Skip to main content

Halo Infinite, 343 smentisce il rinvio al 2022 e conferma l’arrivo su Xbox One

Halo Infinite
(Image credit: 343 Industries)

Anche se spesso i rumors sono utili a fornire informazioni prima degli annunci ufficiali delle aziende, a volte si rivelano falsi, come nel caso delle recenti voci su un possibile rinvio di Halo Infinite e sulla presunta cancellazione della versione per Xbox One.

Si è discusso molto sul rinvio di Halo Infinite, dopo che il lancio previsto per il 2020 in concomitanza con l’arrivo di Xbox Series X è stato posticipato al 2021. Il motivo di questa scelta, stando a quanto affermano gli sviluppatori, è la volontà di presentare ai fan un prodotto finito e ottimizzato al meglio, anche se alcune voci discordanti sostengono che la produzione della serie TV dedicata a Halo sia il vero motivo del rallentamento dei lavori.

John Junyszek, il Community Manager di Halo per 343 Industries, ha risposto a un fan che ipotizzava un ulteriore rinvio al 2022 confermando che "non ci sono intenzioni di modificare ulteriormente la data di uscita o i dispositivi supportati."

La parte finale della risposta sembra riferita alle ipotesi secondo le quali la versione di Halo Infinite per Xbox One sarebbe stata abbandonata per favorire quella next-gen dedicata a Xbox Series X, teoria alimentata dalla scelta di Microsoft di cessare la produzione delle console Xbox One X e Xbox One S. Tuttavia, considerando il numero di utenti che giocano su Xbox One, è improbabile che 343 decida di muoversi in tal senso.

Anche se un ulteriore rinvio è fuori discussione, l’attuale ritardo è stato annunciato a Agosto. Ovviamente se ci fossero altri rinvii questi non verrebbero segnalati con largo anticipo, perlomeno non prima del 2021.  

Un'attesa motivata

Anche se la notizia del ritardo di Halo Infinite ha deluso molti fan che speravano di giocarlo prima della fine del 2020, il fatto che 343 voglia garantire il miglior risultato possibile potrebbe essere una mossa redditizia nel lungo periodo. 

Il gameplay mostrato a luglio ha diviso la fanbase, principalmente a causa di una grafica che non ha soddisfatto a pieno le aspettative. Se questi ritardi dovessero portare a un perfezionamento di questo e altri aspetti, forse varrebbe la pena aspettare.