quali app escludere. 

Il risparmio energetico si avvantaggia dell’IA Google e può impostare la soglia di risparmio basandosi sulle abitudini di utilizzo o impostare manualmente il limite dei consumi.

Infine, Pixel 7 Pro supporta la ricarica wireless. A tal proposito, consigliamo di consultare la nostra guida ai migliori caricatori wireless

  • Autonomia: 4 / 5 

Google Pixel 7 Pro: tabella punteggi

Swipe to scroll horizontally
AttributesNotesRating
DesignSet di fotocamere valorizzato dalla barra posteriore in alluminio, ma limitata scelta delle colorazioni.4/5
DisplayAmpio, luminoso e reattivo.4.5/5
SoftwareAndroid 13 è un software maturo e intuitivo.5/5
PrestazioniIl processore Tensor G2 assicura velocità e precisione.4.5/5
AutonomiaAutonomia giornaliera. Nella media.4/5
FotocamereScatti eccellenti.4.5/5
ConvenienzaMeno costoso dei top di gamma concorrenti.4.5/5

Google Pixel 7 Pro: ne vale la pena?

Compratelo se… 

Cercate uno smartphone completo

Pixel 7 Pro eccelle sotto ogni punto di vista: foto, prestazioni e prossimamente anche chiamate nitide.

Volete editare le vecchie foto

La particolarità di Pixel 7 Pro risiede nella funzione Foto nitide, che può essere applicata anche agli scatti effettuati con dispositivi meno recenti.

Volete risparmiare senza sacrificare la qualità

Pixel 7 Pro è più economico dei top di gamma di Samsung e Apple, ma non ha nulla da invidiare ai migliori smartphone sul mercato.

Non compratelo se… 

Cercate le migliori specifiche in circolazione

Pixel 7 Pro non ha uno zoom al pari di altri smartphone premium, né una ricarica ultraveloce o il miglior display.

Volete un dispositivo pieghevole

I pieghevoli non sono solo una moda. Il loro principale vantaggio è quello di racchiudere un display più grande in un prodotto compatto.

Cercate uno smartphone che duri nel tempo

Il supporto per il sistema operativo di Pixel 7 Pro verrà sospeso tra 3 anni.

Considerate anche 

Image

Apple iPhone 14 Pro

Se non volete rinunciare alle app dedicate Apple, iPhone 14 Pro è lo smartphone che fa per voi.

Ecco la recensione completa di iPhone 14 Pro 

Image

Samsung Galaxy Z Flip 4

Sebbene le fotocamere e le prestazioni di Pixel 7 Pro siano superiori, lo stile resta appannaggio di Z Flip 4.

Ecco la recensione completa di Samsung Galaxy Z Flip 4 

Image

Google Pixel 7

Pixel 7 è dotato dello stesso processore Tensor G2 della variante Pro. Ciò significa che possiede le stesse funzioni dipendenti dall’intelligenza artificiale, come Foto nitide.

Ecco la recensione completa di Google Pixel 7

  • Recensito a: ottobre 2022