Skip to main content

The Witcher: la serie Netflix sbaraglia la concorrenza con cifre da capogiro

(Image credit: Netflix)

I dati pubblicati dal servizio in streaming parlano di 76 milioni di spettatori che hanno seguito le avventure di The Witcher, rendendola in tempi record una delle prime stagioni più popolari di sempre e, potenzialmente, uno dei migliori show a marchio Netflix. Le cifre sono strabilianti e pongono la serie ben al di sopra di Game Of Thrones, la celebre saga fantasy terminata lo scorso anno con una puntata finale seguita da 19 milioni di persone. Ovviamente, la seconda stagione di The Witcher è già in produzione.

Il problema è che questi numeri vengono conteggiati con un metodo particolare: Netflix conteggia una visualizzazione con un minimo di due minuti trascorsi dall’avvio di una puntata, scelta che l’azienda definisce “intenzionale” e che sostituisce il vecchio parametro che considerava le visualizzazioni solo qualora lo spettatore avesse assistito ad almeno il 70% dell’episodio. Va notato inoltre che le metriche utilizzate da Nielsen per misurare lo share di serie come Game Of Thrones sono completamente differenti.

Detto questo, qualsiasi sistema di misurazione si utilizzi, il fatto che 76 milioni di iscritti abbiano scelto di guardare la serie (anche solo per due minuti) rimane un dato decisamente impressionante. Questo numero infatti supera il totale degli iscritti alla piattaforma rivale, l’americana Hulu, e corrisponde a sette volte il numero totale di iscritti che Disney Plus poteva contare fino a due mesi fa.

Inizio a rilento negli US, grande successo all’estero 

Ovviamente The Witcher non è l’unica novità del mese scorso. Nello stesso periodo, Netflix ha registrato 73 milioni di spettatori per The Crown, al termine della prima serie, e Underground 6, un nuovo film diretto da Michael Bay con protagonista Rayan Reynolds, ha totalizzato ben 83 milioni di visualizzazioni. Ovviamente si tratta di cifre enormi, ma ricordate, basta seguire lo show per due minuti per far salire il numero di visualizzazioni.

Per il resto non ci sono particolari interessanti nel report di Netflix, eccezion fatta per alcune statistiche degne di nota. Per iniziare, Netflix ha dichiarato un profitto di 20 miliardi di dollari nel 2019, superando i 100 milioni di adesioni al di fuori dei confini statunitensi, dove al momento conta circa 70 milioni di abbonati.

L'azienda ha dichiarato di voler utilizzare gli incassi per creare nuovi contenuti, prendendo Black Mirror Bandersnatch come esempio pratico dell’evoluzione del formato originale offerto dal servizio, oltre ad annunciare la sesta stagione di BoJack Horseman, Locke & Key e la terza stagione di Ozark.

Sul piano tecnologico, Netflix ha annunciato l’arrivo dei suoi piani dedicati al segmento mobile in Malesia, Indonesia e India. A detta del colosso dello streaming, questa offerta verrà estesa ad altri paesi nel corso del prossimo anno.