Skip to main content

Windows 10 ARM potrebbe supportare le app tradizionali a 64-bit

(Image credit: Future)

Windows 10 ARM potrebbe eseguire applicazioni a 64-bit (note anche come x64), dal momento che Microsoft starebbe lavorando per implementare il supporto tramite emulazione.

Al momento, Windows 10 ARM permette di eseguire programmi x86 a 32-bit usando l'emulazione, ma non software dedicati a 64-bit come, ad esempio, Adobe Premiere Pro.

Le app ARM (ARM64) native a 64-bit possono essere eseguite se lo sviluppatore rendesse il software compatibile, ma questo richiederebbe uno sforzo aggiuntivo e creare un'applicazione come quella di Adobe per dispositivi ARM potrebbe rivelarsi un lavoro troppo duro.

Tuttavia, secondo Kenny Kerr di Github, Microsoft starebbe lavorando sull’emulazione x64 (sotto forma di ARM64EC) per permettere alle applicazioni Windows a 64-bit di funzionare.

Secondo il sito Windows Latest (che ha individuato questa possibilità), l’emulatore di app a 64-bit potrebbe arrivare tramite aggiornamento nella prima metà del 2021 (una data che è stata menzionata in precedenza anche da altre indiscrezioni). 

Le prestazioni sono fondamentali 

Le applicazioni x64 sono più difficili da renderle funzionanti e fluide rispetto a quelle a 32-bit.

Tuttavia, i dispositivi che eseguono Windows 10 ARM sono diventati sempre più potenti (utilizzano i chip Snapdragon 8cx), quindi le preoccupazioni in merito alle prestazioni potrebbero non essere così allarmanti.

Se questa indiscrezione si rivelasse corretta, Windows 10 ARM sarebbe in grado di eseguire qualsiasi app di Windows (sia 32 bit che 64 bit) sul proprio dispositivo,  offrendo agli utenti una maggiore compatibilità software. Tuttavia, rimane il dubbio sulle prestazioni per le applicazioni emulate (che dipenderanno anche dal vostro hardware, ovviamente).