Skip to main content

Xbox Series X sarà in grado riprodurre i titoli in 4K a 60 fps

(Image credit: Microsoft)

La prossima generazione di console uscirà ufficialmente nell’ultimo trimestre dell’anno. E fino ad ora non ci sono state molte informazioni su Xbox Series X e PS5, all’infuori di qualche slogan altisonante come "8K" e "tempi di caricamento istantanei".

Microsoft ha rivelato alcune informazioni in un post sul proprio blog un paio di settimane fa, ma ciò era in gran parte limitato a una vaga affermazione che la GPU avrebbe offerto ben 12 teraflop.

Ieri, il colosso di Redmond ha fornito maggiori informazioni attraverso un lungo post su Eurogamer, e ora abbiamo un quadro molto più chiaro sulla scheda tecnica di Xbox Series X, che è davvero notevole. 

 La Xbox Series X avrà l'equivalente di un AMD Ryzen 7 3700X, ma senza un Boost Clock 

 La Xbox Series X avrà l'equivalente di un AMD Ryzen 7 3700X, ma senza un Boost Clock  (Image credit: Future)

Si parla di numeri

Sapevamo già che l'Xbox Series avrebbe montato un processore AMD Zen 2 e una GPU basata su RDNA 2, ma ora disponiamo delle specifiche complete. 

The Xbox Series X will have an 8-core, 16-thread processor with a maximum clock of 3.8 GHz, but it won't quite operate like a desktop chip.

Xbox Series X avrà un processore da 8 core/16 thread con una frequenza massima di 3,8 GHz, ma non funzionerà come un chip desktop. La frequenza non aumenterà  automaticamente in base alle esigenze del software, ma rimarrà sempre a una velocità fissa, a seconda di come gli sviluppatori useranno le CPU.

Ciò che intendiamo è che gli sviluppatori possono utilizzare il processore con o senza SMT (multi-threading simultaneo) e la velocità di clock cambierà in base alla loro scelta. I 3,8 GHz saranno disponibili solo in assenza dell'hyperthreading, il che aumenterà le prestazioni single-core.

In questo momento, la maggior parte dei titoli è ottimizzata per sfruttare pochi core ed elevate frequenze, tuttavia in futuro gli sviluppatori potrebbero puntare più sul multi-threading, e la CPU di Xbox Series X sarà pronta per questo passaggio.

Ciò che è particolarmente interessante, tuttavia è la GPU inclusa nel Soc. Microsoft ha inserito una GPU da ben 12TFLOP per il gameplay in 4K a 60 fps.

The Xbox Series X will be using a GPU with 3,328 Stream Processors spread across 52 compute units ... the AMD Radeon RX 5700 XT – the current AMD RDNA flagship – is rocking 2,560 Stream Processors across 40 compute units.

Xbox Series X sarà equipaggiata con un chip grafico da 3.328 Stream processor distribuiti su 52 unità di calcolo. A confronto, l’AMD Radeon RX 5700 XT, l'attuale top di gamma per il settore desktop, offre 2.560 Stream processor su 40 unità di calcolo. Ciò significa che la GPU della Xbox Series X, non solo avrà un’architettura più potente ed efficiente, ma anche il 24% in più di unità di calcolo rispetto alla 5700 XT, il che dovrebbe portare a prestazioni eccezionali.

La console di Microsoft disporrà anche di 16 GB di VRAM GDDR6 da 14 Gbps, che sarà condivisa tra CPU e GPU. Il sistema operativo della console sfrutterà un solo core della CPU, per cui non dovrebbe richiedere troppa RAM di sistema, lasciando molte risorse libere per l’esecuzione dei giochi.

Come se non bastasse, Microsoft usufruirà anche della tecnologia PCIe Gen 4.0 per espandere la memoria di massa se necessario. Questo potrebbe aprire le porte per i giochi in 8K nativo.

Giocheremo in 4K nativo? 

Xbox One X e PS4 Pro non sono in grado di eseguire titoli in 4K nativi, sebbene siano state commercializzate con tale slogan. Sony e Microsoft hanno utilizzato processi di rendering per upscalare la risoluzione dei giochi fino al 4K.

La qualità grafica di questi tioli è certamente notevole, ma non regge il confronto con il 4K nativo, che richiede molta potenza. A dirla tutta, con quello che offre il mercato in questo momento, dovremmo spendere 900 euro per giocare in 4K, acquistando una RTX 2080 Super.

Xbox Series X monta una GPU più potente di una RTX 2080 Super a un prezzo che sarà probabilmente molto più accessibile di una scheda grafica di fascia alta, quindi presto il 4K sostituirà il Full HD come risoluzione standard nel mondo videoludico.

Xbox Series X può già eseguire Minecraft con il ray tracing

Xbox Series X può già eseguire Minecraft con il ray tracing (Image credit: Microsoft; Nvidia)

Il ray tracing sarà il futuro

Sony e Microsoft hanno promesso che le loro console avrebbero supportato il ray tracing, proprio come la linea di schede grafiche Nvidia Turing.

Le schede RDNA di prima generazione di AMD come la Radeon RX 5700 non supportavano questa funzione, tuttavia ora sappiamo cosa Xbox Series X potrà offrirci in tal senso. Quest’ultima sarà in grado di sfruttare ben 25 TFLOP per gestire i carichi di lavoro in ray tracing. Ora, è difficile paragonare questo dato con quello della Nvidia GeForce RTX 2080 Ti, poiché Nvidia misura tali prestazioni in Giga Rays/s.

Non sappiamo ancora se le nuove GPU di AMD saranno paragonabili a quelle di Nvidia a questo proposito, ma è chiaro che se i titoli next-gen supporteranno il ray tracing, in futuro questa tecnologia sostituirà definitivamente l’attuale processo di rasterizzazione. Al momento, sono pochi i giochi dotati di ray tracing, quindi abbiamo bisogno del contributo delle console per “sdoganare” questa tecnologia verso il pubblico di massa.

AMD e Microsoft sembrano anche prendere di mira la tecnologia DLSS di Nvidia con RDNA 2 e Xbox Series X. Il DLSS o deep learning super-sampling, è una tecnologia che utilizza hardware dedicato su schede grafiche Turing per migliorare le immagini attraverso l’IA.

Le schede grafiche Nvidia sfruttano Tensor core dedicati per eseguire questo processo, ma AMD sta adottando un altro approccio. Il Team Red farà affidamento sul throughput raw della GPU ed eseguirà i carichi di lavoro di machine learning attraverso operazioni a numeri interi a 8 e 4 bit, una precisione molto inferiore rispetto alle operazioni a 32 bit che vengono generalmente utilizzate nei carichi di lavoro grafici. Queste operazioni richiederanno un'enorme quantità di energia, tuttavia non sacrificheranno troppo le prestazioni.

Sembra che le console offriranno prestazioni paragonabili a quelle delle migliori schede video 

Sembra che le console offriranno prestazioni paragonabili a quelle delle migliori schede video  (Image credit: Future)

Cosa significa questo per i PC da gioco?

Le specifiche di Xbox Series X sono indubbiamente notevoli, ma ciò cosa comporterà per chi preferisce giocare su PC? Beh, significa che dovrete effettuare degli upgrade, nel prossimo futuro.

Le specifiche della nuova Xbox non supereranno i componenti consumer più potenti sul mercato, ma ci si avvicineranno parecchio. Verso la fine dell'anno, dovrete acquistare una CPU da 8 core/ 16 thread e almeno una Nvidia GeForce RTX 2080 Super se vorrete rimanere all'avanguardia.

Queste componenti però sono alquanto costose, per cui molti consumatori potrebbero semplicemente ripiegare sulle console next-gen. All’uscita, Xbox Series X potrebbe benissimo essere alla pari con i migliori PC da gioco, e dato che avrà un prezzo contenuto sarà certamente un’opzione interessante anche per i più scettici.

Ci vorrà un po' di tempo prima di poter testare le nuove console, ma la loro scheda tecnica è certamente promettente.

Stiamo per assistere a un vero salto generazionale, che si farà sentire indipendentemente dalla piattaforma su deciderete di giocare.