Skip to main content

Huawei rischia di perdere accesso a TSMC e altri fornitori

Huawei
(Image credit: Future)

Continuano le voci riguardo al fatto che il governo degli Stati Uniti stia prendendo in considerazione di imporre nuove restrizioni verso i produttori di componenti che lavorano al di fuori del paese e che utilizzano tecnologia americana per fornire materiale a Huawei.

Ciò potrebbe significare che i produttori di componenti come TSMC, fornitore hardware di Apple, Qualcomm e Huawei, non sarebbero in grado di rifornire il gigante cinese.

Questa è solo una delle diverse opzioni che saranno prese in considerazione dalla bozza che verrà esaminata nelle riunioni che si terranno durante questa settimana e nella prossima. Reuters afferma che, anche se c’è già una bozza pronta, non è ancora possibile trarre nessuna conclusione.

Il colpo di grazia

Secondo Everbright, al momento in Cina non esistono aziende che utilizzino esclusivamente materiale cinese per la produzione dei vari componenti. Se la proposta andrà in porto potrebbe rivelarsi davvero devastante per Huawei, che nonostante tutto, continua ad essere per popolarità la seconda società di smartphone al mondo.

La fonte di Reuters afferma: "Quello che gli Stati Uniti stanno cercando di fare è assicurarsi che nessun componente vada a Huawei senza la loro autorizzazione".

Huawei si è trovata tirata in ballo nelle vicende che hanno coinvolto Cina e Stati Uniti dal 2019, quando è stata inserita nella lista nera del governo Trump a seguito di presunto spionaggio e furto di dati. Gli Stati Uniti hanno inoltre “consigliato” ai propri alleati di non consentire alle apparecchiature Huawei l’accesso alle reti 5G, sostenendo che la società di telefonia sia un rischio per la sicurezza nazionale.

Accuse che comunque sono sempre state negate da Huawei.

In passato, le società statunitensi e straniere che desideravano collaborare con Huawei fornendo componenti, dovevano chiedere un permesso aggiuntivo, tuttavia, le società cinesi erano spesso in grado di ottenere le forniture tramite filiali o partner delocalizzati delle originarie società statunitensi.

Gli Stati Uniti stanno rimuginando un ulteriore provvedimento restrittivo nei confronti di Huawei da un po' di tempo, nonostante alcuni membri dell'amministrazione Trump siano riluttanti a prendere una decisione così drastica, in quanto potrebbe involontariamente obbligare il settore delle innovazioni tecnologiche a spostarsi fuori dagli Stati Uniti,  a vantaggio della Cina.

Via: Reuters