Skip to main content

Huawei: le sanzioni USA pesano sul quarto trimestre 2019

(Image credit: Future)

Cinque dei primi 10 produttori hanno aumentato il fatturato nel quarto trimestre del 2019 rispetto al 2018.

Secondo i dati IHS Markit, le spedizioni sono scese a 359,2 milioni di unità, in calo dell'1,5% rispetto a 364,8 milioni di unità nel quarto trimestre del 2018.

Samsung è cresciuta dell'1% su base annua, passando a 70,7 milioni di unità rispetto a 70,2 milioni di unità. Apple è cresciuta del 5%, arrivando a 67,7 milioni di unità, rispetto a 64,3 milioni di unità. Xiaomi, dopo essere stata sotto pressione per gran parte del 2019, ha registrato un trimestre di forte crescita con un aumento del 36% a 32,7 milioni di unità, rispetto a 24 milioni dello scorso anno.

Motorola continua a recuperare quote di mercato con una modesta crescita del 2%, raggiungendo i 10,3 milioni nel quarto trimestre. Questa è la prima volta dal quarto trimestre del 2018 che Motorola supera i 10 milioni di unità.

"Nonostante la crescita a doppia cifra avuta durante l’anno, Huawei nel quarto trimestre ha iniziato a risentire delle sfavorevoli azioni commerciali del governo degli Stati Uniti", ha dichiarato Jusy Hong, direttore delle ricerche e analisi sugli smartphone presso IHS Markit.

"Dopo tre trimestri di crescita significativa nel 2019, le spedizioni di Huawei sono diminuite del 7,4% su base annua nel quarto trimestre."

Fino al quarto trimestre, Huawei aveva superato bene le incertezze dovute al bando degli Stati Uniti, spedendo quasi 60 milioni di unità nel primo trimestre, seguite da 59 milioni nel secondo trimestre e 66,8 milioni nel terzo. Il governo degli Stati Uniti ha concesso licenze ad alcune aziende statunitensi per continuare a vendere prodotti a Huawei, ma finora Google non è una tra queste.

Nel quarto trimestre Motorola ha annunciato il suo dispositivo pieghevole, il nuovo RAZR. A differenza dei pieghevoli Samsung e Huawei, questo smartphone utilizza uno schermo pieghevole per ridurre le dimensioni del telefono. Tuttavia, il dispositivo non ha ancora raggiunto i consumatori e quindi non ha apportato beneficio alle spedizioni di Motorola nel quarto trimestre.

Infine, Tecno è cresciuta del 13% anno su anno nel quarto trimestre, a 4,3 milioni di unità, in aumento rispetto ai precedenti 3,8 milioni di unità, attestandosi tra i 10 principali OEM di smartphone.

Le spedizioni globali di smartphone Realme sono aumentate del 275% anno su base annua, salendo a 7,3 milioni di unità nel quarto trimestre del 2019, rispetto a 1,9 milioni di unità nello stesso periodo del 2018.

Mentre Realme è entrata in scena come marchio autonomo nel terzo trimestre del 2019 con la spedizione di oltre 10 milioni di unità, l’azienda non è stata in grado di sostenere questa crescita aggressiva nel quarto trimestre.

Le spedizioni al di fuori di questa top 10 sono diminuite da 70,3 milioni di unità nel quarto trimestre del 2018 ai 57,1 milioni di unità nel quarto trimestre del 2019, con un calo del 19%.

Apple ha riacquistato la propria posizione nel quarto trimestre del 2019, dopo un paio di anni di declino. La nuova serie iPhone 11 sembra essere ciò che i consumatori volevano. Un'ulteriore crescita nell’ambito dei dispositivi indossabili e dei servizi dell'azienda punta a raggiungere nuovi utenti che potrebbero entrare a far parte dell'ecosistema Apple.

 Guardando al futuro 

Hong ha affermato che le tensioni tra il governo degli Stati Uniti e Huawei continueranno a persistere e avranno un impatto sull'azienda e sul mercato globale.

La diffusione del coronavirus in Cina influenzerà il mercato degli smartphone, Apple stessa ha affermato che questa sfida avrà probabilmente un impatto sul suo business. Anche altri OEM dovranno affrontare ostacoli simili nella catena di approvvigionamento.

"Huawei ora sta lanciando i suoi ultimi smartphone di punta a livello internazionale", ha affermato Anna Ahrens, analista senior di IHS Markit.

"Tuttavia, in mercati come l'Europa occidentale, la mancanza di servizi Google renderà i telefoni Huawei una vendita difficile per i consumatori, soprattutto considerando che la serie Mate dell'azienda si classifica tra i prodotti di fascia alta".

(Image credit: Future)

Samsung rimane leader nelle vendite nel 2019

Oltre a Samsung e Huawei, la maggior parte degli altri principali OEM di smartphone ha chiuso l'anno con spedizioni in calo rispetto al 2018.

Le spedizioni sono state pari a 1,38 miliardi di unità nel 2019, 2,2% in meno rispetto a 1,41 miliardi nel 2018. Questa riduzione è stata leggermente inferiore al calo del 2,4% dal 2017 al 2018.

Proprio come nel 2018, Samsung ha chiuso il 2019 come leader nelle spedizioni di smartphone. L’azienda sudcoreana ha spedito 294,8 milioni di unità nel 2019, in crescita dell'1,7% rispetto ai 289,9 milioni del 2018.

"L'attenzione di Samsung sui prezzi per i prodotti di fascia media nel 2019 sta aiutando l’azienda a respingere la concorrenza globale di Huawei, Xiaomi, Oppo e Vivo", ha affermato Gerrit Schneemann, analista senior di IHS Markit.

Huawei ha chiuso il 2019 posizionandosi subito dietro a Samsung. Durante l’anno Huawei ha registrato una crescita del 16,7% rispetto al 2018, raggiungendo 240,6 milioni di unità nel 2019, rispetto ai 206,1 milioni del 2018.

Xiaomi è cresciuta del 4% su base annua, con spedizioni che hanno raggiunto i 124 milioni di unità nel 2019, rispetto ai 118,7 milioni del 2018. L'India rimane un mercato critico per Xiaomi, ma la’azienda ora sta affrontando una competizione sempre più pressante all’interno del Paese.

Uno dei principali concorrenti di Xiaomi in India è attualmente Realme, che si situa al nono posto. Il marchio Realme è entrato per la prima volta sul mercato nel secondo trimestre del 2018, rendendosi indipendente da Oppo nel terzo trimestre del 2019 per espandersi sul mercato indiano.

I marchi iTel, Tecno e Infinix, tutti di proprietà del colosso cinese Transsion Holdings, sono cresciuti collettivamente del 9,6% nel 2019, raggiungendo 37,3 milioni di unità nel 2019, rispetto ai 34,4 milioni del 2018.