Skip to main content

Recensione di Philips Hue

Hue è un sistema integrato di Illuminazione intelligente

Philips Hue
Image Credit: Philips

Applicazione Philips Hue

Philips ha lavorato duramente per sviluppare la sua applicazione “Philips Hue”, che viene aggiornata continuamente per aggiungere funzionalità, come la possibilità di selezionare le zone da illuminare all’interno delle singole stanze, ad esempio. 

Philips Hue è stata recentemente sottoposta a una riprogettazione ed è divenuta molto più facile da usare rispetto alle prime versioni.

La schermata iniziale predefinita mostra le stanze disponibili, permettendovi di controllare tutte le lampadine in gruppi. 

The Philips Hue app has recently undergone a redesign and is now much easier to use (Image Credit: Philips)

The Philips Hue app has recently undergone a redesign and is now much easier to use (Image Credit: Philips)

È possibile toccare l'interruttore a destra dello schermo per attivarle. Tuttavia, se state utilizzando le impostazioni predefinite, non ne state sfruttando tutto il potenziale; il divertimento inizia quando si tocca l'icona della stanza sulla sinistra dello schermo, che consente di personalizzare il colore desiderato delle lampadine, almeno nei modelli che lo permettono.

Il modo più semplice per farlo è tramite le scene preconfigurate di Philips, che vanno da "Spring Blossom" (una luce bianca fredda) a "Savanna Sunset" (una tonalità di giallo piuttosto intenso).  

Inizialmente abbiamo fatto affidamento sui valori predefiniti specifici dell'attività. "Energize" era perfetto per le mattine, con la sua luce bianca ottima per svegliare tutti gli inquilini della casa, mentre "Relax" funziona meglio di sera, permettendo di rilassare gli occhi grazie a una luce tenue e tiepida.

Image Credit: Philips

Image Credit: Philips

Ma le possibilità sono davvero illimitate, potete ad esempio regolare impostazioni specifiche per creare le vostre atmosfere, o anche fare in modo che l'app Hue crei uno schema luminoso basato su un'immagine importata. 

Ogni funzionalità aggiuntiva è apprezzabile, ma in pratica non abbiamo sentito il bisogno di utilizzarne, dopotutto ci sono così tante sfumature di colore da potervi tenere impegnati per settimane prima di trovare quella che si adatta maggiormente alla vostra stanza. Abbiamo provato a configurare le lampadine per utilizzare i colori primari, molto intensi e particolari, ma difficilmente utilizzabili nell’uso quotidiano, che ciò nonostante rimangono una scelta perfetta per creare un’atmosfera da festa.

Di grande importanza è risultata la sezione delle routine dell'app. Tramite questa funzione è possibile impostare le luci per accendersi e spegnersi automaticamente quando qualcuno entra e, successivamente, esce di casa, oltre a permettere di accenderle e spegnerle automaticamente in momenti diversi. 

A titolo di esempio, abbiamo acceso le luci automaticamente per svegliarci la mattina, prima di spegnerle e lasciare la casa per recarci a lavoro. La sera abbiamo riacceso le luci quando siamo rientrati in casa. È possibile anche far spegnere automaticamente le luci in un determinato momento, ma abbiamo trovato più intuitivo farlo manualmente. 

Smart switch Philips Hue

Phillips ha creato due modelli di switch per migliorare l’utilizzo delle sue lampadine Hue, poiché consentono un controllo più tradizionale rispetto agli altri metodi a disposizione. 

Questi interruttori, non solo evitano agli inquilini della casa di dover utilizzare lo smartphone, ma consentono anche ad eventuali ospiti non dotati di applicazione di accendere e spegnere le luci. Il primo tipo di interruttore è Philips Hue Tap Switch e viene fornito con quattro pulsanti. 

Questi pulsanti possono essere assegnati alle stanze / zone create in precedenza, permettendovi di cambiare velocemente lo stato delle luci; potete anche assegnare un pulsante per spegnerle e accenderle. 

Queste impostazioni devono essere configurate tramite un'applicazione separata.

Philips Hue Tap consente di alternare fino a quattro configurazioni predefinite 

Philips Hue Tap consente di alternare fino a quattro configurazioni predefinite 

Il design dell’Hue Tap Switch è abbastanza piacevole, con tre pulsanti di forma tonda nella metà inferiore del corpo del dispositivo. Il quarto pulsante è in realtà l'intera parte anteriore dell'interruttore, che data la sua dimensione, può essere configurato come interruttore principale. 

Tuttavia, sebbene il design sia gradevole, non sembra per niente un interruttore della luce e rischia di confondere i visitatori che potrebbero non essere in grado di riconoscerlo come tale. 

L’interruttore Hue Tap Switch viene fornito con adesivi sul retro che consentono di attaccarlo a pareti e altre superfici in maniera piuttosto semplice. Le batterie non sono necessarie, poiché utilizza l'energia cinetica creata quando si premono i pulsanti, una soluzione lodevole perché evita che l’interruttore smetta di funzionare a causa di una batteria scarica e necessiti di essere ricaricato manualmente.

Il secondo interruttore è il Philips Hue Dimmer Switch, caratterizzato da un design più semplice e identificabile. Non ha la complessità del Tap Switch e serve ad attenuare o intensificare le luci collegate o, in alternativa, ad accenderle/spegnerle. Questo interrotture viene venduto ad un prezzo inferiore rispetto all’Hue Tap Switch.

Integrazione di terze parti

Il nostro recensore ha utilizzato un iPhone SE come mezzo principale per controllare l'illuminazione tramite l’applicazione Philips Hue, ma è possibile controllare il sistema anche dal menu del centro di controllo del telefono tramite l'integrazione con HomeKit. Il tester anche collegato le luci Hue ad un Amazon Echo Dot per consentirne il controllo vocale. È possibile configurare l’app Alexa per accedere ad un account Hue, fatto ciò, per pilotare le luci, sarà stato sufficiente chiedere ad Alexa di accendere o spegnere l’illuminazione nelle singole stanze. 

Questo sistema di integrazione permette di utilizzare un numero incredibile di metodi per controllare le luci, perciò se chiedete a 10 diversi proprietari di Philips Hue come controllano le loro luci intelligenti, probabilmente vi daranno risposte diverse a seconda di quali accessori hanno collegato e di quali device utilizzano per gestirli.

È facile controllare le tue luci Hue usando un altoparlante Amazon Echo come il Dot, nella foto sopra

È facile controllare le tue luci Hue usando un altoparlante Amazon Echo come il Dot, nella foto sopra

Un consiglio che possiamo dare ai nuovi utilizzatori di Philips Hue che intendono collegarlo ad Alexa è di utilizzare per ciascuna delle stanze un nome distinto e facile da pronunciare. Potrebbe essere conveniente dare un nomi semplici come "camera da letto", ma ciò potrebbe provocare confusione in caso equipaggiate più camere da letto della vostra casa con  luci Hue. 

Nel frattempo, un altro dei nostri tester ha utilizzato Nuimo - uno Smart Home Controller per controllare alcune lampadine Hue. Si tratta di un controller ben progettato (e costoso), che funziona bene, ma non benissimo. Il sistema richiede inoltre una connessione Bluetooth a uno smartphone con l'app Hue installata, il che rende le cose piuttosto contorte. 

Se il telefono non è nel raggio d'azione, il controller non funziona. Abbiamo rilevato un certo ritardo nell'uso di Nuimo per controllare la tonalità di colore, a causa del fatto che il controller deve comunicare con lo smartphone e quindi con l'app. Bisogna comunque dire che questo è un difetto di progettazione di Nuimo, piuttosto che di Hue. Tuttavia, suggeriamo di usare gli interruttori Philips per controllare rapidamente e senza problemi l’illuminazione di Hue. Sono più facili da installare ed anche più economici.