Skip to main content

Microsoft, Windows 10 permetterà di associare una GPU preferita ad ogni applicazione

(Image credit: Sapphire Technology)

Gli utenti più esperti sanno che alcuni programmi sono in grado di sfruttare le funzionalità proprietarie delle GPU e quando vengono impostati correttamente possono erogare prestazioni superiori. Microsoft sta quindi per rilasciare un aggiornamento di Windows 10, che uscirà a breve e permetterà agli utenti del sistema operativo della casa di Redmond di associare una GPU a loro scelta a ciascuna delle applicazioni presenti sul sistema.

In questo momento Windows 10 consente agli utenti di scegliere una GPU per carichi di lavoro pesanti e una per l’utilizzo leggero, in questo modo è possibile sfruttare la massima potenza disponibile quando serve e risparmiare energia in tutte le altre situazioni. Questa funzionalità è piuttosto valida, in particolare per i proprietari di notebook che hanno una GPU integrata e una dedicata che convivono sotto lo stesso chassis. Tuttavia, gli appassionati con più schede video di diversi fornitori, così come i professionisti che potrebbero avere a disposizione più schede professionali tra cui scegliere, questa situazione potrebbe non essere ottimale.

Amazon Prime Day 2020, le migliori offerte in tecnologia

Più flessibilità

A partire dalla build 20190 di Windows 10, i possessori di sistemi con più schede grafiche potranno associare una GPU specifica a una particolare applicazione.
Per fare un esempio dei motivi per cui questa funzione potrebbe rivelarsi necessaria prendiamo come esempio la GeForce RTX 2080 Ti di Nvidia, che è attualmente la scheda grafica gaming più performante disponibile, ma è meno ideale della professionale Quadro RTX 4000 dello stesso produttore quando si utilizzano applicazioni professionali certificate.
Queste ultime sono state studiate per sfruttare i miglioramenti hardware e software esclusivi di Quadro non supportati dai driver Studio di Nvidia. A tal fine, ha senso assegnare la GeForce RTX per i giochi e utilizzare la Quadro RTX 4000 per le applicazioni professionali. Un altro potenziale esempio potrebbe venir dato dall'utilizzo di una scheda per elaborazione di intelligenza artificiale che richiede molto tempo o particolari caratteristiche architetturali e lasciare che una seconda scheda si occupi del resto delle attività grafiche.
La build 20190 di Windows 10 si trova attualmente in stato beta, quindi l’unico modo per installarla oggi è iscriversi al programma Windows Insider di Microsoft. In caso contrario vi basterà aspettare perché probabilmente verrà diffusa a breve.

FonteBleepingComputer