Skip to main content

Recensione AMD Ryzen 7 3800XT

Una piccola grande miglioria

(Image: © Future)

Il nostro verdetto

AMD Ryzen 7 3800XT integra solo delle piccole migliorie rispetto all’attuale Ryzen 7 3800X. Tuttavia, visto che viene venduto allo stesso prezzo, per chi non aveva già eseguito l’upgrade a un processore Ryzen di terza generazione potrebbe rivelarsi davvero utile, anche se c’è un piccolo compromesso con cui bisognerà convivere: non include un sistema di raffreddamento.

Pro

  • Specifiche migliori
  • Stesso prezzo di Ryzen 7 3800X
  • Prestazioni di gioco incrementate

Contro

  • Nessun dispositivo di raffreddamento incluso
  • Temperatura e consumi energetici più elevati

AMD Ryzen 7 3800XT arriva esattamente dopo un anno rispetto al resto della gamma AMD Ryzen 3000, integrando la raffinata architettura Zen 2 da 7 nm con maggiori prestazioni single-core pur avendo lo stesso prezzo, anche se non include un dispositivo di raffreddamento della CPU.

Ciò significa che 3800XT, insieme ad AMD Ryzen 5 3600XT e Ryzen 9 3900XT, dovrebbe essere una via di mezzo tra le serie AMD Ryzen 3000 e AMD Ryzen 4000. Ma la cosa più importante è che questi processori hanno colmato il divario che si era creato tra Intel e AMD riguardo le prestazioni single-core, rendendo queste CPU tra le migliori attualmente disponibili per il gaming.

(Image credit: Future)

Prezzo e disponibilità

AMD Ryzen 7 3800XT è disponibile all’acquisto dal 7 luglio al costo di 330-350 euro circa, medesimo prezzo di AMD Ryzen 7 3800X, già disponibile su Amazon al prezzo di 330 euro.

L’offerta sembra piuttosto allettante, ma purtroppo, come la maggior parte delle componenti convenienti, anche questa CPU ha il suo tallone d’Achille: non integra un dispositivo di raffreddamento. Questa caratteristica potrebbe avere sia degli aspetti positivi che negativi. Il notevole aumento della temperatura causato dagli elevati TDP, potrebbe richiedere l’acquisto di un dispositivo di raffreddamento aftermarket, andando a occupare spazio.

Tuttavia, però sarebbe comunque la stessa cosa utilizzando uno dei dispositivi di raffreddamento inclusi, come Wraith Prism, in dotazione con AMD Ryzen 7 3800X. Un sistema di raffreddamento integrato però sarebbe davvero utile sotto molti punti di vista, soprattutto quando si assembla un PC per la prima volta e c’è il rischio di commettere qualche errore.

Anche se probabilmente sono davvero pochi gli utenti che hanno realmente bisogno di un dispositivo di raffreddamento incluso utilizzando questa tipologia di processori, ad esempio per diverso tempo anche Intel ha venduto i suoi chip Core i7 senza integrare un dispositivo di raffreddamento.

AMD Ryzen 7 3800XT dovrebbe essere il principale competitor di Intel Core i7-10700K, attualmente disponibile al prezzo di 450-460 euro, un po’ più caro. Non abbiamo ancora avuto la possibilità di testare Intel 10700K, ma anche se nessuno dei due è dotato di un dispositivo di raffreddamento, il chip Intel viene invece equipaggiato con una GPU integrata, che potrebbe rivelarsi utile per risolvere eventuali problematiche relative alla scheda grafica.

A differenza del fratello minore, le reali specifiche di Ryzen 5 3600XT non sono ancora molto chiare. Quando farete la vostra scelta tra Intel e AMD valutate bene pregi e difetti di entrambi i processori, anche se il Team Red, grazie alla compatibilità con le PCIe 4.0, si è guadagnato la nostra approvazione, caratteristica invece assente nei prodotti del Team Blue.

Immagine 1 di 15

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 2 di 15

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 3 di 15

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 4 di 15

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 5 di 15

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 6 di 15

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 7 di 15

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 8 di 15

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 9 di 15

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 10 di 15

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 11 di 15

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 12 di 15

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 13 di 15

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 14 di 15

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 15 di 15

(Image credit: Infogram; Future)

Funzionalità e chipset

I nuovi processori AMD Ryzen 3000XT si basano sulla stessa architettura Zen 2 da 7nm utilizzata nel resto della serie Ryzen di terza generazione, ma con qualche miglioramento.

AMD ha lavorato duramente per migliorare questa particolare architettura sin dal suo lancio avvenuto nel luglio 2019 ed è stata in grado di spremere i processori riuscendo a ottenere frequenze leggermente più elevate senza aumentare sostanzialmente il consumo di energia e le temperature.

Ma ciò non vuol dire che i picchi di temperatura ed energia utilizzate non siano cambiati: Ryzen 7 3800XT arriva a un massimo di 122,85 W consumati rispetto ai 90,18 W di Ryzen 7 3700X (non abbiamo un AMD Ryzen 7 3800X da testare). Di conseguenza ciò comporta ovviamente anche temperature più elevate, 3800XT raggiunge un picco di 78,5 °C rispetto ai 72,6 di 3700X, in questo caso niente di particolarmente preoccupante.

L’incremento del consumo energetico è dovuto alla possibilità di poter overcloccare ulteriormente la CPU: la 3800XT può raggiungere i 4,7 GHz, mentre la 3800X arriva a un massimo di 4,5 GHz. La differenza di 200 MHz non è molto, ma determina comunque una differente velocità di elaborazione.

Dopo un intero anno dalla data di rilascio di AMD Ryzen 3000, rimane ancora l'unica CPU desktop che supporta le PCIe 4.0. Al momento potrebbe non sembrare una caratteristica molto importante, ma tra un paio d'anni è molto probabile che lo diventerà ed è proprio grazie al supporto proposto da AMD che queste CPU verranno commercializzate per diverso tempo.

Immagine 1 di 6

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 2 di 6

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 3 di 6

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 4 di 6

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 5 di 6

(Image credit: Infogram; Future)
Immagine 6 di 6

(Image credit: Infogram; Future)

Prestazioni

Test system specs

Questa è la combinazione che abbiamo utilizzato per testare le prestazioni della CPU desktop:

AMD:

CPU Cooler: Cooler Master Masterliquid 360P Silver Edition 

Scheda grafica: Nvidia GeForce RTX 2080 Ti

RAM: 32 GB HyperX Predator RGB @ 3.000 MHz 

Scheda madre: X570 Aorus Master

SSD: ADATA XPG SX8200 Pro @ 1 TB

Alimentazione: Phanteks RevoltX 1200

Case: Praxis Wetbench

Intel decima generazione:

CPU Cooler: Cooler Master Masterliquid 360P Silver Edition

Scheda grafica: Nvidia GeForce RTX 2080 Ti

RAM: 32 GB HyperX Predator RGB a 3.000 MHz

Scheda madre: MSI MEG Z490 Godlike

SSD: ADATA XPG SX8200 Pro @ 1 TB

Alimentazione: Phanteks RevoltX 1200

Case: Praxis Wetbench

Intel di nona generazione:

CPU Cooler: Cooler Master Masterliquid 360P Silver Edition

Scheda grafica: Nvidia GeForce RTX 2080 Ti

RAM: 32 GB HyperX Predator RGB a 3.000 MHz

Scheda madre: MSI MEG Z390 ACE

SSD: ADATA XPG SX8200 Pro @ 1 TB

Alimentazione: Phanteks RevoltX 1200

Case: Praxis Wetbench

Scrivere questa recensione di AMD Ryzen 7 3800XT senza poter fare un paragone diretto con Ryzen 7 3800X non è stato facile, ma abbiamo fatto riferimento alla dettagliata e approfondita recensione di quest'ultima CPU scritta dal team di Tom's Hardware e con le impostazioni di fabbrica la differenza sembra essere davvero minima.

Non siamo rimasti sorpresi del fatto che nei test Cinebench R20  3800XT mostri un incremento delle prestazioni single-core del 4% e del 6% nelle prestazioni multi-core. La differenza viene evidenziata anche dal test per CPU 3DMark Time Spy, in cui Ryzen 7 3800XT ottiene un punteggio di 10.265 rispetto ai 10.014 ottenuti da 3700X, una differenza del 3%.

In tutti i nostri test di gioco, AMD Ryzen 7 3800XT si è comportato quasi come Intel Core i9-10900K, a eccezione dello specifico test per CPU Time Spy, in cui il processore Intel ha ottenuto il 26% in più.

Nel complesso la differenza prestazionale non è poi così strabiliante, ma non deve necessariamente esserlo. AMD sta di fatto commercializzando Ryzen 3000XT allo stesso prezzo prezzo del suo predecessore proprio per sostituirlo. E nonostante la mancanza di un dispositivo di raffreddamento incluso potrebbe far storcere il naso a diversi utenti, poter ottenere allo stesso prezzo delle prestazioni migliori non è sicuramente un aspetto negativo, anche se la differenza è davvero minima.

Non aspettatevi però che questo processore possa stracciare le componenti preesistenti, è semplicemente un AMD Ryzen 7 3800X overcloccato.

Intel nel 2019 aveva già tentato un approccio simile con Core i9-9900KS, ma a differenza di quel processore, che venne venduto ad un prezzo decisamente alto, giustificato dal fatto che fosse "una special edition", questa CPU è dedicata agli utenti che non hanno ancora fatto l’upgrade alle componenti AMD Ryzen di terza generazione, mantenendo il medesimo prezzo.

(Image credit: Future)

Verdetto finale

AMD Ryzen 7 3800XT nel complesso è solo un piccolo upgrade. Otterrete un incremento del 3-5% nelle prestazioni single-core e multi-core. Non è niente di speciale, ma va bene comunque.

Se avete già le idee chiare e pensate di passare ai processori AMD della serie Ryzen 3000, non c'è motivo di non provare AMD Ryzen 7 3800XT, paragonabile alle CPU Intel Core i7.

In ogni caso, se non avevate già in programma di passare alla serie Ryzen 3000, questo processore non sarà di certo sufficiente per potervi convincere.