Skip to main content

Microsoft vuole comprare Discord per 10 miliardi di dollari

Discord and Microsoft
(Image credit: Discord and Microsoft)

Discord si è fatta una certa fama tra i giocatori di tutto il mondo, come piattaforma di chat; e ha un discreto successo anche per le chiacchiere tra amici non legate direttamente al gaming. Il successo è tanto che la società sta ora considerando la vendita a qualche azienda più grande. Microsoft sarebbe tra gli interessati, per 10 miliardi di dollari, o anche di più. 

Al momento le trattative sarebbero ancora in alto mare, comunque, e non sembra che la conclusione possa arrivare molto presto. 

VentureBeat riporta delle trattative tra Microsoft e Discort, per un accordo da 10 miliardi di dollari. D'altro canto secondo Bloomberg Discord sarebbe più incline a un'offerta pubblica tramite la borsa.  

Nessuna delle due aziende ha fornito commenti in materia. 

Discord è tra le aziende che hanno guadagnato qualcosa con la pandemia da Covid-19, per il semplice fatto che moltissime persone si sono trovate a passare molto più tempo in casa, da un giorno all'altro. Oggi Discord ha lasciato il mondo gaming e ospita videoconferenze di ogni genere, lezioni a distanza, seminari e così via. 

Al momento il servizio conta circa 100 milioni di utenti attivi, un valore che sarebbe importante per Microsoft. Il colosso di Redmond, infatti, è da anni alla ricerca di modi per ampliare il suo portafoglio prodotti così come la sua base di utenza. 

Qualche anno fa Microsoft ha comprato Linkedin, e di recente ha tentato delle operazioni su TikTok e Pinterest. Secondo Matthew Kanterman, analista di Bloomberg, il tentativo di comprare Discord è in linea con le attuali strategie di Microsoft. 

"C'è la grande opportunità di fondere la versione premium di Discord, Nitro, con il servizio Game Pass di Microsoft, e ottenere così più abbonamenti rispetto ai 18 milioni attuali", ha detto l'esperto. 

Ed è abbastanza evidente quanto Microsoft sia interessata a sviluppare il settore gaming, come dimostra anche la recente acquisizione di ZeniMax Media Inc e della sua controllata Bethesda - cioè la casa che sviluppa e pubblica giochi come The Elder Scrolls, Doom, Fallout e altri.