Skip to main content

iPhone 12 potrebbe essere il primo smartphone Apple ad avere un sensore di profondità 3D

iPhone 11 Pro
(Image credit: Apple)

L'iPhone 11 è sul mercato da ormai più di sei mesi ed è giunto il momento di spostare la nostra attenzione sui prossimi modelli che saranno presentati nel 2020. Tra le novità e i miglioramenti che verranno introdotti, potrebbe esserci anche un quarta fotocamera.

Fast Company ha ricevuto conferma da una fonte piuttosto affidabile che almeno uno degli iPhone di quest'anno avrà un sensore di profondità 3D sul retro. Sarà composto da un emettitore laser, un ricevitore e un apposito software di gestione capace di creare una mappa tridimensionale della profondità di una stanza o della forma degli oggetti inquadrati. Le applicazioni possibili spaziano dalla fotografia, alla registrazione video, fino alla realtà aumentata. 

Un nuovo sensore per Apple

Anche la telecamera TrueDepth che Apple utilizza per Face ID si basa sullo stesso principio: crea una mappa 3D del volto dell’utente per garantire un sistema di sblocco con il volto più sicuro.

Non è la prima volta che sentiamo parlare di sensori di profondità riferendoci a dispositivi Apple. Queste indiscrezioni circolano da anni. Infatti, anche l'iPad Pro di nuova generazione dovrebbe includere un simile sensore. Nonostante l'effetto possa essere simulato utilizzando delle normali fotocamere, le complesse applicazioni in realtà aumentata (AR) richiedono informazioni più accurate. Anche il framework ARKit di Apple sarà in grado di sfruttare questo nuovo sensore.

La maggior parte degli smartphone Android di fascia alta possiede già un sensore di profondità di qualche tipo che si attiva durante la fotografia in modalità ritratto o addirittura durante la registrazione dei video. L'utilità è stata tuttavia limitata fino a questo momento. Con sensori di profondità 3D avanzati che stanno diventando sempre più comuni, le applicazioni AR sono destinate a migliorare e aumentare di numero.

Tuttavia, il futuro dei prossimi prodotti Apple sembra tutt’altro che roseo, dato che il lancio di iPhone 9 è stato apparentemente rimandato di molti mesi per l'incapacità degli stabilimenti cinesi di aumentare la produzione a causa dei recenti avvenimenti. Se lo scenario non migliora presto, anche la produzione e di conseguenza il lancio di iPhone 12 potrebbe subire notevoli ritardi.